Seloto: “Almeida emozionata, vincente e pronta per l’Europa”

Il Ct dell’Argentina Paraguay Guillermo Baros Celoto ha parlato del nuovo allenatore dell’AEK, Matthias Almeida, che idolatra i suoi talenti regolari e spirituali.

L’intervista che Seloto ha rilasciato in dettaglio su Almeidas sul quotidiano “Dikefalos”:

il suo nome Matias Almeida all’orizzonte europeo è noto per il calcio dai suoi viaggi tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 dagli stadi italiani, indossando le maglie di Lazio, Parma e Inter. Come allenatore in Europa, AEK sarà il suo primo, dopo un decennio in cui ha gettato le basi della sua carriera dall’altra parte dell’Atlantico. Prima nella sua nativa Argentina, assumendo la guida tecnica dell’amato River Plate e poi a Banfield, poi in Messico per il bene di Chiva e negli ultimi quattro anni negli Stati Uniti e nella MLS alla guida dei San Jose Earthquakes. Lì, negli stadi d’America, si è trovato faccia a faccia con i suoi connazionali e vecchie conoscenze dei loro avversari argentini. Motivo della leggenda del Boca Juniors, Guillermo Baros Celoto.

L’attuale allenatore della Nazionale del Paraguay negli ultimi tre anni è stato contro l’Almeida come allenatore dei Los Angeles Galaxy nella partita con il San Jose Earthquake e da argentino conosce molto bene i suoi compagni di squadra e il prossimo allenatore dell’AEK. Seloto ha parlato in esclusiva a “Dikefalos” di Almeida e ha parlato di un allenatore appassionato di bordo campo, che pensa solo a vincere e gioca sempre per questo, soprattutto nelle partite importanti sia in casa che in trasferta.

“Quello che i tifosi dell’AEK si aspettano da Almeida è un allenatore con passione, che lotterà e darà tutto per la sua squadra, per i giocatori e per i suoi tifosi. Sarà sempre pronto a vincere, ovunque giocherà. Nei grandi derby contro l’Olympiakos e Panathinaikos, sia AEK in casa che in trasferta, Almeida farà uscire la sua squadra con l’unico obiettivo della vittoria. Quella sarà la bandiera dell’AEK e lascerà il segno”Seloto inizialmente chiamato “D”.

“Filosofia aggressiva, alta pressione e passione”

Secondo il 48enne allenatore della nazionale del Paraguay, Almeida ha una filosofia di gioco aggressiva. Oltre alla sua mentalità vincente, vuole anche produrre spettacolo, mentre il suo temperamento è diventato il suo marchio di fabbrica come calciatore. Un combattente che attribuisce molto peso all’unità e alla psicologia.

“Almeida regolarmente ama un modo di giocare aggressivo. Cerca i risultati ed è abituato a giocare con il 4-3-3, mentre altre volte preferisce il 4-2-3-1. Ovviamente penso anche questa scelta dipende dai giocatori in rosa. roster. La sua identità è caratterizzata dal fatto che vuole giocare un buon calcio, spingere in alto e vincere. Questa è la sua filosofia”ha sottolineato Seloto e ha aggiunto sui doni spirituali di Almeida:

“Matias ha la stessa passione che mostra da calciatore in campo. Ha molte emozioni ed è abbastanza attaccato alla sua idea di calcio e ai suoi giocatori. È appassionato! “Senza dubbio, ora che lo è un allenatore, direi che lo stesso è diventato caratterizzarlo come giocatore”..

“Conosciuto in America Latina con una mentalità vincente”

Celoto, come accennato in precedenza, prima di assumere la squadra nazionale del Paraguay, era l’allenatore dei Los Angeles Galaxy, quindi ha affrontato Almeida al San Jose Earthquakes sei volte nel campionato MLS. Nello scontro tra loro, infatti, l’Almeida ha la meglio, festeggiando quattro vittorie, subendone una, mentre una partita è finita in pareggio. Naturalmente, questa non è la prima volta che un quattro contro quattro viene in uno stadio degli Stati Uniti. A parte la loro carriera calcistica dove hanno giocato contro il River Plate Gymnasia La Plata (Seloto è andato al Boca più tardi quando Almeida ha lasciato il River per l’Europa) sia come allenatori che ora sono rivali e nella loro patria. In particolare, quando Almeida era in panchina al Banfield e Celoto era in panchina al Lanus, hanno giocato due derby a Buenos Aires con grande intensità, con Celot che è uscito vittorioso entrambe le volte.

“Sia come calciatori che come allenatori ci siamo confrontati. Abbiamo portato tutti i risultati, vittorie, sconfitte e pareggi, sia in MLS che in Argentina. Come allenatori, però, abbiamo dato la nostra migliore partita da avversario in patria. Quando lui era l’allenatore al Banfield e io al Lanus. È un classico della periferia di Buenos Aires ed è sempre una partita aperta dove entrambi cerchiamo il risultato”.ha detto il 48enne allenatore della Nazionale del Paraguay.

Seloto si è rivolto nel miglior modo possibile ai suoi connazionali e connazionali e ci ha fatto capire quanto sia importante Almeida nelle Americhe. Il suo nome potrebbe essere conosciuto in Europa come giocatore di corte italiano e in genere dalle sue 40 presenze con la Nazionale argentina, ma in America Latina ha alzato il livello di formazione e non a caso è stato recentemente legato alla Nazionale panchina lì.

“Ha vinto titoli sia in Messico che nella seconda divisione argentina. Come so, sia come giocatore che come allenatore, ha la mentalità del vincitore. Ecco perché il suo nome è stato sentito l’ultima volta in diverse squadre nazionali in America Latina, come la Colombia e il Cile. È molto famoso quiIl commento di Seloto.

Mattia Almeida

“Pronti per il prossimo passo in Europa”

L’AEK punta con Almeidas dopo quattro anni in cui non è riuscito a tornare veramente competitivo, rivendicando il titolo. Soprattutto perché la nuova stagione si giocherà nella nuova OPAP Arena. La scelta dell’allenatore è una questione fondamentale per l’organizzazione dell’Unione e, secondo Seloto, il 48enne ha tutto ciò di cui ha bisogno per resistere alla pressione. Come ha spiegato a “D” l’allenatore della Nazionale del Paraguay, Almeida ha provato questa sensazione sulla pelle, sia come giocatore di una grande squadra che come allenatore del River Plate. Un grande club in Argentina che Almeida ha dovuto sacrificare a tutti i costi per riportarlo dalla seconda divisione alla prima divisione e ce l’ha fatta.

“Credo che Almeida resisterà alla pressione della panchina dell’AEK. Da giocatore ha vestito le maglie delle big. River Plate, Nazionale Argentina, Lazio e Inter in Italia. Infatti è stato allenatore al River nel periodo era in seconda divisione argentina e questo di per sé è una pressione enorme, una pressione tremenda per le dimensioni del Club. Ha dimostrato di potercela fare e ora credo che sia pronto per il prossimo passo in Europa senza un dubbio.”.

Finita la conversazione, non abbiamo potuto fare a meno di chiedere a Seloto del rischio che molti considerano il caso Almeida di trattenere l’AEK, visto che l’allenatore argentino non aveva mai lavorato sulla panchina europea prima. Secondo Seloto non c’è da dubitare, considerando che la presenza di Almeida da calciatore negli stadi europei è sufficiente per aprire con successo il primo allenamento in Europa con l’AEK.

“No, non credo che il fatto che non lavori in Europa sia un rischio. Ci sono alcuni allenatori latinoamericani che, quando hanno mosso i primi passi in Europa, hanno fatto molto bene e ci sono rimasti. Ad esempio come Manuel Pellegrini. Personalmente ritengo Almeidas un’ottima scelta per l’AEK. Ha anche molta familiarità con il calcio europeo quando ha giocato lì per un decennio. Pertanto, non credo che avrà alcun problema a rispondere a ciò che chiederà l’AEK lui”Seloto ha sottolineato.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.