Eurovision 2022 – Ucraina: quale Kalush Orchestra ha conquistato il primo posto?

Quella Kalush Orchestra a partire dal Ucraina con la canzone “Stefania” è la grande vincitrice di quest’anno Eurovisione avvenuta a Torino, in Italia.

La band che ha raggiunto l’apice del concorso musicale ha preso il nome dalla città dell’Ucraina occidentale che ha accolto un’ondata di rifugiati.

La canzone “Stefania” della band Kalush Orchestra combina elementi melodici con il rap e dall’inizio della guerra in Ucraina è diventata l’inno ufficiale del paese.

La storia di “Stefania”

“La canzone è stata scritta molto prima della guerra e dedicata a mia madre. Dopo l’invasione e la guerra, ha assunto un’altra dimensione e molte persone hanno iniziato a identificarla con l’Ucraina come patria. Ora è nel cuore di molti ucraini e la sua popolarità e il suo simbolismo sono aumentati in modo significativo”, ha detto il cantante By Psyuk.

La ninna nanna nel ritornello sposa versi rap ed elementi folcloristici ed è considerata una delle preferite in assoluto dell’Eurovision con tutti gli uffici di scommesse e chiromanti che la mettono al primo posto.

La partecipazione dell’Ucraina all’Eurovision ha iniziato a conquistare i “cuori” dei fan della competizione sin dal primo momento! Lo stesso vale per i cantanti della band.

Chi è Callo?

Allo stesso tempo, il cantante della band Kalush, dal nome della città dell’Ucraina occidentale, che ha accolto un’ondata di rifugiati, mentre si rafforzava per la guerra, ha lasciato temporaneamente il palco per guidare un gruppo di volontari, che hanno preparato bottiglie molotov, condiviso cibo e medicine e trasportato i rifugiati in un luogo diverso, sicuro.

Sul suo account Instagram personale, tra i videoclip del brano “Stefania”, ci sono videoclip con immagini di guerra, bombardamenti e truppe, a suon di ninne nanne.

Lei e il suo ragazzo hanno divorziato a causa della guerra e ogni giorno vive nella paura di rivederlo. E non è l’unica persona di cui Olech Psiuk è preoccupato.

“Non potevo gioire, perché ero preoccupata per i miei cari. La guerra mi ha separato dal mio partner. Era a 300 chilometri da me. “Non potevamo incontrarci perché era molto pericoloso”, ha detto a Reuters.

Il suo amico e membro della band, chiamato affettuosamente “il tappeto” nel suo completo di un pezzo, che gli copre anche il viso e si riferisce a tatuaggi di varie forme, è uno di questi.

Dopo essersi arruolato nell’esercito, si trova in un luogo segreto e combatte i russi, mentre in un video postato dal suo amico impugna un coltello e dichiara che difenderà la sua patria.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.