Ucraina: 1.000 malati e feriti negli ospedali di tutta Europa

Ucraina: 1.000 malati e feriti negli ospedali di tutta Europa

Ad oggi, l’UE ha coordinato con successo il trasferimento di 1.000 pazienti ucraini attraverso il suo meccanismo di protezione civile per fornire loro assistenza sanitaria specialistica negli ospedali di tutta Europa.

Poiché il numero di feriti in Ucraina aumenta di giorno in giorno, gli ospedali locali stanno lottando per soddisfare la domanda.

Allo stesso tempo, Polonia, Moldova e Slovacchia chiedono supporto per le operazioni di evacuazione medica (MEDEVAC) dai rispettivi paesi, visto l’enorme afflusso di persone. Per ridurre la pressione sugli ospedali locali, dall’11 marzo l’UE ha coordinato il trasferimento dei pazienti verso altri paesi europei che dispongono di capacità ospedaliere.

I pazienti sono stati trasferiti in 18 paesi: Germania, Francia, Irlanda, Italia, Danimarca, Svezia, Romania, Lussemburgo, Belgio, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi, Austria, Norvegia, Lituania, Finlandia, Polonia e Repubblica Ceca. Le operazioni recenti includono il trasferimento di due pazienti nella Repubblica Ceca il 3 agosto e 15 pazienti trasferiti in Germania, quattro pazienti nei Paesi Bassi e 2 pazienti in Norvegia il 4 agosto.

Il commissario per la gestione della crisi Janez Lenarči ha dichiarato: “La guerra ingiustificata della Russia in Ucraina sta portando il sistema sanitario ucraino a un punto di rottura. Per aiutare l’Ucraina a far fronte alle sue crescenti esigenze mediche, l’UE ha intensificato le sue attività. Oltre a fornire medicinali e attrezzature mediche in Ucraina attraverso il meccanismo di protezione civile, coordiniamo anche il trasporto dei pazienti. 1.000 pazienti ucraini sono stati trasferiti negli ospedali di 18 paesi europei. Voglio ringraziare tutti i paesi che accolgono i pazienti ucraini in questo momento critico. La solidarietà dell’UE salva vite».

La Commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakidou ha dichiarato: “Fin dal primo giorno, l’UE ha lavorato instancabilmente per sostenere l’Ucraina e il suo popolo di fronte alla brutale aggressione militare russa. Nell’ambito di ciò, il meccanismo di protezione civile dell’UE ha consentito ai pazienti che hanno un disperato bisogno di cure e cure di riceverli negli ospedali dell’UE, riducendo al contempo la pressione sul sistema sanitario nella vicina Ucraina. Questa è la vera solidarietà europea in azione. Insieme alle autorità ucraine, stiamo anche cercando modi per riportare i pazienti a casa al termine del trattamento, se lo desiderano. Questo lavoro salvavita continuerà, così come il fermo impegno dell’UE a sostenere l’Ucraina”.

Appunti

Il trasporto dei pazienti è supportato finanziariamente e operativamente dal meccanismo di protezione civile dell’UE. Il programma di trasporto MEDEVAC sostiene il trasporto di pazienti che soddisfano i criteri di ammissibilità, siano essi malati cronici o feriti di guerra. Il meccanismo consente alla Commissione di riferire alle autorità ucraine se i pazienti sono stati trasferiti nei paesi dell’UE/SEE. Per trasferire i dati dei pazienti in modo sicuro, le cartelle cliniche dei pazienti vengono condivise utilizzando il sistema di allerta e risposta precoce (EWRS).

Fonte: RES-EMP

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.