Nostalgia per Mussolini e forse la prima donna premier a dividere le donne italiane

L’Italia si avvia alle elezioni generali ed è chiamata a eleggere il suo nuovo governo. Le elezioni, previste per il 25 settembre, dovrebbero produrre la prima donna primo ministro del Paese. Ma anche il primo leader di destra italiano dopo la seconda guerra mondiale.

Se i sondaggi fossero confermati, Giorgia Meloni e il partito di estrema destra “Fratelli d’Italia”, da lui co-fondatore meno di un decennio fa, vincerebbero le elezioni del 25 settembre. Il presidente italiano dovrebbe quindi chiedere a Meloni di provare a formare un governo di coalizione praticabile con alleati di estrema destra.

Meloni ha nostalgia di Mussolini ma è anche una donna, cosa che, secondo l’Associated Press, sembra infastidire le elettorali del Paese.

Aborto

Alcuni temono che Meloni, che sposa la maternità, possa cercare di revocare i diritti delle donne, compreso l’accesso all’aborto.

Ha detto che voleva proteggere il diritto delle donne ad avere figli, ma non aveva intenzione di abrogare la legge sul diritto all’aborto. “Non ho mai detto di volerlo cambiare, ma ho detto che voglio implementarlo: voglio aggiungere il diritto che le donne che si trovano nella condizione di abortire perché non hanno alternative, magari per motivi economici, possono averlo in alternativa”, ha detto. a Rai Tre rispondendo a una domanda correlata.

“Risponderà – nessun grande dibattito, nessuna legge verrà applicata”, ha detto Emma Bonino, capo del partito minore +Europa, alleato in campagna elettorale con l’avversario di Meloni, il leader del Pd Enrico Letta.

Gli oppositori politici sottolineano la mancanza di medici disposti a praticare aborti in alcune zone d’Italia. Con una legge del 1978, il personale del sistema sanitario pubblico italiano può esprimere un'”obiezione di coscienza” per aggirare la procedura.

Meloni, che ha figli piccoli con il suo partner maschio, ha denunciato quella che lei chiama “lobby” LGBTQ, deridendo il concetto di fluidità di genere e sostenendo il divieto di adozione da parte di persone non sposate in Italia. La famiglia “tradizionale” per lui è il fondamento della società.

“Dio, patria e famiglia”

Per i suoi sostenitori, ovviamente, ciò che conta è la sua politica conservatrice sotto il trittico “Dio, paese e famiglia”, e non il suo genere.

Il partito, come il suo leader, è radicato in un movimento neofascista che loda l’eredità di Benito Mussolini, che ha fatto doni alle donne che hanno avuto molti figli. Il partito ha ottenuto circa il 4% dei voti alle ultime elezioni, nel 2018, ma secondo alcuni sondaggisti potrebbe vincere quasi il 25% alle elezioni di oggi.

“Se la Meloni diventa la prima donna premier in Italia, sarà ‘un addio (al passato) nel senso che è una donna, ma sarà una battuta d’arresto in termini di cultura femminile conservatrice'”, Licia Donati, attivista che ha lottato in tante battaglie in Italia per i diritti delle donne.

Nel frattempo, Oria Gargano, la cui organizzazione BeFree a Roma aiuta le donne vittime di violenza domestica, ha notato con preoccupazione che un politico del partito “Fratelli d’Italia” ha proposto la creazione di una tomba dove poter seppellire i feti abortiti e ha elencato i nomi delle vittime. nome del bambino abortito. donne che abortiscono, anche senza il loro permesso.

Di recente, la Meloni ha fatto arrabbiare le donne ritwittando un video di una donna violentata per strada, “per il semplice fatto che è stata un’immigrata a violentarla”, ha detto Gargano. Meloni è certamente contrario all’immigrazione e prende in giro i migranti – la maggior parte dei quali sono uomini – che salpano verso le coste italiane su barche di trafficanti, sostenendo che non meritano lo status di rifugiato.

Meloni generalmente non cerca di ottenere voti solo perché è una ragazza. Tuttavia, non ha potuto fare a meno di rispondere alle affermazioni secondo cui non sarebbe una vittoria per le donne se diventasse primo ministro. “Sfido chiunque a dire che questo non significa rompere una barriera invisibile”, ha detto all’agenzia di stampa italiana ANSA. “Sono una donna, quindi dire che non sei una donna se dici le cose che dico onestamente mi fa ridere.”

Tuttavia, secondo i sondaggi, Meloni attira leggermente più elettori maschi rispetto alle donne. Alcuni sono chiaramente inorriditi nel vederla come primo ministro, altri sostengono la sua agenda e altri sono indifferenti all’emancipazione delle donne come questione elettorale perché vogliono solo che il governo rimanga al potere.

naftemporiki.gr

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.