Tutti i dati sulle elezioni in Italia: l’Europa teme uno spostamento a destra a Roma

Tutti i dati sulle elezioni in Italia
I timori dell’Europa si spostano a destra a Roma

Stabilire la direzione politica nel sud Europa: l’ultima domenica di settembre, le elezioni parlamentari in Italia non riguardano solo gli equilibri di potere a Roma. I sondaggi mostrano risultati chiari delle elezioni. Riusciranno Berlusconi, Salvini e Melonis a conquistare i “fratelli italiani” di destra?

Grande giornata elettorale in Italia: si terranno le elezioni parlamentari nella terza economia dell’Unione europea dopo le dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi. Il voto del 25 settembre non ha solo deciso gli equilibri di potere e la maggioranza nel parlamento romano. Il leader socialdemocratico italiano ed ex Presidente del Consiglio Enrico Letta ha descritto l’elezione come la più importante nella storia del suo Paese. L’Italia potrebbe spostarsi a destra politicamente.

“Non ci sarà il pareggio, né l’Ue vince né i nazionalismi”, ha detto Letta al comitato del partito a Roma. “La scelta è tra noi e Meloni”, ha aggiunto, riferendosi alla leader italiana di destra Giorgia Meloni. Letta, che è stato capo del governo per quasi dieci mesi tra il 2013 e il 2014, è in corsa per le elezioni come primo candidato dei socialdemocratici italiani. Il sondaggio ha visto il partito di Letta, i socialdemocratici (PD), a fine luglio sotto il 23 per cento. All’inizio dell’autunno, il Partito Democratico di Letta era solo del 20 per cento.

In Italia, ci sono molte indicazioni di un imminente spostamento a destra – con conseguenze potenzialmente significative per la politica estera e di sicurezza europea: 100 anni dopo la presa del potere dei fascisti di Benito Mussolini, i Fratelli d’Italia (“Fratelli Italiani”) far- destra”) attorno al partito del leader Meloni potrebbe fare bene. Conta le possibilità di assumere il governo in autunno. Nei sondaggi d’opinione, Fratelli d’Italia Meloni postfascista è nettamente avanti del 27 per cento.

Emergerà così il potenziale vincitore delle elezioni: nel mezzo si parla di alleanza di governo. Se, dopo le elezioni, Fratelli si alleerà con la Lega Matteo Salvini di estrema destra e l’ex premier conservatore Silvio Berlusconi Forza Italia (FI), allora questa alleanza diventerà probabilmente la forza più forte in parlamento.

Il motivo delle elezioni anticipate in Italia sono state le dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi a luglio. L’ex capo della BCE ha deciso di fare questo passo dopo che tre partiti della sua grande coalizione si sono rifiutati di votare increduli. Draghi ha rinunciato, ora l’Italia deve scegliere.

“Se funziona, prenderò il ruolo principale”, ha detto Letta, considerando la data delle elezioni. Tuttavia, le prospettive per un’alleanza di centrosinistra sono scarse. Letta ha escluso una nuova partnership con il movimento populista Cinque Stelle. Le stelle hanno giocato un ruolo importante nella caduta di Draghi. Hanno vinto le elezioni generali del 2018 con quasi il 33% dei voti.

Le stelle attualmente si collocano intorno al 12 percento nel sondaggio. Il partito era profondamente diviso: innumerevoli deputati e senatori lasciarono il movimento dopo liti interne e dichiararono il loro ritiro dal partito. Da settembre 2019 fino alla formazione del governo Draghi all’inizio del 2021, il PD ha governato in una coalizione a due stelle.

Le elezioni anticipate in autunno potrebbero aiutare i principali pesi massimi a tornare sulla scena politica: circa nove anni dopo essere stato espulso dal Senato per frode fiscale, il Primo Ministro italiano Silvio Berlusconi spera di tornare in parlamento. “Penso che alla fine correrò per il Senato così che tutti quelli che me lo chiedono siano felici alla fine”, ha detto alla radio Rai l’85enne magnate dei media miliardario.

Berlusconi potrebbe non essere del tutto colpevole del ritiro di Draghi. Anche il suo conservatore Forza Italia ha rifiutato di sostenere il presidente del Consiglio in un fallito voto di fiducia a luglio. Cosa stesse facendo esattamente il vecchio magnate dei media ora non è chiaro: Berlusconi ha smentito le notizie secondo cui era preoccupato per la possibilità di Meloni di diventare primo ministro. Si riferiva a un accordo tra partiti di estrema destra, secondo il quale il gruppo con il maggior numero di voti avrebbe dato il presidente del Consiglio.

Influenza finanziaria dalla Russia?

Poco prima della data delle elezioni, i riferimenti ai flussi di cassa dalla Russia hanno fatto sì che l’estrema destra si spiegasse. Meno di due settimane prima delle elezioni, i capi di entrambi i partiti, Fratelli d’Italia e Lega, sono stati costretti a protestare per non aver ricevuto alcun compenso dal governo di Mosca. I sospetti che ci possa essere una fonte russa di finanziamento per il finanziamento dei partiti hanno suscitato scalpore in Italia.

“Prima del 25 settembre, gli elettori italiani hanno il diritto di sapere se i partiti elencati al ballottaggio sono finanziati da Putin”, ha twittato Letta, leader del Pd di centrosinistra, citando i timori di ingerenze del presidente russo Wladimir Putin. Un rappresentante del governo degli Stati Uniti in precedenza aveva detto ai giornalisti, citando l’intelligence, che la Russia aveva pagato almeno 300 milioni di dollari a partiti in circa due dozzine di paesi dal 2014. L’Italia non è stata menzionata in questo contesto.

“Devi mostrare una prova”

Tra le altre cose, i soldi vanno ai partiti di destra per manipolare la democrazia dall’interno. “Riteniamo che questa sia solo la punta dell’iceberg e stiamo lavorando con altri alleati e partner per raccogliere maggiori informazioni su questa minaccia”, ha affermato il funzionario dell’amministrazione statunitense.

In Italia, dove i fratelli italiani, insieme a Lega e Forza Italia, hanno finora potuto contare su una comoda maggioranza alle elezioni, gli accenni di Washington hanno suscitato reazioni, anche violente. Tuttavia, nel rapporto dell’intelligence non è apparso né il nome né il paese destinatario dei presunti pagamenti di denaro russi.

Il capo dei fratelli italiani, Giorgia Meloni, che secondo i sondaggi potrebbe diventare il futuro capo del governo, respinge i sospetti di aver ricevuto denaro da Mosca. Ha minacciato il giornale di una causa per sospetto. “Devono fornire prove. Dal momento che non possono farlo, temo che un processo sarà inevitabile”, ha detto a Radio 24.

“Non ho mai chiesto né ricevuto soldi, rubli, euro, dinari o dollari dalla Russia”, ha detto il capo della Lega Matteo Salvini a RTL 102.5. Nonostante anni di indagini, non è mai stato trovato nulla. Salvini una volta ha descritto Putin come “il miglior statista vivente”.

Il primo ministro italiano in carica Mario Draghi ha dichiarato una settimana prima della data delle elezioni che non presumeva che la Russia avesse pagato soldi ai partiti italiani. Ha parlato al telefono con il segretario di Stato americano Antony Blinken, ha sottolineato Draghi. “Mi ha chiarito che non ci sono poteri politici dall’Italia nell’elenco di coloro che ricevono fondi russi”. Draghi ha aggiunto che i servizi segreti italiani non hanno ricevuto alcuna informazione dagli Stati Uniti sul fatto che il candidato o il partito nell’attuale campagna elettorale fosse pagato dalla Russia. “Dobbiamo continuare ad avere fede e non aver paura di nessun suono”, ha detto Draghi. “La nostra democrazia è forte e non può essere sconfitta da nemici stranieri”.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.