Il tempo stringe per Putin


Il 19 maggio il presidente del Consiglio Mario Draghi al Senato di Roma
Immagine: EPA

In Italia ci sono forti tendenze filo-russe. Più a lungo durerà la guerra in Ucraina, più Putin potrà contare sul suo vecchio alleato per l’influenza in Europa.

ioIn Occidente, in particolare, l’Ungheria (nell’Unione Europea) e la Turchia (nella NATO) si sono finora staccate dal consenso a favore dell’Ucraina. A prima vista, questo si adatta allo stile di governo autoritario promosso dai leader politici dei due paesi. In molti modi, sono più vicini a Putin in termini di ideologia rispetto alle loro controparti in entrambe le organizzazioni.

Ma anche il fronte sta crollando nel profondo dell’Occidente democratico. In Italia, Stato fondatore dell’Unione Europea e della NATO, ci sono forti tendenze filo-russe a sinistra ea destra. L’unico motivo per cui non hanno avuto un assaggio di politica estera è che il Paese è tornato sotto il dominio dei “tecnocrati”, l’ex presidente della Bce Mario Draghi.

Ciò indica un problema precedentemente trascurato nella politica dell’Ucraina occidentale. La guerra di logoramento ha anche una componente politica. L’esperienza mostra che più a lungo si va avanti, più forte è il dibattito sulla strada giusta da intraprendere. Nelle democrazie occidentali, questo si vede prima che dietro le mura chiuse del Cremlino. Politicamente, il tempo per Putin sta finendo. Poteva sperare che il suo vecchio alleato in Occidente avrebbe riguadagnato la sua influenza. Quello che succede dopo in Italia (come al solito) è molto importante per il resto d’Europa.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.