Lunedì in anteprima Neon and Fire di “Far From Here”.

Quando si lavora sulla qualità, lo spot non la spinge nell’iperproduzione, ma diventa arte. Ogni canzone firmata dalla band Podgorica Neon porta un tema diverso, ma anche la migliore qualità, suono, produzione e immagine. I ragazzi della band hanno annunciato il loro nuovo musical “Far from Here”, la cui premiere è prevista per lunedì 9 maggio alle 12:15 sulla televisione CMC.

I membri della band sono solo perfezionisti o artisti per capolavori musicali adatti a “Dan” Marko Vukčevićchitarrista e cantante della band.

– Cerchiamo davvero in termini di produzione audio e video di fornire sempre qualcosa di migliore, più nuovo, più potente. Non è facile considerando tutti gli ostacoli lungo il percorso, ma non ci arrenderemo. Attribuiremo questo più alla nostra follia e testardaggine, ma se ci vedi perfezionismo, chi siamo noi per protestare – dice Vukčević.

Marko ci ha anche svelato il messaggio della nuova canzone, a che genere appartiene, ma anche come è nata la collaborazione con l’artista croato. Ivan il ragazzocantante della band Vatra.

– La canzone ha un carattere molto coinvolto sia in senso testuale, che la caratterizza come coinvolgente, sia in un suono un po’ acuto, con accento di chitarra. Se ce lo chiedi, è una vera espressione moderna del rock and roll. Emergendo a lungo termine, come a lungo termine su scala globale, stiamo attraversando un processo che solleva serie preoccupazioni. Si aggiunge, si plasma e si sposta, dettaglio dopo dettaglio, e quindi chissà quanto di più se non emerge l’idea che guida la realizzazione: “E perché non abbiamo chiesto a Ivan Dečak di farci visita”? Ed ecco Ivan, diretto da Virovitica, via Zagabria a Podgorica. Abbiamo incontrato Vatreni e ci siamo avvicinati a un concerto insieme a Podgorica. Da allora siamo rimasti in contatto. Vogliamo spingere la nostra musica ancora più in questo territorio e per questo abbiamo bisogno dell’aiuto di un amico. Ivan si è rivelato un vero amico. Scrive musica e testi Ilija Pejovicla disposizione è il guadagno di influenza di ciascun membro del gruppo e viene dato il contributo finale all’impostazione Bolo Martinovi, produttore. Il mix finale e il capolavoro sono fenomenali Goran Antovic – ha sottolineato Vukčević.

La nostra musica non è stagionale

Come ha detto Marko, non hanno mai fatto piani per quanto riguarda la stagione.

– La musica che suoniamo non è stagionale. Tuttavia, il periodo estivo è caratterizzato da un gran numero di eventi all’aperto, feste ed eventi di massa. Abbiamo sicuramente trovato un posto per noi stessi qui – conclude Vukčević.

Questa volta, come nelle due precedenti occasioni, Neon ha realizzato un ottimo video in collaborazione con le produzioni Mediatag. E il video fa un passo “lontano da qui” in termini di produzione e realizzazione.

– Certo che sì, perché la canzone stessa ha qualcosa nel suo tema che dobbiamo esprimere di più con la produzione video per rendere più forte il messaggio. Fortunatamente, abbiamo i ragazzi di Mediatago che lo fanno nel miglior modo possibile. Il video è girato in due parti. Uno è stato con Marko e Ivan in uno studio virtuale, mentre parte della band è stata registrata al Collector, il che ci ha regalato il momento industriale a cui aspiravamo – ha detto Marko.

Il nuovo singolo “Daleko odavde” ha iniziato la vita musicale in Croazia.
– Il nuovo brano, oltre alla collaborazione con Boy, ci ha portato a collaborare con una delle case discografiche leader in Croazia – Dallas Records. Ecco perché le promozioni sono iniziate in Croazia, con la sua anteprima sulla televisione CMC alle 12.15. Subito dopo, il portale net.hr è stato presentato in anteprima sul web, e poi chiunque fosse interessato – ha rivelato la voce di Neon.

Non pianificano promozioni nel senso classico.

– Dalla nostra esperienza mediatica finora, comprendiamo che le apparizioni degli ospiti a eventi e articoli di giornale sono inevitabili indipendentemente dalle promozioni cerimoniali – ha spiegato Marko.

Per Neon, lo scenario ideale sarebbe: più fan nella regione e il maggior numero possibile di spettacoli di festival nella regione.

– Ci auguriamo sinceramente che, soprattutto, la canzone e il suo messaggio raggiungano quante più persone possibile, e con essa, ovviamente, la base di fan aumenterà. Certo, sta a noi essere il più creativi possibile, e quindi il risultato sarà migliore – afferma Marko.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.