Una donna francese che vive in Grecia e corre in giro per il mondo

Marie Leautey è originaria della Francia, ma vive in Grecia da molti anni.

È lì che l’ho incontrato, abbiamo partecipato insieme a eventi sportivi intorno ad Atene e alla Maratona Classica nel 2004.

Presto, correre non era solo l’abitudine preferita di Marie, come la maggior parte di noi, ma anche uno stile di vita.

Negli anni Marie ha partecipato a molte organizzazioni sportive tra cui 6 “Ironman”.

La sua evoluzione in ultra-atleta di lunga distanza, ma anche il desiderio di viaggiare le ha dato l’idea di correre attraverso l’Universo per diventare la donna più veloce a correre in giro per il mondo.

Marie Leautey, nota anche come “Lootie”, è ora all’ultima tappa del suo viaggio lungo quasi 30.000 chilometri.

Dopo Europa, Nord e Sud America, l’Oceania è l’ultimo continente.

L’ultima tappa di Sydney che dovrebbe concludersi in modo spettacolare sui gradini dell’Opera House il 30 agosto (lootie-run.com).

Di recente, il 4 agosto, Marie è arrivata nella città di Melbourne dove ha incontrato il sindaco Sally Capp e il console onorario di Francia a Melbourne, Myriam Boisbouvier-Wylie.

Il comitato di benvenuto comprendeva anche studenti del Caulfield Junior College, ma anche il famoso corridore australiano Pat Farmer, che ha persino accompagnato Marie nell’ultimo chilometro.

Per le strade di Melbourne.

Dopo un soggiorno di tre giorni a Melbourne, il corridore è partito per Sydney.

DALL’EUROPA ALL’AMERICA

L’epico viaggio di Marie inizia il 6 dicembre 2019 da Cap Roca in Portogallo senza sospettare che una pandemia globale la colpirà solo tre mesi dopo.

“Stavo attraversando l’Italia in quel momento e l’Italia è stato il primo Paese al mondo a dichiarare un lockdown nazionale. Quindi non ho potuto muovermi per quattro mesi, non potevo andare da nessuna parte perché l’intera Europa era in lockdown”, ha raccontato. disse.

“Lavoro come volontario e consegno cibo alle persone che sono isolate di casa in casa, quindi continuo la mia formazione mentre il confine è chiuso”.

Nonostante le difficoltà, la traversata europea è stata completata nel giugno 2021 in Turchia (15.450 km).

Ha continuato il suo viaggio negli Stati Uniti, da Seattle a New York per poi ritrovarsi tra le montagne del Cile, nella Cordigliera delle Ande.

In Argentina.

“Ricordo di aver scalato la montagna di 4.000 metri tra Argentina e Cile. Ero stato in mare qualche giorno prima e qualche giorno dopo avevo visto la loro vetta più alta, l’Aconcagua. È fantastico, ecco perché sto facendo questo tour mondiale”.

“Di solito quando ‘finisco’ un continente, vengo spesso accolto da un consolato o un’ambasciata francese. A Buenos Aires, i ragazzi che sono venuti ad accompagnarmi per finire il mio ultimo chilometro. È stato fantastico. È stato un viaggio solitario, ma quando ho incontrato persone… persone, torno alla realtà e mi rallegro per i traguardi raggiunti”.

Quando le è stato chiesto perché l’Asia o l’Africa non fossero nel suo itinerario, ha risposto: “Ho fatto un itinerario semplice per una donna single. Non riesco a vedermi lasciare un paese in guerra o un paese che ha restrizioni speciali per le donne. Per trasportare le sue cose, Marie spinge un passeggino di 29 kg fino alle Ande.

“Non è stato difficile”, ha detto dopo essersi allenato con lui per più di due anni per… abituarsi.

Ma per attraversare le Ande e l’Australia aveva bisogno del supporto, che ha trovato da un buon amico e ciclista che lo ha accompagnato per il resto del suo viaggio in carovana.

Finora è stato completato: attraversando l’Europa (15.420 km) il 24 giugno 2021, attraversando il Nord America (5.383 km) il 24 novembre 2021 e attraversando il Sud America (3.002 km) il 10 marzo 2022.

Nei giorni scorsi ha percorso l’ultimo chilometro da Melbourne a Sydney (4.550 km) con l’obiettivo di completare il suo viaggio nel mondo entro il 30 agosto sui gradini della Sydney Opera House.

LA SFIDA PIÙ GRANDE

In Europa, Marie ha viaggiato attraverso i Pirenei, le Alpi, le Ardenne, gli Appennini e le Alpi Dinariche.

In Nord America corre nelle montagne rocciose e degli Appalachi. Poi le Ande in Sud America a 4.000 metri di altitudine oltre il confine tra Cile e Argentina.

In Australia, attraversare il deserto del Nullarbor (oltre 1.200 km) è la sfida più grande.

Nonostante il clima e le condizioni, è rimasto illeso:

Una maratona al giorno, 6 giorni a settimana, ad una velocità media di 9,2 km/h.

Al di là delle imprese sportive, le sue avventure sono anche epopee moderne, avventure umane attraverso continenti, società, culture, in un momento della nostra storia in cui, per la maggior parte di noi, il mondo ha smesso di girare.

PER LA DONNA

“Quando ho iniziato il mio tour mondiale il 6 dicembre 2019, ho annunciato che avrei percorso 26.232 chilometri attraverso 4 continenti. Prometto anche di raccogliere 1 dollaro per ogni chilometro di corsa per le ONG “Donne per donne internazionali” che mi hanno nominato ambasciatore della loro causa”, disse Marie.

“Mi rivolgo a tutti coloro che leggono il post il mio blog e vuoi sostenermi in ogni modo possibile: per favore aiutami a mantenere la mia promessa e a riscuotere la somma di denaro che ho promesso”.

Women for Women International sostiene le donne che vivono in alcune delle parti più pericolose del mondo e aiuta le donne a reintegrarsi nella società dopo la guerra.

Le donne si iscrivono al programma di formazione annuale dell’ente di beneficenza dove imparano come guadagnare e risparmiare denaro, migliorare la salute delle loro famiglie e far sentire la loro voce a casa e nelle loro comunità.

Oggi è necessario ancora più aiuto per quanto sta accadendo in Ucraina.

Spesso le donne ei bambini fuggivano dai loro paesi mentre gli uomini restavano a combattere.

Una lotta leale, era chiaro a Marie, come le aveva insegnato sua nonna:

“Non dovresti mai smettere di odiare, me lo ha insegnato”, conclude. “Durante la mia carriera (compreso il ruolo di CFO) sono sempre stato pagato meno degli uomini. Dobbiamo lottare per l’uguaglianza”.

Maggiori informazioni e donazioni per la raccolta fondi di Marie per l’ONG “Women for Women International” sono disponibili qui: www.justgiving.com/fundraising/lootie-run

VERSO DUE NUOVI RECORD MONDIALI

Marie dovrebbe battere due record mondiali e diventare:

La donna che ha fatto il giro del mondo nel minor tempo (698 maratone in 825 giorni)

La prima donna a correre attraverso 4 continenti (Sea to Ocean).

Il World Walking Tour è gestito sotto la supervisione della World Runners Association (WRA).

Ad oggi ci sono riuscite solo 1 donna e 5 uomini.

Marie sarà la seconda donna e la settima persona in questo piccolo gruppo esclusivo.

SEGUIRE

Dopo che il tour mondiale è stato confermato, “Lootie” ha voluto scrivere un libro che raccontasse il suo viaggio epico.

“Ho voluto intraprendere questo viaggio quando ho letto il lavoro di 6 corridori che hanno raggiunto questo obiettivo. Voglio trasmettere questo spirito. Nei miei viaggi c’è qualcosa di nuovo ogni giorno. Dà un’intensità alla vita che è destinata a scomparire quando finisce. Scrivere può aiutarmi a voltare pagina”.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.