Trattative Ucraina-Russia: l’amministratore delegato di Linke avverte Sahra Wagenknecht

  1. dai.de
  2. politico

Fatto:

Da: Bedrettin Bölükbasi

Un esperto russo vede un “deserto politico” attorno al capo del Cremlino Putin. Il direttore di Amnesty International Ucraina si è dimesso. Attivatore di notizie.

Aggiornamento dal 7 agosto alle 22:20: Una nave mercantile carica di mais dall’Ucraina non è arrivata in Libano. Invece, la nave ha cambiato rotta. Il punto interrogativo è grande.

Aggiornamento dal 7 agosto alle 12:59: Il nuovo amministratore delegato di Linken, Tobias Bank, ha avvertito Sahra Wagenknecht e Klaus Ernst di esercitare moderazione sulla questione russa. Ha sperato “che rispettino le decisioni della conferenza federale del partito e si astengano da dichiarazioni contrarie”, ha affermato Bank. specchio.

I principali politici di sinistra Wagenknecht ed Ernst hanno ripetutamente criticato le sanzioni contro la Russia dopo la guerra in Ucraina. Pochi giorni fa Wagenknecht ha twittato che c’era una “pazza guerra contro la Russia” – e solo il giorno dopo ha aggiunto che il “conflitto” era stato “innescato da una guerra di aggressione della Russia in violazione del diritto internazionale”.

La dichiarazione di Wagenknecht sulla “guerra contro la Russia” è l’opinione di un membro, ha affermato la Banca. Sia Wagenknecht che Ernst “sono molto aperti ad argomenti di fatto”, ha affermato con convinzione.

Al Congresso del Partito della Sinistra a Erfurt alla fine di giugno, dopo dibattiti controversi, è stata approvata un’importante mozione che condannava la guerra di aggressione della Russia in Ucraina e accusava Mosca di “politiche imperialiste”. Un gruppo attorno a Wagenknecht ha fallito nei loro tentativi di cancellare questo termine. Wagenknecht ha in programma di organizzare una festa? A luglio ha acconsentito Merkur.de: “Continueremo a discutere di come in autunno.”

Sahra Wagenknecht (immagine d’archivio di luglio 2022) © Political-Moments/Imago

Rapporti sulla guerra in Ucraina: l’ex funzionario Putin ha lasciato la clinica

Aggiornamento dal 7 agosto, 11:41: Da L’ex confidente di Putin con Anatoly Chubais è stato portato all’ospedale di Olbia in Sardegna una settimana fa – si ipotizza che possa essere stato avvelenato.

Ma il 67enne ha risposto positivamente alle cure ed è volato a Francoforte, dove è stato curato ulteriormente, scrive il quotidiano italiano. La Repubblica. La polizia italiana ha svolto un’indagine con specialisti. I referti tossicologici sono in attesa, ma ora tutti indicano una rara malattia neurologica a Chubais.

Negoziati ucraino-russi: papa Francesco interferirà?

Aggiornamento dal 6 agosto alle 17:25: Papa Francesco potrebbe recarsi in Ucraina nelle prossime settimane? A scatenare le indiscrezioni è la testimonianza dell’ambasciatore ucraino in Italia, che sabato ha avuto un’udienza con il capo della Chiesa cattolica. “L’Ucraina aspetta il capo della Chiesa cattolica dall’inizio della guerra d’aggressione russa”, ha scritto su Twitter Andriy Yurasch. E saranno felici di “dargli il benvenuto prima del suo viaggio in Kazakistan”, ha scritto su Twitter Andrij Jurasch. Il 13 settembre Pope ha in programma un viaggio di tre giorni in Kazakistan.

Il Vaticano non ha reso pubblici i dettagli della conversazione con Jurasch, ma ha confermato l’incontro solo sabato mattina. L’Ambasciatore, invece, ha riferito che Francesco ha sottolineato la sua vicinanza al popolo ucraino ed ha espresso la sua disponibilità a dimostrare questa vicinanza durante la visita.

Ucraina-News: Erdogan offre a Putin l’incontro con Zelenskyy

Aggiornamento dal 6 agosto alle 15:45: Al loro incontro a Sochi, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha nuovamente offerto al capo del Cremlino Vladimir Putin di organizzare un incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy. “Ricordo ancora una volta al signor Putin che possiamo ospitare un incontro con il signor Zelenskyy”, ha detto Erdogan ai giornalisti, secondo l’emittente pubblica TRT Haber.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, ha detto Erdogan, ha attirato l’attenzione sul fatto che “non ci saranno vincitori nella guerra in Ucraina”. Nonostante tutte le difficoltà sul campo, resta fiducioso che la crisi possa essere risolta al tavolo delle trattative. Alla domanda, ha sottolineato che la Turchia potrebbe impegnarsi per un cessate il fuoco. Per questo, però, le parti in guerra devono mantenere le promesse, secondo il presidente turco.

Dimissioni del boss di Amnesty Ucraina – accuse di aver preso il controllo della propaganda russa

Aggiornamento dal 6 agosto, ore 12:40: Il capo dell’ufficio ucraino dell’organizzazione per i diritti umani Amnesty International ha rassegnato le dimissioni dopo la pubblicazione di rapporti critici sull’esercito ucraino. Oksana Pokalchuk ha annunciato le sue dimissioni online, accusando Amnesty di aver dirottato la propaganda russa.

Un rapporto di Amnesty ha suscitato indignazione a Kiev. Presidente Volodymyr Zelenskyj ha accusato l’organizzazione di “mettere sullo stesso piano vittime e aggressori, per così dire”. Nel rapporto, Amnesty International ha accusato l’esercito ucraino di mettere in pericolo i civili installando basi in aree residenziali, scuole e ospedali.

Pokalchuk ha detto di aver cercato di avvertire i funzionari di Amnesty che il rapporto era unilaterale e non rifletteva adeguatamente la posizione dell’Ucraina. Tuttavia, è stato ignorato. Il segretario generale di Amnesty, Agnès Callamard, ha affermato che l’organizzazione “rimane intatta” con il suo rapporto.

Il “deserto diplomatico” intorno a Putin – Un esperto svedese commenta la situazione attuale

Primo rapporto del 6 agosto: Monaco di Baviera – Con la guerra ucraina, il sovrano della Russia Wladimir Putin reso molto impopolare con molte persone nell’arena internazionale. Secondo il politologo svedese ed esperto russo Kristian Gerner dell’Università di Lund, i capi del Cremlino hanno creato un “deserto politico” intorno a lui.

Ucraina-News: l’esperto svedese considera la Russia una “società politicamente morta”

Attraverso i tabloid svedesi Aftonbladet L’esperto di Gerner ha sottolineato che Putin si è completamente isolato dalle altre opinioni, con il solo ministro degli Esteri Sergey Lavrov che parla a nome di Mosca. Questo crea un “vuoto” intorno a me. Putin vede Lavrov come una persona con “una specie di autorità nel mondo occidentale”, motivo per cui gli ha incaricato di adottare una linea russa più dura.

Non è permesso parlare in un modo che non piace a Putin. Gerner ha sottolineato: “Voglio sottolinearlo oggi a Russia nessuna vita politica”. “Non c’è dibattito politico, né alla Duma, né nei media pubblici, da nessuna parte”, ha affermato l’esperto. Gerner considera la Russia una “società politicamente morta”: “Quindi continuano a combattere in questo modo”. (bb)

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.