Preoccupazioni a Bruxelles: spostata a destra dall’Italia

L’Unione Europea è abituata a preoccuparsi dei populisti. In molti paesi, coloro che odiano la democrazia liberale fanno ormai parte della vita politica quotidiana. Polonia e Ungheria sono da anni “candidate difficili”, ma gli oppositori dell’UE fanno già parte della vita politica quotidiana in democrazie tradizionalmente stabili come Finlandia, Paesi Bassi e Belgio.

Tuttavia, per la prima volta, potrebbero prendere il potere nell’importante paese fondatore dell’Unione, l’Italia ha anche il terzo più grande prodotto economico nell’Unione Europea.

Ciò che preoccupa particolarmente a Bruxelles è che Giorgia Meloni, capofila dei postfascisti Fratelli d’Italia, sia riuscita a dare una mano di vernice moderata al suo partito, anche nei confronti dell’Ue. Ai suoi occhi, l’Unione Europea era un nemico politico, ma recentemente ha fatto la pace.

Il politico vuole rinegoziare i rapporti tra Roma e Bruxelles, ma ha più volte assicurato che non ci saranno ostacoli se guida il governo.

Collaboriamo bene con Draghi
A Bruxelles, affermazioni del genere sono meno credibili. Tuttavia, la Commissione Ue tace su quanto sta accadendo in Italia. Secondo un alto funzionario dell’UE, non si dovrebbe interferire negli affari interni degli Stati membri prima delle elezioni.

Ma in seguito ha aggiunto che la precedente amministrazione di Mario Draghi ha collaborato molto bene, e che l’ex capo della Banca centrale europea (Bce) “ha capito l’Europa”. In parole povere: può solo peggiorare.

La caduta di Mario Draghi è stato per me uno dei peggiori eventi politici dell’anno.

Renè Repas

Se la Commissione dell’Unione Europea specula sull’esito delle elezioni in Italia a porte chiuse, i membri stranieri del Parlamento Europeo con tale silenzio.

“La caduta di Mario Draghi è stato per me uno dei peggiori eventi politici dell’anno”, ha detto René Repasi. Il socialdemocratico fa parte della commissione per i problemi economici e monetari, quindi vede la situazione dal punto di vista della politica fiscale.

La Banca Centrale Europea ha fatto una “scommessa su Draghi” nel suo aiuto finanziario all’Italia. “Se l’estrema destra vince, la Bce rischia di perdere il suo bene più importante: l’indipendenza politica”, temeva l’eurodeputato.

Date le dichiarazioni dei candidati di estrema destra, la banca centrale troverà molto difficile mantenere un ampio sostegno al governo italiano in caso di vittoria. I partiti di destra si battono per i voti con premi elettorali costosi, il cui finanziamento non è stato chiarito.

Non è chiaro come verranno finanziati i tagli alle tasse
Le conseguenze della crisi energetica e dell’inflazione devono essere sostenute da massicci tagli alle tasse, senza alcuna spiegazione su come saranno finanziati. L’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini, capo nazionale di estrema destra della Lega Nord, vuole aumentare ancora di più la montagna di debiti del colosso italiano e aggiungere nuovo debito di almeno 30 miliardi di euro.

Secondo André Repasi, la Bce rischia di essere trascinata nel conflitto politico che sorgerà dopo le elezioni, indipendentemente dal fatto che la Bce continui a sostenere l’Italia o si rifiuti di aiutare.

Anche Daniel Freund, membro dei Verdi del Parlamento europeo, è preoccupato per questi sviluppi. “La lotta per le decisioni nell’UE aumenterà notevolmente se l’estrema destra entrerà nel governo in Italia”, ha affermato. Teme che l’ammiratrice di Viktor Orban, Giorgia Meloni, possa schierarsi con il presidente del Consiglio a Budapest nella disputa tra Unione e Ungheria sullo stato di diritto.

La prima prova di forza è imminente nelle prossime settimane, quando gli Stati membri dell’UE dovranno scegliere se l’Ungheria debba tagliare miliardi di sussidi, anche a causa della corruzione.

La folla all’evento elettorale Meloni.
© AFP / IGOR PETYX

Ma anche la direzione dell’Europa in Russia potrebbe vacillare. L’Unione Europea ha finora approvato sei pacchetti di sanzioni contro Mosca per la sua guerra di aggressione in Ucraina. I leghisti Silvio Berlusconi e Matteo Salvini hanno indicato che non opteranno per un’azione punitiva, ha spiegato Daniel Freund, aggiungendo che le sue preoccupazioni potrebbero essere condivise in Commissione Ue.

In questo contesto, è scandaloso per il verde Daniel Freund e per il politico dell’SPD René Repasi che il gruppo conservatore del PPE al Parlamento europeo non si allontani da Berlusconi.

Al contrario: il leader del loro gruppo parlamentare tedesco e politico della Csu Manfred Weber ha recentemente pubblicizzato in una conversazione con i media per l’85enne politico e il suo partito Forza Italia, che fa parte del PPE al Parlamento europeo. Anche la maggior parte dei parlamentari conservatori non vede alcun problema.

Se Meloni vincesse le elezioni, potrebbero verificarsi gravi cambiamenti tettonici politici anche al Parlamento europeo. Lì, l’estrema destra e i nazionalisti hanno cercato per anni di formare una fazione pesante, ma finora hanno fallito.

Gli estremisti di destra francesi si aspettano anche Meloni
Jean-Paul Garraud, capo del partito di estrema destra Rassemblement nazionale francese al Parlamento europeo, non ha nascosto i suoi piani. Le sue speranze riposano sulla vittoria di Giorgia Meloni il 25 settembre.

In un’intervista, ha affermato che si trattava di un’opportunità per “qualcosa di più grande”, ovvero una fusione tra l’estrema destra Identity and Democracy (ID) e European Conservatives and Reformers (ECR). Rafforzerebbe notevolmente l’influenza dei poteri nazionali di destra nel Parlamento europeo.

Dato che i sondaggi d’opinione in Italia sono molto stabili da settimane, non c’è più nessun interlocutore a Bruxelles che dubiti della vittoria della coalizione nazionale di estrema destra. Tuttavia, l’atmosfera nel campo pro-europeo è cambiata.

Gli slogan inizialmente aggressivi si trasformarono per settimane in uno stupore incredibile, poi si diffuse una certa rassegnazione e intanto prevaleva il principio della speranza. “L’Italia ha visto molti governi andare e venire”, ha detto René Repasi.

Dopotutto, il paese ha sopportato molti anni sotto Berlusconi come Primo Ministro e il popolo dell’SPD sperava che la resilienza politica dello Stato di diritto fosse maggiore di quanto supponesse il resto d’Europa. Anche la KPU sta aspettando questo momento. “L’Italia è riuscita comunque a farcela alla fine”, ha detto un alto funzionario.

Vai alla pagina principale

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.