L’artista montenegrino presenta nuove canzoni al festival “Stare note – novi zvuci”

Dopo la Notte delle Giovani Stelle al tradizionale festival delle canzoni popolari montenegrine “Vecchie note – nuovi suoni”, ieri sera i famosi artisti montenegrini hanno presentato le loro nuove canzoni alla KIC “Budo Tomovi”. Composizioni ispirate alle melodie montenegrine eseguite per la prima volta da ukrija uti Serhatlić, Tanja ether, Igor urović, Zoran Džiknić, Dragan Rači, Milica Vojinovi, Zdravko uranovi, Dejan kuletić, Kenan Kurtanovi, Nova Simon Haveri, Rajozok Martinovi, Radoje Raj Magovi, Rajko Bulatovi, Miki uškavčevi, Novo Babić, Maja Kalezić, Dejan Dulovi, Baćko Kovačevi, Nataša Mijuškovi, Almir Martinovi e l’Ensemble “Friends”.

-Il festival “Vecchie note – nuovi suoni” ha già un’associazione nel suo nome, un richiamo ai valori della vecchia musica tradizionale, ma anche un ricordo che la musica non può reggere su questi valori ma deve creare nuova musica che forse per 50 anni sarà anche patrimonio culturale del Montenegro – afferma Zdravko uranovi.

Ha ricordato che questo festival è molto prezioso per la cultura musicale del Montenegro.

– Perché offre l’opportunità, soprattutto ai giovani di mostrare il loro talento e nient’altro che nell’elaborazione di vecchie canzoni montenegrine, e offre anche l’opportunità agli scrittori montenegrini di contribuire con la loro creatività a questa associazione in Montenegro, Podgorica, sotto forma di testi, musica, arrangiamento. Questa è anche un’opportunità per altri cantanti, forse di una generazione più anziana, di presentare qualcosa del loro lavoro più recente. Questo tipo di festival musicale deve essere sostenuto e mantenuto per essere ancora migliore, dobbiamo sostenere e ringraziare tutti coloro che negli ultimi anni sono riusciti ad elevare questo festival a livello artistico. Questi sono, prima di tutto, KIC Budo Tomovi, RTCG e ovviamente l’orchestra Sasa Magovčevi, e in particolare voglio sottolineare la stessa Sasa, che ha davvero dato voce al festival con i suoi arrangiamenti – dice Đuranovi.

Una delle partecipanti al festival, Tanja ether, ha salutato il pubblico con la canzone etić i evojka, i cui testi e musica ha scritto e arrangiato dalla sua vecchia amica e collega Predrag Pedja Nedeljković.

-Sono felice di partecipare al quinto festival del Giubileo, Old Song-New Voice, non solo come interprete, ma anche come autore completo di due composizioni, oltre che come scrittore di testi su una. Che grande opportunità per quelli di noi che hanno nuove canzoni per promuoverlo, così come la musica giovane spera di iniziare a suonare musica originale, perché la prima sera 18 giovani hanno eseguito una canzone originale e questa è una grande base per il futuro di musica originale. Lascia che ogni anno almeno un giovane si innamori della musica originale e inizi a suonarla, la missione di questo festival sarà compiuta – ha concluso ether.

Come negli anni precedenti, tutti gli artisti sono stati accompagnati dall’orchestra di Aleksandar Sasa Magovcevic, che era il direttore artistico del festival KIC.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.