Test dei pomodori in scatola 2022 – Vitalia.cz

Quasi un terzo delle scatole di pomodori in scatola testate dall’organizzazione dei consumatori dTest contiene sostanze nocive. In quattro degli undici prodotti testati, i test di laboratorio hanno rivelato problemi con le micotossine e sono stati trovati pesticidi in molti altri prodotti, riferisce dTest in un comunicato stampa.

La prova è focalizzata su pomodori pelati affettati in lattina

I pomodori sono la base per una serie di piatti italiani popolari. A differenza del ketchup e della passata di pomodoro, i pomodori in scatola hanno raggiunto gli scaffali dei negozi cechi su scala più ampia con la crescente popolarità della cucina italiana nel nostro paese. Secondo l’usanza italiana, sono venduti anche nella Repubblica Ceca in diverse forme. Nei consumatori in scatola possono trovare pomodori pelati interi, affettati o sotto forma di purea fine.

dTest spedisce in laboratorio fette di pomodoro pelato in qualità normale e biologica, acquistate principalmente presso le catene di distribuzione. Molti di loro sono le cosiddette private label, ovvero prodotti fabbricati direttamente per una specifica catena di vendita al dettaglio sotto il suo nome, di solito senza menzionare un produttore specifico. (Abbiamo affrontato in dettaglio il tema del marchio del distributore nell’articolo Vantaggi e svantaggi del marchio del distributore: chi paga? Sul server di Vitalia.cz trovate anche un quadro generale del marchio del distributore in Repubblica Ceca.)

I pomodori in scatola contengono prodotti a base di funghi

I primi test si sono concentrati sulla presenza di prodotti metabolici tossici del fungo Alternaria e hanno rivelato la presenza di acido tenuazonico e micotossine alternariolo.

L’acido tenuazonico lo è micotossine dei funghi e il laboratorio lo ha trovato in tutti i campioni testati, da una concentrazione di 19/g/kg per il marchio NaturFarm a oltre venti volte 490 g/kg per Happy Frucht.

Una dose giornaliera sicura di acido tenuazonico è di 1,5 nag per chilogrammo di peso corporeo, che è di 105 ug per un pasto medio di 70 chilogrammi. “In tal caso, solo la metà di un pacchetto è sufficiente affinché il marchio Happy Frucht soddisfi il livello di sicurezza quotidiano”, afferma i risultati inquietanti di un’analisi del caporedattore della rivista dTest Hana Hoffmannova. Ha stabilito che per Lidl / Freshona Chopped Tomatoes in Tomato Juice e dmBio Tomaten Stücke Natur, meno di due lattine avrebbero raggiunto una dose sicura.

Una seconda sostanza nociva denominata – micotossina alternariolo – è stata rilevata dal laboratorio nei prodotti Lidl/Freshona Chopped Tomatoes in Tomato Juice e Happy Frucht Gewürfelte Tomaten. “Purtroppo non è un numero piccolo. Il valore di assunzione sicura dell’alternariolo è di 0,18 nag per chilogrammo di peso corporeo, che riempirebbe 60 g di prodotto per il marchio Lidl/Freshon nel caso dello stesso adulto, e anche solo 17 g per Happy Frucht. ” disse Hana Hoffmann.

Galleria: Pomodori in un piatto – tutti i prodotti sono inclusi nel test

I risultati completi dei test possono essere trovati su o nel numero di maggio di dTest sito web.

Le sostanze pericolose sono resistenti alle alte temperature

I funghi del genere Alternaria attaccano facilmente frutta, verdura, cereali o oli vegetali. Secondo gli autori del test, i disturbi ormonali e la genotossicità (danni alle molecole di DNA) sono alcuni degli effetti collaterali della micotossina alternaria e anche la loro potenziale cancerogenicità è allo studio.

Tuttavia, non tutti gli effetti negativi sul corpo umano sono stati completamente studiati. “Non ci sono ancora limiti legislativi vincolanti per le micotossine alternative, quindi abbiamo confrontato i nostri risultati con i valori di assunzione sicuri stabiliti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).” spiega il caporedattore di dTest.

Secondo lui, il fatto spiacevole è che queste sostanze tossiche rimangono nel materiale infestato anche dopo che la muffa stessa è sparita ed è resistente alle alte temperature, quindi è anche resistente ai trattamenti termici.

Gli studi sull’assunzione di queste micotossine hanno dimostrato che la dose di sicurezza viene superata, soprattutto nei bambini piccoli, che ricevono micotossine alternative principalmente dai prodotti a base di cereali. Altri gruppi di età consumano queste sostanze principalmente nei pomodori e nei loro prodotti, quindi è più probabile che il superamento dell’assunzione sicura sia più probabile per vegetariani e vegani e altri che consumano questi prodotti in misura maggiore.

Naturalmente, è l’ideale utilizzare i pomodori freschi in cucina o ricavarne i tuoi prodotti: abbiamo preparato alcuni suggerimenti per te su cosa fare con i pomodori.

Vuoi ricevere e-mail ogni mattina panoramica degli articoli recenti di Vitalia.cz? Ordina il nostro servizio di posta elettronica e non perderai mai nessuna informazione importante. Puoi anche ordinare panoramica settimanale o anche Newsletter Cosa principaleriepilogo degli articoli più importanti di venerdì da tutti i nostri server. Puoi iscriverti alla newsletter in questa pagina.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.