L’ex cancelliere si reca in Italia al posto di Bucha

L’ambasciatore dell’Ucraina in Germania, Andriy Melnyk, ha aspramente criticato la visita della Merkel in Italia: “Certo, nessuna donna e nessun bambino è stato ucciso per le strade di Firenze. Ma c’è così tanta cultura e arte. Incredibile”, ha scritto Melnyk su Twitter. il massacro nella cittadina di Bucha.

La Merkel condanna l’attacco russo

La Merkel ha condannato fermamente gli attacchi della Russia all’Ucraina in una dichiarazione scritta il 25 febbraio e ha sostenuto gli sforzi del suo successore dell’SPD, Olaf Scholz, presidente Wladimir Putin fermare. “Questa guerra di aggressione da parte della Russia segna un ampio punto di svolta nella storia europea dopo la fine della Guerra Fredda”, ha detto la Merkel quando gli è stato chiesto dal dpa. “Non c’è alcuna giustificazione per questa palese violazione del diritto internazionale, la condanno con tutte le mie forze”. Ha sottolineato: “Il mio pensiero e la mia solidarietà vanno al popolo ucraino e al governo guidato dal presidente (Volodymyr) Zelenskyy in queste ore e giorni terribili”.

Carico…

incorporare

Lunedì scorso, la Merkel ha appoggiato la decisione di non ammettere l’Ucraina nella NATO nel 2008, nonostante le massicce critiche di Zelenskyy. In questo contesto, la portavoce della Merkel ha dichiarato lunedì: “Alla luce delle atrocità che sono emerse a Bucha e altrove in Ucraina, tutti gli sforzi del governo federale e della comunità internazionale per sostenere l’Ucraina e per sostenere la barbarie russa e la guerra contro l’Ucraina unitevi. per prepararci alla fine, il pieno appoggio dell’ex Cancelliere”

Selenskyj aveva precedentemente chiesto alla Merkel di recarsi a Bucha, dove negli ultimi giorni sono stati trovati centinaia di corpi dopo il ritiro delle truppe russe. Alla periferia di Kiev, la Merkel – come l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy – può farsi un’idea delle politiche fallite della Russia. Al vertice del 2008, i paesi della NATO hanno promesso l’adesione dell’Ucraina, ma in seguito si sono ritirati in considerazione della Russia. Merkel e Sarkozy hanno bloccato le richieste di altri partner della NATO per una rapida adesione.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.