I produttori risparmiano sulla carne. Tutto il prosciutto italiano deve essere acquistato in negozio

L’intero lotto di prosciutto italiano doveva essere ritirato dalla vendita dalla catena di vendita al dettaglio Lidl. Gli ispettori dell’Ispettorato statale per l’alimentazione e l’agricoltura (SZPI) hanno rivelato che il cibo conteneva meno carne di quella indicata sulla confezione.

L’ispettore trova il prodotto nella catena Lidl. Ordinarono quindi immediatamente alla società di ritirarla dalla vendita. Si tratta di ITALIAMO Prosciutto Crudo con scadenza 27/07/2022, lotto: FA2211809, produttore: Filiera Uno Prosciutti Srl, via Jacopo Pirona, 15, IT-33038 San Daniele del Friuli, Italia, paese di origine: Italia.

“Il produttore afferma tra le altre cose sulla confezione degli alimenti: ‘100 g di prosciutto sono fatti da 194 g di coscia di maiale.’

Secondo l’ispezione, le informazioni sulla confezione degli alimenti hanno indotto in errore i consumatori sulla proporzione effettiva di carne. Pertanto SZPI ha avviato il processo amministrativo e ha inflitto una sanzione.

“Per i prodotti a base di carne essiccata, il peso della carne è sempre indicato allo stato grezzo, quindi il contenuto di carne indicato su questo prodotto è sempre superiore al prodotto finale allo stato secco”, spiega Kopřiva.

I redattori di TN.cz hanno anche contattato la catena di vendita al dettaglio Lidl. Tuttavia, nessuno ha ancora commentato la situazione.

Frode sul contenuto di carne Fonte: Ispezione statale per l’agricoltura e gli alimenti

TN.cz

Tonio Vecellio

"Specialista di Internet. Zombieaholic. Evangelista del caffè. Guru dei viaggi. Lettore. Fanatico del web pluripremiato. Orgoglioso drogato di cibo. Amante della cultura pop."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.