Il trattato greco-americano ha rafforzato la posizione della Grecia e …

La posizione chiara della Grecia secondo cui si tratta di una questione per i suoi diritti di sovranità nazionale, l’approvazione del governo americano per l’aggiornamento dell’aereo militare turco F-16 è stata data in Aula dal ministro degli Esteri Nikos Dendias, durante le discussioni sulla ratifica della Mutua Difesa Trattato tra la Grecia e gli Stati Uniti, rilevando che “esprimeremo questa chiara visione a Washington durante la visita ufficiale del primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis”

“Dirò quello che so sull’aereo F-16 perché non sono un rappresentante degli Stati Uniti. Le informazioni che abbiamo e quelle informazioni non riguardano il nuovo velivolo ma il radar ei missili. Se me lo chiedi come greco. Questo ministro degli Esteri non l’ha fatto, tuttavia, per quanto riguarda la Repubblica ellenica, l’aumento degli armamenti turchi è un problema perché la Turchia viola costantemente i nostri diritti di sovranità, quindi la posizione del governo greco è chiara, no, no. , no, esprimeremo questa chiara opinione a Washington durante la visita ufficiale del primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis. “, ha sottolineato il ministro degli Esteri, rispondendo all’opposizione che ha chiesto al governo di chiarire appieno la posizione del nostro Paese su questa importante questione in relazione all’atteggiamento degli Stati Uniti in merito alla prossima visita del Presidente del Consiglio.

“I voli e le violazioni della Turchia sono del tutto inaccettabili e ancora più importanti. Sono una sfida al traffico aereo nazionale e un tentativo di imporre la propria posizione con le argomentazioni inaccettabili della Turchia sulla presunta smilitarizzazione delle isole greche. L’aggressione della Turchia con “scoperti” e il finale le inaccettabili accuse turche di smilitarizzazione delle isole greche sono state condannate dal ministero degli Affari esteri.

Il Segretario di Stato ha difeso il rafforzamento della Cooperazione greco-americana, sottolineando che garantisce i diritti sovrani nazionali del Paese in questo momento difficile e pericoloso dopo l’invasione russa dell’Ucraina e ha invitato tutte le parti a sostenerla.

“Non credo che il nostro lavoro a Washington sarà facilitato se la Camera rifiuta il Trattato. Non diventeremo più forti se non scegli tu, ma più deboli. Questo è un Trattato che rafforza la posizione della Grecia ei nostri diritti sovrani nazionali. .La Grecia non cerca mai “Questa non è la nostra politica, la politica perseguita dai nostri grandi leader nazionali che hanno creato la Grecia oggi”, Mr. Dendias ha sottolineato e continuato:

“Voglio che l’accordo non arrivi in ​​un momento di circostanze molto pericolose, non solo per la Grecia ma per il mondo intero.

La bozza di risoluzione avanzata dalla Turchia a sostegno dei Paesi islamici è una minaccia. Il tentativo non testato della Turchia di guidare è una minaccia per la Grecia. Il rovesciamento del rispetto dei diritti territoriali è una minaccia esistenziale per la Grecia e l’elenco è molto più lungo, come le serre e le questioni di sicurezza ambientale. “Dobbiamo sostenere questa posizione nelle realtà geopolitiche di oggi”, ha affermato.

Il sig. Dendias ha affermato di non aver mai negato “informazioni a porte chiuse e carte aperte”, ma, come ha spiegato, “i dibattiti in Parlamento su questioni di politica estera e di difesa hanno limiti e le argomentazioni non dovrebbero indebolire il seggio nazionale greco”. “Non dobbiamo essere avventati. Rispetto il patriottismo di tutti, perché per favore fate attenzione. Se volete informazioni, sono sempre qui”, ha detto.

Rispondendo alle obiezioni dell’opposizione alla posizione del governo greco sull’invasione russa, Dendias ha risposto che la Grecia aveva più ragioni per prendere una posizione chiara contro l’invasione russa di uno stato indipendente e non neutrale perché c’erano esempi tragici. Evoluzione di Cipro. “La Grecia ha un grande rispetto per le grandi tradizioni culturali russe. Lo onora incondizionatamente. Ma questo non ha nulla a che fare con il nostro confronto diretto sull’invasione russa di un paese indipendente. E la Grecia non ha la minima possibilità di prendere una strada diversa perché questo è un problema. non solo i nostri confini ma l’intero pianeta. Difendiamo con la nostra posizione non solo i confini dell’intero pianeta ma anche i nostri. E questo non è assicurato solo dal ricorso del diritto internazionale. Cipro”, sottolinea il Sig. Dendias.

Il ministro degli Affari esteri ha anche sottolineato che il governo ND sta portando avanti una chiara politica estera multidimensionale, in linea con i suoi impegni pre-elettorali, ha firmato con successo più di 210 accordi favorevoli, proteggendo la sicurezza del Paese.

“Questo governo ha in gran parte risolto le controversie marittime firmando trattati con Egitto, Albania e Israele. Abbiamo protetto la difesa e la sicurezza nazionale del Paese attraverso una serie di accordi, contribuendo alla creazione di un quadro di sicurezza più ampio basato sul diritto internazionale e sulla giustizia. mare.

Perseguiamo una politica di orizzonti aperti che si estende dall’India e dal Giappone all’America Latina. Nelle dozzine di visite che abbiamo fatto in altri paesi, abbiamo coperto 100 offerte. Abbiamo firmato accordi che superano i 210. E questo è senza precedenti. “Abbiamo sempre sostenuto i principi del diritto internazionale attraverso politiche attive e in questo contesto c’è questo Accordo”, ha affermato.

In risposta all’argomento “previsto”, ciò che la Grecia ha ottenuto dal Trattato e che il Trattato era sfavorevole, il signor Dendias ha fatto riferimento alla lettera del Segretario di Stato americano Anthony Blinken e alla lettera ufficiale americana e all’annuncio del Segretario di Stato con che, ha detto, hanno dimostrato la loro posizione contro l’aggressione Turchia.

“Quando è stato chiesto cosa otteniamo in cambio della tua risposta, ti incoraggio a leggere il protocollo modificato rispetto alla lettera del Segretario di Stato americano Anthony Blinken su cinque capitoli più uno. Leggi anche la percezione del Congresso americano del perché è finito in questo disegno di legge – in questo Congresso, in cui tra almeno 24 ore il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis parlerà per parlare, e questa è la prima volta che viene fatto. Quello. Qualcuno può immaginare se il Congresso degli Stati Uniti ha riservato questo onore a Mr Erdogan? Quindi non fa bene al Paese retrocedere l’Accordo nel periodo delle semielezioni”.

Inoltre, il sig. Dendias ha posto particolare enfasi sul miglioramento del porto di Alexandroupolis, sottolineando che la presenza americana è una scelta politica del governo. “Se questo Trattato non esiste e Alessandropoli verso l’Europa centrale e orientale non è disponibile, potete immaginare quanto sia importante lo stretto e quanto sarà difficile la nostra posizione per la nostra sicurezza e il futuro del nostro Paese? La trasformazione di Alessandropoli in un “porto commerciale e hub geopolitico serve pienamente gli interessi dello stato nazionale. Con questo Accordo vogliamo anche le attività commerciali portuali”, ha detto e ha aggiunto:

“L’ho detto chiaramente e lo ripeto. Il governo vuole la presenza dell’America e non si tira indietro. L’accordo quinquennale è nell’interesse nazionale della Grecia e del popolo greco. Il governo di ND non vuole che gli Stati Uniti lo facciano lasciare. Perché non ritiene che “non ho sentito altri argomenti convincenti. Quindi non dobbiamo scusarci per cinque anni perché lo consideriamo un grande capitolo nell’interesse della Grecia. La nostra politica estera non è unidimensionale”.

Rispondendo a una domanda sollevata per la rimozione dell’articolo 7 del precedente Trattato, il sig. Dendias ha sottolineato che è a causa dell’inutile in questo momento mentre ogni capitolo può essere ricondotto dalla Grecia a qualsiasi pensiero accettato da affrontare.

“Cambiare il protocollo di voto non significa abrogare il precedente testo del 1990. Pertanto, è questione di ignoranza della legge sostenere che non ripetere la Carta dell’ONU significa ritrattarla. Il trattato del 1990 si applica al di là di quanto modificato. .e questo è minimo”, ha detto.

“In questa difficile situazione in cui viviamo, la politica estera del governo Mitsotakis, con la comprensione della maggior parte del mondo politico greco, ha dotato la sicurezza del Paese per il futuro di armi diplomatiche”, ha concluso Mr. Dendi.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.