Il vaiolo delle scimmie può trasformarsi in una nuova pandemia? Cosa sappiamo della malattia?

Sia i casi confermati che quelli sospetti sono in aumento a livello internazionale vaiolo delle scimmie o meglio scimmie (vaiolo). Molti di loro sono di origine sconosciuta, il che significa che il virus che li causa, può diffondersi sotto il “radar” delle autorità sanitarie.

Gli scienziati stanno iniziando a esprimere preoccupazione per la possibilità di una nuova epidemia, poiché sono stati identificati casi in paesi in America, Europa, Australia e questo numero è in aumento ogni giorno. Ecco un riassunto di ciò che sappiamo finora, principalmente basato su New Scientist:

Cosa sappiamo della malattia?

È una malattia relativamente rara causata da un virus (Poxvirus), che appartiene alla stessa famiglia del virus del vaiolo. Questa malattia di solito si diffonde alle scimmie Africa centrale e occidentale, che sono endemiche, ma periodicamente “trasferiti” all’uomodopo aver causato fino ad ora piccoli casi di focolaio. Mente per la prima volta nella scimmia da laboratorio nel 1958. Il primo caso di infezione nell’uomo è stato registrato nella Repubblica del Congo nel 1970.

(AP/Rebecca Blackwell)

Quanti incidenti si sono verificati durante l’attuale focolaio

Casi confermati sono stati trovati nel Regno Unito, Portogallo, Spagna, Svezia, Belgio, Stati Uniti, Francia, Australia, Italia e Canada. Gli scienziati stimano che questa potrebbe essere solo la “punta dell’iceberg” e che ci sono molti altri casi non diagnosticati.

Tutti i casi sono correlati?

Non è chiaro. Sono stati trovati casi correlati ad altri casi noti, ma anche altri casi senza (almeno nota) correlazione. L’Agenzia per la sicurezza del Regno Unito (UKHSA) ora stima che il virus si stia diffondendo da persona a persona nei paesi con casi confermati. Molti di loro sono uomini gay e bisessuali, quindi i funzionari sanitari esortano le persone con questo orientamento sessuale a essere consapevoli di eruzioni cutanee o altri sintomi sospetti in modo che possano consultare un medico in tempo.

(AP/Taimy Alvarez, FILE)

Come si è diffusa questa malattia

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), può essere trasmesso

  • inalando particelle contaminate e
  • a contatto con eruzioni cutanee di malattia o
  • con materiale infetto da virus.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), si ritiene che sia la trasmissione da uomo a uomo si verifica principalmente attraverso grandi particelle respiratorie che non viaggiano lontano, quindi affinché una persona venga infettata, deve esserci un contatto faccia a faccia prolungato..

Il virus non è considerato facilmente trasmissibile tra gli esseri umani e, secondo l’UKHSA, il rischio di infezione della popolazione “rimane basso”. La malattia può essere trasmessa anche attraverso il contatto con vestiti, asciugamani, lenzuola o altri oggetti di una persona infetta. Non è considerata una malattia a trasmissione sessuale, ma può essere trasmessa più facilmente attraverso il contatto sessuale attraverso la pelle.

Può anche essere contagioso dagli animali infetti all’uomose una persona ne viene morsa o ne tocca il sangue, i fluidi corporei, l’eruzione cutanea, ecc., o se mangia la carne di un animale che non è adeguatamente cotta.

Quali sono i sintomi?

Loro includono

  • febbre,
  • male alla testa,
  • Dolore muscolare,
  • mal di schiena,
  • linfonodi ingrossati,
  • freddo e
  • fatica

Possono anche succedere eruzione cutanea, prima sul viso e poi su altre parti del corpo, compresi i genitali. L’eruzione cutanea inizialmente sembra varicella.

Fonte CDC

Quanto sono mortali

La malattia è generalmente lieve e la maggior parte dei pazienti guarisce entro poche settimane senza trattamento. In Africa può uccidere fino al 10% delle persone infette, ma che, secondo l’OMS, uno dei due ceppi, il ceppo congolese, è più pericoloso, mentre l’altro, il ceppo dell’Africa occidentale, uccide uno su 100 pazienti. Finora, l’analisi genetica ha trovare nel Regno Unito solo il secondo ceppo dell’Africa occidentalema nessun dato di ordinamento corrispondente da altri paesi.

I suddetti tassi di mortalità sono paragonabili a quelli dei casi confermati, ma poiché potrebbero esserci alcuni casi lievi sconosciuti, la mortalità effettiva per malattia dovrebbe essere significativamente inferiore. Secondo l’OMS, I bambini sono più a rischio di ammalarsi gravemente rispetto agli adulti. L’infezione nelle donne in gravidanza può anche causare complicazioni durante la gravidanza e persino il parto morto.

Esiste una cura o un vaccino?

Sì. Il farmaco antivirale tecovirimat (Tpoxx) è stato approvato negli Stati Uniti e in Europa per combattere questa malattia e la vaccinazione negli animali. Il farmaco riduce significativamente la possibilità di morte. C’è anche il vaccino Jynneos (noto anche come Imvanex e Imvamune), approvato anche negli Stati Uniti e in Europa, che previene l’infezione negli adulti. Inoltre, coloro che sono abbastanza grandi per essere vaccinati contro il vaiolo hanno ancora una certa protezione.

Ci sono stati focolai al di fuori dell’Africa in passato?

Ci sono stati diversi focolai di questo tipo, ma di solito coinvolgono solo pochi casi alla volta e con una diffusione geografica molto limitata.

Quindi, l’attuale esplosione è la più grande di sempre?

No. Ci sono più casi in Africa, come nel 2001 e nel 2002, quando nella Repubblica del Congo sono stati segnalati 485 casi e 25 decessi. Nel 2017 e nel 2018 in Nigeria sono stati segnalati 122 casi confermati o probabili e sette decessi.

L’attuale focolaio potrebbe essere causato da un nuovo tipo di virus?

Rimane sconosciuto. Tuttavia, il fatto che così tanti casi siano stati rilevati in diversi paesi suggerisce che si tratta di un ceppo più contagioso di altri in passato. Sebbene sia possibile che un evento casuale da solo, come la presenza di un supertrasmettitore, possa aver aiutato i vecchi ceppi del virus a diffondersi più ampiamente. È troppo presto per trarre conclusioni definitive. L’analisi genetica di più campioni dei casi rivelerà se si tratta di un ceppo diverso.

È possibile una nuova pandemia?

La valutazione degli scienziati è che il nuovo focolaio può essere tenuto sotto controllo rintracciando i contatti e vaccinando quelli ritenuti a rischio di infezione. Sebbene non escludano completamente una pandemia, non pensano che sia possibile e non la considerano allo stesso livello del coronavirus.

Fonte -ΜΠΕ

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.