Drisbiotis: “Ho aspettato, ho lottato, mi sono confermato e una volta ottenuto ciò che volevo ho aspettato”

Fede, tenacia, fatica, forza di volontà mostrata dall’atleta Napoleone Kefalopoulos per raggiungere il suo obiettivo, sono solo alcune delle caratteristiche che lo aiutano a raggiungere la vetta.

Il nuovo campione europeo della 35 km. e 20 km. ora è anche un esempio per le persone di tutte le età, che perseguono i propri obiettivi e sogni, indipendentemente da come la vita li ha portati. Drisbioti in quattro 24 ore divenne “l’Antigone di tutti i Greci”. L’atleta 38enne è riuscito a raggiungere un risultato sportivo unico con molti messaggi.

Coerente negli anni nella partecipazione ai grandi eventi, è riuscito a “scrivere” la sua prima partecipazione alle Olimpiadi del 2016 e continua a partecipare costantemente a tutti i principali eventi fino ad oggi. Ma quello che ha ottenuto a Monaco, durante i Campionati Europei, è stata la ricompensa definitiva per gli sforzi degli ultimi tre anni.

Ho aspettato, ho lottato, mi sono confermato e una volta ottenuto ciò che volevo ho rinunciato“, ha detto l’atleta dopo il grande successo, cercando di spiegare come ha pensato a tutto quello che è successo a Monaco.

Dopo 35 km. Mi sento sempre guarito al 60-70%. Nel prossimo allenamento non ho sofferto, Elizabeth (ss Anastasaki) mi ha detto che stavo molto bene, anche il mio allenatore mi ha visto e mi ha detto che stavo bene, quindi l’unica cosa che non so è se lo farò. in grado di farlo con passione. Stimo di poter raggiungere i primi sei, una classifica che ritengo molto importante. Il mio obiettivo principale per 20 km. è quello di stabilire un record quest’anno, lo farò sicuramente“, ha detto il campione d’Europa.

Drisbioti non è un atleta che ora si è fatto avanti. Da quando è tornato in azione nel 2011 ha dimostrato di poter sopravvivere ai grandi eventi. Cosa è cambiato nel 2019, quando ha finito di lavorare con il suo primo allenatore, Thanasis Deligiannise andare a Napoleon Kefalopoulos era un obiettivo in termini di capacità.

Da quando sono andato a Kefalopoulos, l’obiettivo è stato grande. Fino ad allora, ho l’obiettivo di piazzarmi a 12 e questo ha a che fare con come mi sento riguardo a me stesso. Se senti di essere in 12, sei in 12. Quando ti senti come se fossi in una medaglia, sei in una medaglia. Con la formazione che ho fatto, non riesco a pensare a niente di meno del quinto posto. E non dico medaglie, perché ogni gara non è uguale. E se commetti un errore entro un chilometro, puoi uscire dalla medaglia. Altre volte mi sento ansioso di riuscire a tenere il passo, generalmente insicuro di me stesso. Adesso dopo 6-7 chilometri mi sento davvero bene, provo a vedere cosa succede intorno a me per vedere dove posso giocare. Decidere se devo andare avanti, se devo aspettare, dipende sempre dalle circostanze“.

L’atleta esperto, nonostante lo stress durante la gara, non perde i contatti con chi lo accompagna lungo il percorso, ma anche con gli altri atleti, che si assicura di tenere d’occhio durante la gara.

Mi piace molto entrare in contatto con le persone che sono per strada. Ho incluso un 20 pezzi per questo motivo. Voglio anche davvero stare con Christina (nata Papadopoulou). Penso che riceviamo molta energia l’uno dall’altro. Siamo amici da molti anni, dal 2012 nei primi Balcani quando sono tornato in azione“, lui dice.

Prendersi una pausa dallo sport che… ha cambiato tutto

Drisbioti ha scelto ad un certo punto della sua vita di mettere da parte lo sport e affrontare altre cose.

“Le ragioni che mi hanno fatto smettere erano di natura più personale e familiare. Ero annoiato, ho dato la priorità ad altre cose a cui pensare oltre a questo. Ho fatto i miei studi. Nel 2011, anno in cui sono tornato, avevo perso molto peso , ho iniziato a preoccuparmi per il mio corpo. Non avevo alcuna motivazione. Ho iniziato ad allenarmi un po’ per me stessa e un mio amico, Vassilis, è venuto e mi ha detto che sei quello che sei veramente, perché non ricominci ?Miglior amico e uomo ora.

Gli ho detto che non potevo farlo, ma ha insistito. Credeva così tanto in me che per un mese, ogni giorno mi portava a fare pratica e poi si metteva a lavorare. Anche adesso è venuto ad esercitarsi.

Se non mi fermassi, non sarei pronto per arrivare qui in questo momento. Mio padre ha detto che mi sbagliavo. Sta guardando la partita in TV e dice che ci sarai ora. So che l’ha detto perché mi credeva. Ma quando sono tornato, sapevo cosa volevo e cosa dovevo fare”.

Sostegno alla famiglia e alla fede a Kefalopoulos

Antigoni Drisbiotis e il suo allenatore Napoleon Kefalopoulos dopo aver vinto la 35 km. arrivare in Europa a Monaco di Baviera

Drisbioti fece alcuni dei suoi preparativi a Karditsa, lontano dal resto dell’entourage di Napoleone Kefalopoulos. Nella formazione che fa nella sua città, ha il supporto della sua famiglia e dei suoi amici.

Tutti vengono con me in quarantena. La mia sorellina a volte corre. Mia madre è in bicicletta. Mia sorella maggiore è sempre quando ho molti chilometri. Mia nipote e mio nipote vanno in bicicletta. In generale, quando ho un taglio grosso, non vado da solo, soprattutto se è estate.

Angelos, mio ​​marito, mi ha detto che uscivo a prendere un caffè nel pomeriggio. Gli ho detto, non verrai ad allenarti quando ho tanti chilometri? E dopo un po’ l’ho visto a casa. La mia famiglia mi sostiene, credono in me, ma soprattutto credono in Kefalopoulos“.

Drisbioti divide gran parte della sua vita quotidiana tra formazione e lavoro, “Steki tis Kyra Iota”, un’azienda di famiglia a Karditsa. In questi mesi con il supporto della sua famiglia, ha messo da parte il lavoro e si è concentrato sulla formazione per poter raggiungere i suoi obiettivi.

All’inizio della preparazione ho avuto problemi ai bicipiti, partivo il 5 giugno per prepararmi a Karpenisi, sono partito presto, perché volevo andare a pensare solo all’allenamento. Voglio che la mia mente sia chiara. L’anno scorso la quarantena ha aiutato, perché siamo stati chiusi per molto tempo, quindi ho fatto il mio allenamento normalmente. Sono andato molto quest’anno. Da dicembre 2021 ho iniziato a prepararmi. Ero così triste di lasciare il negozio il giorno di Natale. Cioè, nei giorni in cui c’è molto lavoro. Anch’io ho dovuto lasciare casa e mio marito per molto tempo. Ma è stato così decisivo che me ne sono andato e ho pensato solo al mio allenamento“.

Dopo essere arrivato quarto ai Mondiali in Oregon, Drisbioti è tornato per alcuni giorni ad Atene e poi si è recato in Italia, per gli ultimi preparativi prima di Monaco.

Dopo l’Oregon saremmo potuti restare in Grecia, ma il mio allenatore non mi ha permesso di tornare a casa. Voleva che mi riposassi. Non voleva che facessi niente. L’obiettivo era l’Europeo fin dall’inizio. 35 km alla Coppa dei Campioni. In Oregon sapevo che sarei diventato uno dei bravi europei, ma non sapevo come se la sarebbero cavata gli altri, quindi non potevo prevedere quanto in alto sarei potuto salire.“.

Forza di gruppo

Antigoni Drisbiotis ha conquistato l’ammirazione e il cameratismo dei suoi compagni atleti, creando un’atmosfera unica all’interno della squadra.

L’influenza di Antigone ha determinato il mio percorso finora“, ha detto Christina Papadopoulou e ha spiegato. “Da atleta sono arrivato a un punto. Ora ho paura di smettere di praticare, dice entra e fai quello che devi fare. Ho visto Antigone spingersi oltre se stesso e ho dovuto fare lo stesso. Cercava costantemente di sostenerci e non ci lasciava arrendere. È un esempio in tutti i sensi“. Dal lato Efi Kourkoutsakis lui dice: “È la sorella migliore che potessimo avere. Ci sostiene e ci aiuta“.

In generale, sebbene le sessioni di allenamento siano difficili, sono anche divertenti, perché durante quel tempo uno cerca di sostenere l’altro. Abbiamo avuto un allenamento difficile a Karpenisi. C’era il sole ea circa 30 chilometri pensavamo di morire per il caldo. Durante il viaggio, che era su e giù, Christina ha detto che non ce la facevo più e le ho detto perché non l’hai lasciata. Sia nei giochi che negli allenamenti ci parliamo per incoraggiarci a vicenda e lo facciamo con passione. Ricordo che domenica (ss Filtisakou) mi urlava contro in Repubblica Ceca poco prima della fine del Mondiale. In una partita che per noi il livello era alto e poi la mia vittoria è stata molto importante, perché è stata la prima partita che ha mostrato la mia buona condizione”, ha detto Drisbioti.

Obiettivo alto nei prossimi due anni

Drisbioti ha davanti a sé due grandi sfide competitive. I Mondiali di Budapest nel 2023 e le Olimpiadi di Parigi nel 2024 non hanno potuto fare a meno di andare secondo i programmi.

Voglio passare ad un livello elevato nei prossimi due anni. Questo è l’obiettivo. Devo ridurre il lavoro per i prossimi due anni. So che la mia famiglia sarà di supporto. Ho spiegato loro che per avere successo dovevo farlo. Ed è quello che farò“.

L’atleta ha sviluppato un rapporto di fiducia con il suo allenatore, Napoleon Kefalopoulos, che lo ha portato anche ai vertici d’Europa. : “Ho fatto quello che mi ha detto. Dal momento che l’ha detto, doveva essere fatto. Non ho problemi con il volume di allenamento, voglio solo sapere i miei allenamenti precedenti in modo da potermi preparare bene, mangiare bene, riposare correttamente. Se non lo fai, soffrirai molto. Il modo in cui ti comporti al di fuori dell’allenamento è fondamentale per il risultato finale. Non si tratta solo di allenarsi, devi mangiare bene e riposare adeguatamente. Perché altrimenti non funzionerà“.

Messaggio mondiale

Da quando ha vinto la sua prima medaglia, Drisbioti ha ricevuto centinaia di messaggi, non solo da amici e conoscenti, ma da persone che semplicemente ammirano i suoi sforzi e li motivano a continuare a perseguire semplici obiettivi quotidiani. “Quando sono entrato in partenza per 20 km. Ricordo sempre tutti i messaggi toccanti delle persone che dicevano che ci hai fatto credere in noi stessi. Messaggi che mi fanno venire voglia di fare il possibile per me e per loro. La risposta e l’amore delle persone è molto buono“.

Antigoni Drisbioti è stato nominato miglior atleta d’Europa per agosto, mentre è anche candidato miglior atleta d’Europa per il 2022. Gli appassionati di atletica leggera possono votarlo sugli account ufficiali dei social media della Federazione Europea.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.