“Sono in parte responsabile” L’ex moglie di Michael Jackson si incolpa per la sua morte

Nel documentario americano “TMZ Investigates: Who Really Killed Michael Jackson”, Debbie Rowe, la sua ex moglie, dice in lacrime di incolpare se stessa in parte per la morte del Re del Pop.


Vale a dire, ha detto che avrebbe dovuto agire quando ha visto il cantante dipendente da antidolorifici.


– Sono in parte responsabile. Avrei dovuto fare qualcosa, ma non l’ho fatto. Ci sono molte persone che sono morte per dipendenza e io ne faccio parte – ha detto.


Jackson è noto per essere morto di infarto nel giugno 2009, con il sedativo Propofol abbastanza forte nel suo organismo da uccidere un rinoceronte, ha detto l’ex medico legale della polizia di Los Angeles Ed Winter nel documentario.


La Rowe ha anche ammesso durante la sua apparizione come ospite nello show televisivo Fox di essersi sentita in colpa per la morte di Jackson.


– In realtà sono cattivo come Klein e mi dispiace molto di aver partecipato a questo – ha detto, non volendo parlare in modo specifico di Jackson, ma ha concentrato la sua attenzione su Klein, noto anche come il padre di Botox.


A proposito, Rowe ha sposato Jackson nel 1996 ed è una madre surrogata dei figli di Prince e Paris. Era un assistente del famoso dermatologo Arnold Klein, morto nel 2015, e che ha somministrato potenti antidolorifici a Jackson e ad altre celebrità, ha scritto il Telegraph.

Seguici su Facebook e Instagram la mia pagina Twitter Account.

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.