Ucraina News: Consiglio di sicurezza ‘profondamente preoccupato’ | Il mondo di oggi | DW

importante in breve

  • Il Consiglio di sicurezza dell’Onu concorda con la dichiarazione dell’Ucraina
  • Circa 200 civili rimasti a Mariupol .Acciaieria
  • Gli Stati Uniti rilasciano più aiuti militari
  • L’Italia blocca lo yacht di lusso russo

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha concordato per la prima volta una posizione comune più di due mesi dopo l’invasione russa dell’Ucraina. L’agenzia più potente dell’Onu ha detto all’unanimità – anche con l’approvazione dell’aggressore russo – di essere “profondamente preoccupata” per il conflitto in Ucraina. Allo stesso tempo, il Consiglio di sicurezza ha accolto con favore gli sforzi di mediazione del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

C’è qualche movimento nella diplomazia?

L’accordo è stato visto come la dichiarazione più debole possibile dall’agenzia, ma anche come un barlume di speranza che la diplomazia bloccata nell’East River di New York potesse ottenere qualche movimento. “Dopo l’incontro del Segretario generale delle Nazioni Unite con il presidente russo Vladimir Putin, questo è un segnale che la Russia e l’Occidente sono pronti a dare a Guterres l’opportunità di una maggiore diplomazia della navetta”, ha affermato l’esperto delle Nazioni Unite Richard Gowan del think tank del Crisis Group.

Anche la Russia non è contraria alla risoluzione

La Russia, dopo aver invaso l’Ucraina, ha usato il suo potere di veto per prevenire possibili azioni del Consiglio legate alla guerra. I diplomatici occidentali hanno parlato di profonde spaccature negli affari quotidiani con i rappresentanti di Mosca.

Fanno parte del Consiglio di sicurezza i cinque membri permanenti e il potere di veto di Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Regno Unito, nonché dieci paesi non permanenti.

Sempre venerdì, gli assistenti hanno cercato di evacuare circa 200 civili da un’acciaieria a Mariupol, in Ucraina, assediata dalle truppe russe. Secondo le informazioni ucraine, 50 civili sono stati portati fuori durante la notte.

“Oggi siamo riusciti a rimuovere 50 donne, bambini e anziani da Azov Steelworks”, ha affermato il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk. L’azione è stata “molto lenta” perché l’esercito russo ha ripetutamente violato il cessate il fuoco. L’azione dovrebbe riprendere sabato mattina.

“Assolutamente rovinato”

Secondo il presidente Volodymyr Zelenskyy, la città è stata “totalmente distrutta”. Ha sottolineato che l’Ucraina sta lavorando a una soluzione diplomatica per salvare i difensori che ancora resistono nell’assedio dell’acciaieria Azovstal nella città portuale di Mariupol. Nello sforzo sono coinvolti mediatori e stati influenti, ha detto Zelenskyj nel suo videomessaggio serale. Non ha fornito dettagli.

Secondo fonti ucraine, l’operazione guidata dalle Nazioni Unite nei giorni scorsi è riuscita ad evacuare quasi 500 civili dalla città e dall’acciaieria. Centinaia di soldati si sono nascosti nel complesso industriale. La Russia ha annunciato mercoledì un cessate il fuoco di tre giorni per le operazioni di evacuazione.

Secondo il ministero della Difesa ucraino, venerdì l’esercito russo ha continuato il suo assalto all’ultima roccaforte delle forze armate ucraine a Mariupol. Il reggimento nazionalista Azov trincerato nell’acciaieria ha scritto sul servizio online Telegram che una delle loro auto coinvolte nell’operazione di evacuazione era stata colpita da un missile anticarro. Un soldato è stato ucciso e altri sei sono rimasti feriti.

Parata militare il 9 maggio?

Si dice che la Russia stia pianificando una parata militare a Mariupol il 9 maggio, anniversario della vittoria sulla Germania nazista, secondo Kiev. Il Cremlino lo nega. Non è prevista una parata ufficiale per la vittoria a Mariupol il 9 maggio, ha detto a Mosca il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Il presidente ucraino Selenskyj ha invitato il cancelliere Olaf Scholz (SPD) a venire in Ucraina. Scholz potrebbe fare una “mossa politica molto forte” e venire nella capitale ucraina il 9 maggio, ha detto Zelensky in un evento organizzato dal think tank londinese Chatham House.

Gli Stati Uniti rilasciano più aiuti militari

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha approvato un’ulteriore assistenza militare all’Ucraina per difendersi dalla guerra di aggressione della Russia. Il pacchetto aggiuntivo dovrebbe fornire al paese più munizioni di artiglieria, radar e altre apparecchiature, ha annunciato Biden. Allo stesso tempo, il presidente degli Stati Uniti ha avvertito: “Con l’annuncio di oggi, la mia amministrazione sta esaurendo i fondi che potrebbero essere utilizzati per lo spiegamento del supporto alla sicurezza da parte delle autorità di evacuazione in Ucraina”. Ha chiesto al Congresso degli Stati Uniti di rilasciare miliardi di aiuti aggiuntivi che erano stati richiesti.

Cronaca fotografica della guerra in Ucraina |  Stati Uniti |  Joe Biden parla alla Lockheed Martin di Troy

Il presidente degli Stati Uniti Biden vuole più aiuti militari all’Ucraina

Dall’inizio della guerra alla fine di febbraio, gli Stati Uniti hanno promesso o consegnato armi e munizioni per un valore di oltre 3,7 miliardi di dollari (circa 3,5 miliardi di euro) all’ex repubblica sovietica. Tuttavia, Biden vuole una consegna molto più grande. Ha chiesto al Congresso degli Stati Uniti ulteriori 33 miliardi di dollari in aiuti militari e aiuti umanitari.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha invitato l’Occidente a continuare a fornire armi pesanti all’Ucraina. “L’Ucraina ha urgente bisogno di armi più pesanti, l’Occidente deve intensificare le consegne, fare di più e prepararsi per impegni a lungo termine”, ha detto Stoltenberg a “Welt am Sonntag” secondo un rapporto preliminare. Questo è l’unico modo in cui Kiev è riuscita a respingere un’invasione russa. L’Ucraina deve prepararsi per una “lunga guerra” con la Russia che potrebbe durare mesi o addirittura anni.

Yacht di lusso riparato in Italia

In Italia le autorità hanno lasciato un mega yacht adagiato in un cantiere toscano Correggi “Scheherazade”. Le indagini hanno rivelato “significativi legami economici e commerciali tra i proprietari ufficiali di ‘Scheherazade’ e importanti figure del governo russo”, ha affermato il ministero dell’Economia italiano.

Italia, Marina di Carrara |  Scheherazade Nave da crociera

La lussuosa nave da crociera “Scheherazade” non lascerà il porto di Marina di Carrara fino a nuovo avviso

Il ministero non ha rivelato il nome del proprietario. Secondo i media, la “Scheherazade”, che batte bandiera delle Isole Cayman, è di proprietà di una società registrata nelle Isole Marshall. Un membro della fondazione anticorruzione del critico del Cremlino incarcerato Alexei Navalny ha collegato lo yacht al presidente russo Vladimir Putin.

Costruita nel 2020 dalla compagnia tedesca Lürssen, la nave ha due eliporti, una piscina e un cinema, secondo il sito web di SuperYachtFan, e vale circa 640 milioni di euro.

haz/ack (dpa, rtr, afp, ap)

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.