Un altro migrante salvato nel Mediterraneo

/picture alliance, Daniel Kubirski

Roma Organizzazione Medici Senza Confini (MSF) ha soccorso circa 100 migranti in barca nel Mediterraneo centrale. L’altro ieri, i volontari di Geo Barents hanno portato persone nel nord-ovest della Libia da navi in ​​pericolo, ha detto l’organizzazione di soccorso privato su Twitter. Tra i soccorsi c’erano quattro bambini e una donna incinta.

Nella loro missione, i soccorritori marittimi privati ​​salvano dall’annegamento le persone che partono dalle coste del Nord Africa verso l’Unione Europea mentre fuggono o sperano in una vita migliore lì. Salvatore marino tedesco occhio di mare ha dato il via venerdì pomeriggio con Sea-Eye 4 alla loro seconda missione dell’anno nel Mediterraneo centrale.

Molti migranti si dirigono verso l’Italia. I paesi mediterranei di solito lasciano attraccare i soccorritori marittimi nei loro porti con le persone soccorse a bordo. Nella politica italiana, i partiti di estrema destra hanno più volte criticato l’operazione.

Secondo il ministero dell’Interno, quest’anno sono quasi 8.670 i migranti giunti sulle coste italiane, lo stesso numero dello stesso periodo dello scorso anno (circa 8.600). Secondo le Nazioni Unite, 511 migranti erano scomparsi o morti nel Mediterraneo centrale entro il 2022.

Anche organizzazioni umanitarie private SOS Mediterraneo ha soccorso 70 persone in pericolo al largo delle coste libiche. I migranti erano nel Mediterraneo su una piccola barca che ha perso l’aria, ha detto ieri l’organizzazione su Twitter.

Tra i soccorsi c’erano 17 minori non accompagnati. Secondo l’organizzazione, una nave della guardia costiera libica si è avvicinata mentre la Ocean Viking era dispiegata in acque internazionali, provocando il panico.

La guardia costiera libica ha più volte prelevato su imbarcazioni nel Mediterraneo centrale i migranti che avevano problemi in mare per poi riportarli nel Paese nordafricano. Le organizzazioni umanitarie private lo criticano perché le persone nei paesi in guerra civile sono minacciate di violenza. © dpa/aerzteblatt.de

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.