L’Italia punta alla vetta dell’Europa DW Rules

Questo non è solo un pacchetto di aiuti finanziari, ma il “destino dell’Italia”. Questo è ciò che il premier italiano Mario Draghi chiama un Recovery Fund con risorse europee di oltre 750 miliardi di euro per far fronte alle conseguenze economiche della pandemia. Le consultazioni con Bruxelles sono proseguite anche poche ore prima della presentazione del piano nazionale italiano per il Recovery Fund. Alla fine l’ambiguità è stata risolta e il Parlamento e il Senato di Roma hanno approvato la proposta.

Il piano di Draghi non è solo quello di sanare le ferite dell’economia italiana, ma anche di riportare l’Italia al ruolo di protagonista dello sviluppo europeo. È stato membro fondatore della vecchia CEE nel 1957. La scorsa settimana è stata preparata con cura la partecipazione congiunta per i Big Four europei: Italia, Spagna, Francia e Germania hanno presentato congiuntamente le loro proposte per il ripristino del Recovery Fund in videoconferenza. , con il ministro delle finanze tedesco Olaf Solz che parla di “simbolo di forte unità in Europa”.

«Non c’è Europa senza Italia»

Come capo della Bce, Draghi è in prima linea nell’affrontare la crisi finanziaria

La presenza dell’Italia tra le roccaforti in Europa è teoricamente evidente, ma è stata piuttosto una rarità negli anni precedenti. Nonostante i problemi, il paese rimane la terza economia più grande dell’eurozona. “Non c’è Europa senza l’Italia”, ha detto Draghi nel suo primo discorso da quando è entrato in carica a metà febbraio. “L’Italia è una potenza economica, ma anche culturale”, ha affermato l’ex governatore della Banca centrale europea (Bce), lanciando un messaggio all’interno del Paese, nel tentativo di rilanciare i sentimenti italiani sull’Europa.

“L’Italia è un Paese con un forte orientamento europeista”, ha affermato Tobias Mersel, direttore della fondazione politica tedesca Friedrich Ebert a Roma. Tuttavia, sottolinea, gli ultimi decenni hanno mostrato un’introversione che lo ha tenuto fuori dallo sviluppo europeo. Riflessi anti-europei hanno mobilitato il populista Movimento Cinque Stelle, così come la Lega Matteo Salvini di estrema destra. La loro cooperazione governativa – anche se temporanea – nel 2018 è sembrata un incubo per i fan dell’UE. I dirigenti di entrambi i partiti ricoprono ancora incarichi ministeriali nel governo Draghi, che, tuttavia, copre un ampio spettro politico. E questo governo è stato accolto con forte scetticismo fin dall’inizio. Tuttavia, Tobias Mersel sostiene che l’attaccamento dell’ex ministro dell’Interno Salvini al governo è fondamentale, poiché “si è placata la consueta controversia tra i partiti politici sul ruolo dell’Ue”.

Lo Stoico Draghi

Draghi, Mitsotakis in Libia

Video del recente incontro Dragi-Mitsotaki in Libia

A differenza del suo predecessore Giuseppe Conte, il cui governo è stato rovesciato tra le polemiche sull’utilizzo del Recovery Fund, Mario Draghi sembra avere pazienza e ferma compostezza. Da quando è diventato presidente del Consiglio, non ha rilasciato interviste esclusive a giornali o televisioni italiane. A differenza di altri politici, non usa i social media per commentare gli sviluppi. In Europa è stato trattato con rispetto come un “salvatore dell’euro” durante la crisi finanziaria. La promessa che ha fatto nel 2012 rimarrà nella storia, che farà “tutto il necessario” per salvare la moneta comune europea.

Il capo del colosso degli investimenti Blackrock Larry Fink ha descritto il presidente del Consiglio italiano come un “personaggio forte”. In qualità di governatore della BCE, Mario Draghi ha partecipato più volte ai vertici dell’UE e fino ad oggi mantiene una preziosa rete di contatti tra i leader europei. “È un politico molto più capace di quanto ci aspettassimo”, ha detto un diplomatico europeo all’agenzia di stampa tedesca DPA, aggiungendo che “è importante che l’Italia rimanga un partner credibile”. Nelle ultime settimane Draghi ha suscitato scalpore con le sue osservazioni sul vaccino AstraZeneca, ma anche sul presidente turco Recep Tayyip Erdogan, sul quale non si fa scrupoli come “dittatore”. Molti partner europei sono ansiosi di vedere il ruolo forte del Primo Ministro italiano nel momento in cui la cancelliera tedesca Angela Merkel ha detto addio alla politica attiva, mentre il presidente francese Emanuel Macron sta preparando una dura campagna elettorale mirata alla sua rielezione nel 2022. Mario potrebbe fornire un nuovo slancio per molti progetti europei, a condizione che rimanga Primo Ministro per un periodo di tempo ragionevole. Ufficialmente, le prossime elezioni parlamentari italiane sono previste per il 2023.

Johannes Neideker

A cura di: Giannis Papadimitriou

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.