Italia: muore a 108 anni l’autore Boris Pahor

È morto all’età di 108 anni il grande scrittore, intellettuale e sopravvissuto ai campi di concentramento nazista Boris Pahor, nato a Trieste ma che scriveva nella sua lingua, lo sloveno, combattendo per la sua confessione.

Nato a Trieste nel 1913, Pahor è considerato il più importante scrittore sloveno con cittadinanza italiana e una delle voci più importanti contro i campi di concentramento nazisti – oggetto del suo libro Necropolis, in cui racconta le sue esperienze nei campi di concentramento.

Egina: una donna di 20 anni trovata impiccata ha denunciato che sua madre ha commesso violenza domestica

Pahor ha scritto anche della discriminazione contro la minoranza slovena a Trieste da parte del regime fascista.

Ha scritto circa 30 libri, che sono stati tradotti in dozzine di lingue, tra cui “Omelia proibita” (in greco dalla pubblicazione Metaichmio).

Necropola è stato pubblicato per la prima volta in sloveno in Italia nel 1967 ed è stato pubblicato solo in italiano nel 2007.

Oltre alle sue opere letterarie, Pahor è noto per i suoi contributi sociali e il coinvolgimento in politica.

Ha ricevuto il Premio Prešeren, il più alto riconoscimento per i risultati culturali in Slovenia, e l’Accademia slovena delle scienze e delle arti lo ha nominato per il Premio Nobel per la letteratura.

Nel 2013, quando aveva 100 anni, è stato premiato dal Parlamento Europeo, in una cerimonia speciale in Slovenia.

Fonte: RES-MPE

Traffico a Ionia Odos: l’errore fatale della coppia sfortunata e momenti drammatici

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.