Una donna è stata condannata a 30 anni di carcere per aver violato…

Lunedì un tribunale di El Salvador ha condannato una donna a 30 anni di prigione per aver ucciso la figlia non ancora nata dopo aver abortito dopo le complicazioni della sua gravidanza, un’organizzazione afferma che stanno combattendo per depenalizzare l’aborto.

La donna, madre di una bambina di 7 anni, ha avuto complicazioni durante la sua seconda gravidanza nel 2019 e ha dovuto rivolgersi immediatamente a un medico in un ospedale pubblico. Ma lì hanno chiamato le autorità e la polizia lo ha arrestato, secondo il Gruppo di cittadini per la depenalizzazione dell’aborto.

Un giudice ha condannato la casalinga di 28 anni, non nominata per motivi di sicurezza e identificata solo come Esme, dopo due anni di reclusione. Questo è il primo caso del genere in sette anni, secondo l’organizzazione.

“La decisione è un duro colpo per la depenalizzazione delle emergenze in gravidanza, che la Corte interamericana dei diritti umani ritiene debba essere trattata come un problema di salute pubblica”, ha affermato Morena Herrera, presidente dell’organizzazione.

Gli avvocati delle donne hanno dichiarato in una dichiarazione che avrebbero presentato ricorso contro la decisione, sottolineando che si trattava della prima decisione durante la presidenza di Naib Boukele.

Negli ultimi 20 anni in El Salvador, dove l’aborto è completamente vietato anche in caso di stupro o quando la salute della madre è in pericolo, 181 donne sono state perseguite per complicazioni durante la gravidanza, secondo l’organizzazione.

La Corte interamericana dei diritti umani ha stabilito a novembre che El Salvador aveva violato i diritti di una donna identificata come Manuela, che era stata incarcerata in base alle leggi sull’aborto ed era morta mentre stava scontando una pena detentiva di 30 anni.

FONTE: AMPE

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.