Studi di esperti dimostrano che frutta e verdura hanno un valore nutritivo sempre più basso

Quando ha scritto National GeographicQuando guardi gli scaffali colorati di frutta e verdura nel negozio di alimentari, probabilmente non penseresti che il loro valore nutritivo non sia più così grande come lo era decenni fa.

Un numero crescente di prove da molti studi scientifici mostra che molti frutti, verdure e cereali integrali oggi contengono meno proteine, calcio, fosforo, ferro, riboflavina e vitamina C rispetto a quelli coltivati ​​meno di un secolo fa. Questo potrebbe diventare un problema molto serio poiché sempre più persone cercano di passare principalmente a una dieta a base vegetale, poiché gli esperti raccomandano sempre più spesso la salute pubblica e la protezione del pianeta.

“La perdita di nutrienti esaurirà i nostri corpi delle sostanze di cui ha bisogno per combattere le malattie croniche – ridurrà il valore del cibo come medicina preventiva”, ha affermato David R. Montgomery, professore di geomorfologia presso l’Università di Washington a Seattle e co -autore di What Your Food. che ha mangiato due pasti).

Questo vale anche per le persone che evitano gli alimenti trasformati e preferiscono i prodotti freschi. “Questa tendenza significa che ciò che mangiavano i nostri nonni era più sano di quello che mangiamo oggi”, ha affermato Kristie Ebi, esperta di cambiamenti climatici e salute presso l’Università di Washington a Seattle.

I ricercatori affermano che la radice del problema risiede nei moderni processi agricoli che aumentano i raccolti ma danneggiano la salute del suolo. Questi includono metodi di irrigazione, concimazione e raccolta, che interferiscono anche con importanti interazioni tra piante e funghi del suolo, che riducono l’assorbimento dei nutrienti dal suolo.

Questi problemi sono causati dal cambiamento climatico e dall’aumento dei livelli di anidride carbonica, che riduce anche il contenuto nutrizionale di frutta, verdura e cereali.

Gli oppositori affermano che è importante essere consapevoli di questa tendenza, ma non scoraggiarsi consumando una varietà di frutta, verdura e cereali integrali per mantenersi in buona salute. Allo stesso tempo, sperano che i risultati dello studio motivino più persone a interessarsi a come viene coltivato il loro cibo.

“La maggior parte delle persone sa che dipende da ciò che mangiamo. Se ci preoccupiamo anche di come viene coltivato il nostro cibo, abbiamo buone ragioni per interessarci alle pratiche agricole”, afferma Montgomery. “Non possiamo perdere i seminativi poiché la popolazione continua a Dobbiamo concentrarci sulla prevenzione di ulteriori danni e lavorare per ripristinare la fertilità dei suoli già degradati”.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.