Ceca Raznatovic: Dio mi ha salvato più volte, ho digiunato per 11 anni

diva popolare Svetlana Ceca Raznatovic ha detto di aver rispettato tutti i principi ortodossi fin da bambino e di essere stato educato nello spirito ortodosso.

– Mia madre è un’insegnante, quindi insegna a me e a mia sorella tutto ciò che riguarda la chiesa. La domenica andiamo alla liturgia, onoriamo le usanze per ogni festività, e io e mia sorella ci rallegriamo delle feste – ha detto Ceca in un’intervista a Objectiv.

Il cantante aggiunge che nel corso degli anni una persona conosce la fede.

– Non puoi sentire la fede all’età di cinque, quindici e trenta anni. Così come ognuno di noi non la pensa allo stesso modo in questo limite di età, così tutti abbiamo esperienze di fede diverse – ha affermato.

Dichiarò che gli piaceva frequentare il monastero.

– Ho cercato di visitare i monasteri nel nostro paese, ma anche in altri paesi. Quattro anni fa, con i miei amici, ho visitato Gerusalemme e posso dire che è stata un’esperienza straordinaria per tutta la mia vita. L’energia che senti non può essere espressa a parole, è qualcosa di bello. Ero affascinato dalla cultura israeliana. Il paese ti dà l’opportunità di vedere la città da un’angolazione diversa: da come sono organizzate le strade, a come vivono le persone. Ti dà l’opportunità di passare dalla vita moderna al passato e conoscere migliaia di anni di storia. Non saresti in grado di farlo in nessuna parte del mondo – pensò.

Ha anche rivelato di aver parlato spesso con il suo padre spirituale, il vescovo Stefan, e che questo lo ha aiutato molto a comprendere le varie situazioni della vita.

– A volte le situazioni della vita che ci accadono sembrano impossibili – dice Ceca.

Ha iniziato a digiunare per la prima volta nel 2011 dopo un colloquio con il monaco Stefan, e oggi vescovo.

– Prima di allora digiunavo il mercoledì e il venerdì. Quindi digiuno ogni 11 anni, così fa la mia famiglia. Dipende dal giorno e dal digiuno. A volte sul petrolio, a volte sull’acqua – sottolinea Raznatovic.

Aggiunse che Dio lo aveva salvato molte volte nella sua vita.

– Ci sono cose del genere nella vita, ma quelli sono momenti che non dovrebbero essere raccontati. Ringrazio Dio per ogni nuovo giorno e per il fatto che la mia famiglia è viva e vegeta – conclude il cantante.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.