Scenari di confisca di beni russi legalmente contro… mafia

La Polonia sta chiedendo all’Unione Europea di concordare misure per facilitare il sequestro e la vendita di beni russi attualmente coperti da sanzioni, poiché gli Stati membri pesano sugli enormi costi della ricostruzione postbellica in Ucraina.

Varsavia ha affermato che i beni degli oligarchi russi sanzionati, così come centinaia di miliardi di euro nelle riserve della banca centrale russa congelate dalle potenze occidentali, dovrebbero essere disponibili per aiutare a pagare la ricostruzione.

“Il principio più basilare è che la Russia ha iniziato questa guerra ed è per questo che deve pagarla”, ha detto Tempo finanziario Pawel Jablonski, Vice Ministro degli Esteri della Polonia.

“Riteniamo che debba essere presa una decisione politica che vogliamo andare in quella direzione e che siamo pronti a sequestrare questi beni in modo permanente. “Siamo aperti a discussioni su come ciò dovrebbe essere fatto”.

Ostacolo

I funzionari dell’UE, tuttavia, avvertono di formidabili barriere legali al sequestro di beni da parte degli Stati membri, rendendo difficile la confisca dei beni al di fuori di un procedimento penale. Alcuni avvocati hanno avvertito che se l’UE fosse andata “troppo oltre” nel processo di facilitazione della preclusione, ciò costituirebbe un pericoloso precedente e metterebbe a repentaglio i diritti di proprietà.

In Italia – dove le autorità hanno trovato yacht superlusso e grandi ville sul mare appartenenti a oligarchi russi per un valore di oltre 1 miliardo di euro – severe leggi antimafia offrono un possibile modello su come sequestrare e vendere tali beni.

Lo Stato italiano ha il potere di confiscare e disporre dei beni individuali legati alla criminalità organizzata se l’individuo è ritenuto un “rischio sociale”. Un veterano procuratore italiano ha affermato che l’idea potrebbe essere utilizzata per sequestrare i beni degli oligarchi russi che hanno direttamente incoraggiato o beneficiato direttamente dalla guerra in Ucraina.

“Se si vuole fare qualcosa di simile con gli oligarchi, il ‘rischio sociale’ deve basarsi su qualche rapporto con il regime che ha ordinato la guerra”, hanno detto i pubblici ministeri.

“Essere ricchi e la Russia non bastano”.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.