Eurostat: Nuovo calo della popolazione europea

La popolazione dell’Unione europea si è ridotta per il secondo anno consecutivo lo scorso anno, ha annunciato oggi l’ufficio statistico dell’Unione europea, poiché la regione è stata scossa da oltre due milioni di morti a causa del coronavirus.

Secondo Eurostat, la popolazione dei 27 paesi che compongono l’UE in calo di quasi 172.000 rispetto a un anno fa e più di 656.000 da gennaio 2020.

“Nel 2020 e nel 20221, la migrazione netta positiva non compensa più i cambiamenti fisici negativi nell’UE e, di conseguenza, la popolazione totale dell’UE diminuisce”, ha affermato l’ufficio statistico, mostrando l’impatto della pandemia.

I decessi hanno iniziato a superare le nascite nell’UE dieci anni fa, ma l’immigrazione dall’esterno dell’UE sta contribuendo a fare la differenza fino al primo anno di pandemia.

L’ultima volta che l’Unione Europea ha registrato un calo demografico è stato nel 2011, l’unica altra volta dal 1960, ma è cresciuta rapidamente a causa della migrazione netta.

Data la pandemia, l’invecchiamento della popolazione e il tasso di natalità relativamente basso, Eurostat lo riferisce le morti continueranno a superare il numero delle nascite negli anni a venire.

“Se questo è vero”, ha detto Eurostat, “una riduzione o è probabile che la crescita futura della popolazione totale dell’Unione europea dipenda fortemente dal contributo dell’immigrazione netta.’

Mentre Italia, Polonia e Romania hanno registrato il calo demografico maggiore, più della metà degli Stati membri dell’UE ha registrato aumenti demografici, con Francia, Paesi Bassi e Svezia in cima alla lista.

Secondo Eurostat, 446,8 milioni di persone vivevano nell’UE a gennaio 2022.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.