Morawiecki: Polonia e Repubblica Ceca vogliono chiedere insieme all’UE soldi per i rifugiati

Aggiornare: 29/04/2022 14:49
Rilasciato:

Varsavia – Polonia e Repubblica Ceca proporranno congiuntamente a Bruxelles che l’Unione Europea fornisca un sostegno finanziario specifico a questi paesi nella gestione dell’afflusso di rifugiati dall’Ucraina. Lo ha annunciato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki dopo l’incontro odierno con il primo ministro ceco Petr Fiala a Varsavia. Tre milioni di ucraini sono arrivati ​​in Polonia dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina e circa 300.000 nella Repubblica Ceca.

“Anche l’Ucraina sta combattendo per la nostra sovranità e libertà”, ha sottolineato Morawiecki, osservando che i rifugiati ucraini in Polonia stanno lavorando nell’interesse dello stato, quindi non si tratta solo di assistenza unilaterale dalla Polonia.

Fiala ha affermato che i due paesi finora sono riusciti a far fronte al “tremendo afflusso di rifugiati” dall’Ucraina, ma ha avvertito che a lungo termine questo afflusso non potrebbe essere gestito senza il sostegno solidale di altri paesi dell’UE. “Non abbiamo cambiato posizione. Durante la crisi migratoria del 2015, eravamo contrari alle quote e alla ridistribuzione – e ancora non vogliamo la redistribuzione”, ha detto, schiacciando la Siria, ma anche dai paesi africani. “La gente (dall’Ucraina) non sta correndo per migliorare la propria situazione, ma per salvare la propria vita”, ha avvertito Fiala.

“Guardiamo la maggior parte delle domande esattamente allo stesso modo”, ha detto Fiala dopo aver parlato con i padroni di casa della Polonia. Secondo lui, Praga e Varsavia non hanno dubbi sul fatto che l’Unione Europea e l’Alleanza del Nord Atlantico dovrebbero agire il più duramente possibile contro la Russia, o sostenere il più possibile l’Ucraina contro l’aggressione russa.

“Abbiamo deciso di sostenere con forza ulteriori sanzioni contro la Russia e faremo pressioni affinché l’Ucraina si candidi (nell’UE). L’Ucraina deve dimostrare che ci teniamo, che appartiene alla famiglia europea, che l’UE apre le sue porte per questo”, ha sottolineato il primo ministro ceco.

“La Repubblica Ceca sicuramente non pagherà (per il gas russo) in rubli”, ha assicurato Fiala. Non era d’accordo con la posizione dell’Ungheria, che aveva deciso di pagare in rubli, e intendeva cercare di cambiare la posizione dell’Ungheria nel dialogo con Budapest. “Se non mostriamo l’unità e la posizione comune della Russia, perderemo tutti”, ha avvertito.

“Siamo fondamentalmente in disaccordo con la posizione dell’Ungheria sulla guerra in Ucraina. Speriamo che i crimini di guerra siano condannati”, ha affermato Morawiecki.

I cechi dipendono per il 90% dal gas russo, ammette Fiala. Praga vuole eliminare la dipendenza dalle risorse fossili della Russia e la Polonia può aiutare in modo significativo, ha affermato, aggiungendo che i negoziati sulla costruzione del gasdotto Stork 2 tra i due paesi dovrebbero essere riaperti e anche i cechi vogliono partecipare alla Polonia. terminali che consentono l’importazione di gas naturale liquefatto. Verrà inoltre formato un gruppo di lavoro per supervisionare ulteriori azioni alla luce della decisione della Russia di fermare il petrolio nella raffineria nella Repubblica Ceca, che è di proprietà della società polacca PKN Orlen.

I due primi ministri hanno anche affermato di voler riaprire la questione dello scambio di quote di emissioni nell’Unione europea, che incide sui prezzi dell’energia.

Fiala ha annunciato il rinnovo della tradizione dei negoziati congiunti tra i governi dei due Paesi. Il prossimo dovrebbe svolgersi a Praga a cavallo tra maggio e giugno.

UE Polonia Ucraina diplomazia Fiala Morawiecki

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.