G7: Nessuna scusa per l'”azione militare aggressiva” della Cina | Il mondo di oggi | DW

Le principali nazioni industrializzate occidentali hanno criticato aspramente la reazione della Cina alla visita della politica statunitense Nancy Pelosi a Taiwan. “Non vi è alcuna giustificazione per usare la visita come pretesto per un’azione militare aggressiva nello Stretto di Taiwan”, hanno affermato i ministri degli Esteri dell’alleanza del G7, invitando la Cina a esercitare moderazione nel conflitto di Taiwan. Hanno chiesto che “la Repubblica popolare cinese non modifichi unilateralmente lo status quo nella regione con la forza”, si legge in una dichiarazione congiunta. Le differenze esistenti devono essere risolte pacificamente. Oltre a Germania e Stati Uniti, il G7 comprende anche Canada, Gran Bretagna, Francia, Italia e Giappone.

Impegno per la “Politica One China”

“È normale e consuetudine che i legislatori del nostro Paese viaggino all’estero”, si legge in un comunicato dei ministri degli Esteri del G7, riferendosi alla controversa visita a Taiwan di Pelosi, presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. “Una maggiore risposta da parte della Repubblica popolare cinese rischia di aumentare le tensioni e destabilizzare la regione”.

La Commissione europea ha affermato che le tensioni dovrebbero essere risolte attraverso il dialogo. L’Unione Europea si basa sul principio di una “politica della Cina unica” e riconosce la leadership di Pechino come l’unico governo legittimo della Cina, ma vuole anche mantenere lo status quo nello Stretto di Taiwan.

Il governo statunitense continua inoltre a sottolineare che la politica statunitense in Cina non è cambiata. Non c’è motivo per cui la visita dovrebbe innescare una crisi o un conflitto, ha affermato John Kirby, portavoce dell’Ufficio per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti.

Il ministro degli Esteri federale Annalena Baerbock ha chiesto una riduzione dell’escalation del conflitto a Taiwan. Riguardo alla visita della Pelosi a Taipei, durante la sua prima visita in Canada ha detto: “Una visita come quella che vediamo oggi non dovrebbe essere usata come scusa per una mossa militare minacciosa”.

Annalena Baerbock in Canada

Durante la sua visita in Canada, il ministro degli Esteri Baerbock ha definito Taiwan un importante “partner di valore” per la Germania

Baerbock ha anche sottolineato che la Germania aderisce alla “One China Policy”, che riconosce la Repubblica popolare cinese come l’unico stato sovrano della Cina. Nell’ambito di questa politica, la Germania mantiene strette relazioni con Taiwan, che in quanto democrazia consolidata con elevati standard di diritti umani, è un “partner di valore importante” per la Germania, ha affermato il ministro degli Esteri.

Strack-Zimmermann: “Andrò anche a Taiwan”

Il presidente della commissione per la difesa del Bundestag, Marie-Agnes Strack-Zimmermann, ha affermato in un’intervista a DW che si dovrebbe guardare alla reazione della Cina alla visita della politica statunitense Nancy Pelosi a Taiwan “obiettivamente, con calma, ma con calma”. “Esiste una politica della Cina unica, in altre parole rispettosa del Taiwan cinese ma con un sistema diverso.

Non è cambiato e quindi il comportamento di autodifesa del popolo cinese è completamente esagerato e in realtà mostra solo l’incertezza in Cina, ha affermato il politico dell’FDP. “Non dobbiamo lasciarci intimidire. Non c’è modo che nessuno si rechi a Taiwan perché i cinesi poi sono iperventilati”. Strack-Zimmermann ha confermato a Deutsche Welle che si recherà anche a Taiwan.

Spada cinese scoppiettante

In risposta alla visita della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, la Cina prevede di tenere esercitazioni mirate intorno all’isola fino a domenica. Decine di aerei da guerra cinesi sono entrati nella zona di difesa aerea di Taiwan. Durante le esercitazioni militari, tra le altre cose, le munizioni vere devono essere sparate a distanza. La manovra è considerata la più grande flessione dei muscoli militari dalla crisi missilistica del 1995, quando la Cina lanciò missili contro Taiwan per intimidire e gli Stati Uniti inviarono due gruppi di portaerei.

Taiwan Taipei |  Conferenza stampa: Nancy Peolosi e Tsai Ing-wen

Buon atteggiamento a Taipei: Nancy Pelosi e il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen

Pelosi si è recato a Taiwan martedì per una visita controversa. Il politico del Partito Democratico del Presidente Joe Biden è il più alto rappresentante degli Stati Uniti ad essere stato nella repubblica insulare democraticamente governata per 25 anni. Pechino vede la Taiwan democratica come parte della Repubblica popolare e quindi rifiuta fermamente i contatti ufficiali di altri paesi con Taipei.

qu/bru (dpa, afp)

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.