Sotiris Gotsis: Un…doppio gelo -48 punti con Kousamos

Koshamo. Ha una popolazione di 16.997 abitanti, la temperatura più fredda mai misurata è di -48 gradi centigradi e il suolo nevica per circa 200 giorni all’anno e dal 14 al 29 giugno c’è il sole a mezzanotte. Le città più settentrionali della Norvegia, come la nostra Orestiada, hanno in comune la pallavolo e ancora oggi vantano Polki, che ha vinto il primo campionato della sua storia. E dietro il suo successo si nasconde un greco, il Sotiris Gotsische insieme ad Argyris Antifakos ha ricevuto indicazioni tecniche dalla squadra.

Sotiris Gotsis, come Giannis Apostolopoulos in Germania e Ungheria, ma anche Tassos Vlasakidis in Germania (ha promosso Tous Modorf in Bundesliga maschile) hanno avuto successo all’estero. Che si presenti a noi…

“Sono nato a Larissa ei miei genitori, Thomas e Irini Kokkala, sono diplomati alla TEFAA. Mio padre ha la sua accademia di pallavolo e mia madre fa ginnastica ritmica. Ecco perché ho seguito il loro percorso e dall’età di 7 anni ho messo alla prova le mie abilità nel calcio, basket e pallavolo dove sono andato a 10 anni all’EA Larissa. Non ho giocato una grande pallavolo, sono arrivato 2° Nazionale con il MENT e ho finito la TEFAA da Salonicco. Lì, però, ho conosciuto Spyros Golitsis e ho lavorato al suo fianco in MENT, Aris e Apollon Kalamarias, mentre ero anche collaboratrice di Tzioumakas nella squadra femminile dell’Anatolia. Ho lavorato anche per l’Iraklis Chalkidas insieme a Golitsis nella Lega Pallavolo, mentre con il mio connazionale Apostolos Oikonomou sono andato in Finlandia, all’Orpo, dove abbiamo vinto la Coppa e quando lui ha lasciato ho rilevato la squadra, per la prima volta come primo allenatore”.

Chi compone la direzione della squadra finlandese?

Gli sponsor sono solitamente comunali, si affidano anche a sponsor privati, mentre i gestori non sono pagati e possono spendere soldi di tasca propria. Tuttavia, non c’è pallavolo nelle grandi città, ma nei piccoli centri. C’è il decentramento. I nostri principali sponsor sono le segherie, le amministrazioni comunali e molti piccoli sponsor. Il nostro budget è di circa 150.000 euro, che è il doppio dell’importo con assicurazione, tasse, ecc.

Il tuo corso?

Nel 2019 ad Orpo abbiamo preso il 7° posto, i playoff non sono avvenuti a causa del coronavirus e nel 2020 il 5° posto con Alexia Kalantaridou nella nostra formazione ed è stato un successo. Kusamo cerca allenatore, Orpo mi ha offerto un contratto triennale, ma io preferisco Kusamo dove c’è già Argyris Antifakos. Vogliamo creare una squadra vincente e costruire una mentalità più professionale. La squadra ha giocato a medaglie, ma mai al top. Siamo molto a nord, al confine con la Russia, ed è difficile che arrivino i finlandesi internazionali. Vicino all’aurora boreale, eravamo simili a Orestiada in termini di posizione geografica, lontano dalla capitale.

E cosa hai cambiato?

Mentalità professionale. Abbiamo sei stranieri, nessun limite per gli stranieri. Nello stadio abbiamo uno standarlex permanente ed è diviso in tre o quattro campi, ha una piscina, una palestra, una pista. Sono un complesso sportivo con 6.000 posti a sedere e appartengono al comune.

Cosa sanno dalla Grecia?

Solo Rica Lehtonen conosce il nostro campionato. Ha giocato per un breve periodo all’Olympiakos e ci ha raccontato delle storie. Quest’anno ha smesso di giocare al coperto e a beach volley e ha lavorato per la federazione, commentando anche la partita alla televisione di stato. È anche membro della gilda dei giocatori di pallavolo. Vive a Tampere.

Come va la vita;

Noi… al limite degli dèi o meglio… al limite degli dèi. In inverno è tutto buio, c’è giorno per due o tre ore, l’alba è alle 10 e fa buio dopo l’1. La temperatura è -35, -40 e ovviamente non è facile muoversi. Venerdì sera, sabato, ma la distanza è breve. Per fortuna non ero solo. Ho una relazione con un finlandese. La natura è meravigliosa e mentre andiamo a fare passeggiate sciano, fanno sci di fondo. E d’estate abbiamo il contrario, grandi giornate, notti bianche.

Tu scii?

non ho preso. Abbiamo molte partite, trentuno in totale, una e due a settimana. E poiché eravamo lontani, volevamo 10 ore di autobus. Ovunque andiamo, giochiamo in doppio con la squadra cittadina e con le squadre limitrofe. E quando la squadra è arrivata a Kusamo, ha giocato con noi e Rovaniemi.

Rovaniemi ha una squadra? Pensavo avesse solo Babbo Natale!

Anche lui ha una squadra, siamo due squadre del nord.

Hai problemi con la Russia?

No, ma ora stanno iniziando a parlare di entrare nella NATO. Come Grecia – Turchia, così Finlandia – Russia. Volevano essere membri dell’Alleanza. Hanno anche un esercito e vanno nell’esercito per diversi mesi. Semplicemente non hanno paura.

E dal riscaldamento?

Non c’è freddo in casa e nello stadio. Abbiamo il riscaldamento continuo e non capiamo il freddo. L’unico problema è l’oscurità costante e il fatto che non vedi il sole. Ma quando tutti i problemi vengono risolti dal club, lavori come vuoi. E questo è importante. Ho vissuto 8-9 mesi e poi sono venuta in Grecia. In Finlandia ci sono campionati professionistici maschili e femminili.

Come vai a correre?

Abbiamo perso solo tre partite nella stagione regolare. La Coppa si svolge contemporaneamente al Campionato. Il sorteggio e le partite di campionato valgono anche per la Coppa. E poi gli ultimi quattro. L’abbiamo a Tampere. È fatto sia per uomini che per donne. Abbiamo battuto Hamelina, che insieme a Viesti sono Olympiakos e Panathinaikos dalla Finlandia. E in finale abbiamo battuto Kagasala 3-1.

In campionato?

Abbiamo raggiunto la finale, dove ci servivano quattro vittorie. Eravamo in vantaggio per 3-1, ma il nostro passante si è infortunato durante i festeggiamenti e non ha più giocato. Siamo rimasti delusi, abbiamo perso in casa, per 3-2, abbiamo perso in casa, per 3-3 e tutto si è ribaltato. A Kusamo, invece, abbiamo lavorato mentalmente e abbiamo vinto il set 3-1.

Con Argyris Antifakos

Primo campionato?

Coppe e campionati per la prima volta. L’intera città era felice. “Nei giorni seguenti abbiamo organizzato continui eventi, abbiamo radunato persone allo stadio”, ha detto il ministro dello Sport, quotidiano locale nella prima edizione dopo la pubblicazione del titolo a nome della squadra Polki, che è una fabbrica di legname regionale e impiega molte persone. I vicini hanno bussato alla mia porta, mi hanno ringraziato e mi hanno regalato dei fiori. Sono venuti al ristorante e si sono congratulati con noi. Abbiamo un gruppo di 25 volontari, che vivono anche nel cloud.

Hanno suonato “Zorba” all’incoronazione?

No.

Rimarrai in squadra?

Si parla da dicembre di rinnovare il mio contratto, volevano due anni e io ne ho chiesto uno più uno. Vogliono combinarlo con una rinnovata sponsorizzazione con la città e la segheria.

Giocherai in Champions League?

Non abbiamo stadi che soddisfano le specifiche.

Una donna greca ha giocato anche in Champions League…

Sì, Georgia Andrikopoulou a Viesti. Suo padre è di Corfù, è nato e cresciuto in Finlandia, non può giocare nella nazionale greca.

E il gol di Cusamo?

La maggior parte degli stranieri se n’è andata, il cerchio del gruppo si è chiuso e abbiamo dovuto creare un nuovo gruppo. Ne restano solo tre.

Hai intenzione di prendere la donna greca?

I loro nastri sono aumentati molto. I giocatori che non hanno giocato in Nazionale hanno chiesto 25.000. Con così tanti soldi abbiamo trovato stranieri migliori. Proverò una ragazza greca in diagonale.

Obiettivi personali?

La prossima estate voglio andare a un campionato europeo migliore. Mi interesserebbe la Svizzera, non è facile nei grandi campionati come Italia e Polonia.

Perché sono anni che non abbiamo un allenatore greco all’estero?

Oikonomou e Athanasopoulos hanno aperto la strada. Non osavamo da anni, ci sentiamo a nostro agio in Grecia. La crisi ci ha costretto ad essere coraggiosi. E la maggior parte degli allenatori greci non sono professionisti, hanno anche lavori secondari. Anche in un momento in cui la pallavolo maschile ha uno dei migliori campionati d’Europa, quanti dei nostri allenatori scelgono di andare all’estero? Hanno una possibilità.

Ma vediamo una nuova generazione coraggiosa…

Io, Athanasopoulos, Antifakos, Gitzekos che eravamo a Orpo, Sombonis, Efstathopoulos.

Ma nessuno è diventato il primo allenatore della Grecia…

Di fatto. Siamo coraggiosi e andiamo all’estero per lavorare professionalmente. Avremo difficoltà, mangeremo spazzatura e cercheremo di fare scuole. Non si fidano di noi in Grecia, dove non forniscono spazio in un ambiente sicuro. Per fare i nostri errori e per imparare.

Ti interessa la nazionale greca?

Sì, il mio obiettivo era iniziare come assistente nel mio paese o in un altro paese europeo.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.