Il biglietto da 9 euro non valido comporta la falsificazione del documento e il controllo della detenzione




Foto; Polizia Federale

A partire da domenica (7 agosto), gli agenti di polizia federale hanno naso destro e occhi allenati. Un biglietto da 9 euro non valido ha portato alla falsificazione di documenti da parte di un uomo di 36 anni.

Alle dodici in punto gli agenti di polizia federale furono mandati sulla piattaforma dell’Ostbahnhof. Nell’ambito del controllo del biglietto, un italiano di 36 anni ha presentato al personale di controllo della Deutsche Bahn un biglietto non valido da 9 euro. Nelle successive indagini su presunte frodi e fini di lucro fraudolenti, i funzionari hanno riconosciuto discrepanze sulle carte d’identità italiane presentate. C’è un’indicazione di uno scambio di foto. Durante una perquisizione dell’abruzzese di 36 anni e del suo bagaglio sono stati trovati un altro documento d’identità italiano e patente con dati anagrafici diversi.

Poiché l’italiano non ha fornito la cauzione richiesta dalla procura di Monaco I, sarà portato oggi davanti a un giudice per adempimento fraudolento, truffa e falso. Inoltre, sono in corso ulteriori indagini da parte della polizia federale sull’origine delle false carte d’identità italiane.







Marinella Fontana

"Specialista dell'alcol. Appassionato risolutore di problemi. Esperto di musica freelance. Pioniere del cibo malvagio. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.