Nuove perdite sui mercati europei – 12% in calo per Deutsche Bank

I principali indici europei hanno chiuso in territorio negativo per il secondo giorno consecutivo, dopo aver cancellato i guadagni dei primi due giorni della settimana poiché i dati economici hanno intensificato i timori per un’imminente recessione.

In particolare, l’indice paneuropeo Stoxx 600 ha chiuso con una perdita dello 0,8% a 402,4 punti, con il settore auto che ha esercitato una forte pressione del -3,6%.

Nei singoli grafici europei, il DAX tedesco è stato il peggiore con una perdita dell’1,8%, riportandosi a 12.912 unità, sotto la forte pressione dei titoli bancari, con Deutsche Bank e Commerzbank che hanno chiuso rispettivamente a -12%.

Le pesanti perdite dei due colossi bancari non sembrano essere legate ad alcuno sviluppo che li riguardi direttamente, ma potrebbero venire dopo l’accumulo di nuvole negative sull’economia europea e i piani di emergenza per la sicurezza del gas attivati ​​dall’economia tedesca di Hubeck.

Altrove in Europa, il CAC 40 francese è sceso dello 0,5% a 5.883 punti, così come il FTSE 100 britannico, che ha perso circa l’1% a 7.020 punti.

Un quadro simile si è verificato anche nell’area europea, dove in Italia il FTSE MIB ha registrato una perdita dello 0,8% e ha chiuso a 21.615 unità, mentre in Spagna l’IBEX 35 è sceso a 8.106 unità con un calo dello 0,5%.

Nei movimenti azionari individuali, Aroundtown è crollato di circa il 6,6% dopo che JPMorgan ha declassato il settore immobiliare lussemburghese a “sottopeso” e tagliato il suo obiettivo di prezzo.

Al contrario, Atos ha superato lo Stoxx 600 con un balzo del 6% a seguito di notizie secondo cui il governo francese avrebbe sostenuto una possibile fusione con Thales.

Come è noto durante la giornata, Ray Dalio di Bridgewater Associates ha quasi raddoppiato le sue scommesse sui titoli europei, con la sua posizione ora a $ 10,5 miliardi.

Sul fronte macroeconomico, la crescita economica dell’eurozona è peggiorata drasticamente, scendendo al minimo da 16 mesi a giugno, secondo i dati PMI preliminari.

Allo stesso tempo, il settore manifatturiero si è ridotto per la prima volta in due anni, poiché il rally dell’inflazione ha colpito la domanda mentre le catene di approvvigionamento globali hanno resistito.

Particolarmente negativi sono i dati individuali per le due maggiori economie della zona euro, che mostrano un forte rallentamento dell’attività economica.

In Germania, in particolare, il PMI composito è sceso al minimo su sei mesi di 51,3 da 53,7 di maggio, mentre in Francia l’indice è sceso al minimo su 5 mesi di 52,8 da 57,0 del mese precedente.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.