Una città italiana in preda a una storica siccità. Ma ho paura della pioggia, disse il sindaco

/Dalla nostra corrispondenza speciale/

Piacenza si trova a circa 70 chilometri a sud di Milano e, con 100.000 abitanti, è una delle poche grandi città attorno al fiume più grande d’Italia, il Po. Il sindaco locale, Katia Tarasconi, ricorda chiaramente la campagna elettorale, svoltasi in un momento in cui la regione si stava avviando verso una storica siccità.

I rappresentanti del Partito Democratico di centrosinistra (Partito Democratico) hanno riflettuto sulla mancanza di acqua e su altri problemi ambientali durante la campagna e credono che anche questo lo abbia aiutato a vincere.

“Quando si tratta di politica nazionale e delle prossime elezioni politiche, penso che il mio partito stia cercando di mettere sul tavolo l’agenda ambientale e i temi del cambiamento climatico, ma è molto timido”, ha giudicato il sindaco di Piacenza in un’intervista a Seznam Zprávy. Gli italiani andranno alle elezioni anticipate per il nuovo parlamento a settembre (scriviamo qui).

Katia Tarasconi

  • Nasce a Piacenza nel 1973.
  • Ha studiato incisione all’Università di Miami, dopo di che ha lavorato anche per il Miami Herald.
  • Prima di entrare in politica, ha lavorato per diversi anni come responsabile commerciale presso una società di comunicazione con sede a Piacenza.
  • È diventato membro del Partito Democratico nel 2007 e da allora ha ricoperto numerosi incarichi nell’autogoverno locale nella regione.
  • Nelle elezioni di quest’anno ha sconfitto al secondo turno l’ex sindaco Patrizia Barbieri con il 53,46% dei voti. È entrato in carica a fine giugno.

Foto: Michal Turek, Seznam Zpravy

Katia Tarasconi.

La città ha imposto restrizioni straordinarie o misure di contenimento dei costi a causa della siccità?

Sì, la città ha già annunciato le restrizioni a fine giugno. In linea di principio, questo è un divieto sull’uso dell’acqua per vari scopi. Ad esempio, le persone non dovrebbero innaffiare il giardino, riempire la piscina e così via. L’obiettivo è limitare il consumo di acqua in città.

Come si applicano tali restrizioni?

Polizia locale in carica.

C’è un’azione che non hai intrapreso ma temi che dovresti?

Anche no. Tuttavia, stiamo lavorando ad alcuni progetti che ci aiuteranno in futuro.

Volevamo imparare a trattenere meglio l’acqua piovana. Ad esempio, abbiamo collaborato allo sviluppo di un progetto con l’obiettivo di creare una rete di tanti laghi artificiali minori, dai quali l’acqua potesse raggiungere la città. Cerchiamo di lavorare con la consapevolezza che la siccità potrà solo peggiorare in futuro e dobbiamo preparare le infrastrutture per questo.

Quanto è grande il tema della siccità per Piacenza, è al centro del dibattito pubblico qui?

Questo è un argomento più grande per il piacentino che per la città stessa. Anche qui, la gente del posto ha le conseguenze della siccità davanti ai loro occhi.

Se vai a vedere il fiume, vedrai quattro paletti di legno lì. Sono i resti di un vecchio ponte che prima non attraversava il fiume. Se chiedi agli anziani in città, non ricordano nemmeno che il tasso di caduta sia mai stato così basso.

La gente del posto lo ha percepito e si è reso conto che questo era il problema qui. Ma penso che dia fastidio soprattutto ai giovani. Ad esempio, tengono dibattiti al riguardo, vanno a raccogliere immondizia nel quartiere, partecipano alle proteste di Fridays for Future e così via. Altrimenti, però, la siccità è più un argomento per le campagne e i contadini, nelle città le conseguenze incidono meno sulla vita quotidiana.

Foto: Michal Turek, Seznam Zpravy

I pilastri del vecchio ponte di cui sopra sporgono nell’acqua.

Quindi l’acqua scorre dal rubinetto e non c’è pericolo di fermarsi…

Tuttavia, abbiamo aree intorno alle quali non c’è approvvigionamento idrico, le persone attingevano l’acqua dai pozzi lì, ma per la prima volta quest’anno erano completamente asciutte. Quindi dobbiamo organizzare l’approvvigionamento idrico tramite autocisterna. Fortunatamente, questo riguarda solo un piccolo numero di case.

In che modo i partiti politici riflettono le manifestazioni della siccità e del cambiamento climatico in generale? Ci saranno le elezioni a settembre e finora ho sentito dalla gente del posto che la siccità è un altro scenario di problemi pre-elettorali.

Parlando per me, posso dire che mi dedico a questo argomento. Nella campagna del sindaco, ad esempio, nel mio programma c’è un investimento nella possibilità di utilizzare le acque reflue per vari scopi, e parlo di vari temi ambientali. Oltre alla siccità qui, abbiamo anche problemi con la scarsa qualità dell’aria, abbiamo anche frequenti inondazioni qui, l’ultima volta che c’è stata una grande alluvione nel 2015 e tre persone non sono sopravvissute. Tutto questo mi infastidisce e voglio fare qualcosa.

I nostri giornalisti in Italia

“Abbiamo perso il 30% del raccolto”, hanno affermato nel rapporto Seznam Zpráv i coltivatori di riso della città di Mortara, situata a circa 100 chilometri a ovest di Piacenza.

Sulle fonti di Po, il giovane scout milanese ha parlato ai giornalisti della siccità e, tra l’altro, della sua riflessione sulla politica italiana.

E se parli per tutta la festa?

Quando si tratta di politica nazionale e delle imminenti elezioni, penso che il mio partito stia cercando di mettere sul tavolo l’agenda ambientale e le questioni relative al cambiamento climatico, ma è molto timido al riguardo. Non è facile. È importante spiegare alle persone che se investiamo in soluzioni più ecologiche, perderemo alcuni posti di lavoro, ma possiamo sostituirli con nuove posizioni in linea con lo sviluppo sostenibile.

Penso che dipenda anche dal fatto che i partiti faticano a trovare un tema che funzioni al nord, al centro e al sud Italia. È anche vero, secondo me, che il tema del cambiamento climatico è generalmente meno interessante per le persone in Italia che altrove in Europa.

Tuttavia, lo usi nella tua campagna. Quanto pensi sia stato importante per la tua vittoria?

È difficile da dire. Sto parlando del già citato programma per la realizzazione di un sistema per il re-wall delle acque reflue. Inoltre, ho anche detto agli elettori che volevo includere più alberi e verde nella città. Sto anche cercando di cambiare il piano di costruzione dell’ospedale in modo da non dover distruggere la natura e renderlo più vicino al centro città.

La gente sa anche che voglio più zone pedonali a Piacenza, sostengo lo sviluppo delle piste ciclabili e introduciamo il trasporto pubblico gratuito per gli anziani. Volevamo anche una rete di trasporto pubblico complessivamente più densa che fosse gratuita per tutti. Le persone non devono guidare molto, ma per ora è più un mio sogno.

Non so quante persone mi hanno votato per tutto questo. Ma ha sicuramente un ruolo.

Come ti senti quando vedi l’autunno? Sei nato qui e immagino che tu abbia legami con la città e il fiume…

Provo una grande tristezza. Se vai a vedere il fiume, troverai due club di canottaggio. Uno si chiamava Nino Bixio, era qui dal 1883, e l’altro si chiamava Vittorino da Feltre. Sono membro di uno di loro da quando avevo 13 anni, e in tutto questo tempo non abbiamo mai visto una caduta così secca. È uno spettacolo triste.

Oltre alla tristezza, ha anche causato paura in me. La natura non lo lascerà rimanere così a lungo, succederà qualcosa. Ecco perché temo che quel giorno comincerà a piovere. Se piove molto e piove molto per alcune ore, sarà un grosso problema. Il terreno è asciutto, l’acqua non vi penetra e continua a scorrere. Ogni volta che vedo una nuvola nera, penso, Dio, cosa accadrà oggi. Sono preoccupato per l’incolumità dei cittadini.

Non so fino a che punto sia possibile correggere gli errori che abbiamo fatto finora, ma almeno possiamo provarci.

Tonio Vecellio

"Specialista di Internet. Zombieaholic. Evangelista del caffè. Guru dei viaggi. Lettore. Fanatico del web pluripremiato. Orgoglioso drogato di cibo. Amante della cultura pop."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.