Retrospettiva “Life of the Fog”: il regno degli spiriti di Fujiko Nakaya all’Art House – Culture

Questo non è mai successo prima. I visitatori della Haus der Kunst di Monaco ora camminano con i piedi asciutti: sull’acqua. Ma questo non è un miracolo biblico o veneziano. Si basa invece su un progetto in cui le superfici di alcuni padiglioni espositivi sono state trasformate in bacini.

A volte sopra di esso puntano assi del pavimento di legno e, nella monumentale sala centrale, un lungo lago aperto con un’isola attraverso cui puoi camminare. Un surreale cielo artificiale si riflette nell’acqua grazie al tetto parzialmente vetrato, mentre una nebbia magica emerge da mille minuscoli raggi nella stanza ogni mezz’ora. Sono alimentati dall’acqua e fanno sembrare le persone come statue di nebbia.

Riguarda il rapporto tra arte, natura e scienze naturali

Tutto questo è stato concepito dal futuro artista giapponese 90enne Fujiko Nakaya. Nonostante i suoi precedenti progetti Haze, ad esempio nella baia di San Francisco o intorno al Centre Pompidou di Parigi, è un mix di star mondiali – e rimane sconosciuto. Il pittore, pioniere del video e regista di installazioni solide e liquide, nato a Sapporo nel 1933, viene omaggiato a Monaco di Baviera con una retrospettiva del suo primo lavoro fuori dal Giappone.

Nel reparto antiappannamento è possibile visualizzare non solo opere video, ma anche dipinti e schizzi dal 1959 ad oggi. Anche i primi lavori mostrano strutture reali e tangibili: forme simili a molluschi, mondi immaginari interni ed esterni di corpi, intitolati “Neurobird”, “Body Cosmos”, “Cloud Series” o “Creation of the Earth”.

Dopo la performance dell’artista, che soggiorna per un po’ a Tokyo a causa della pandemia, Andrea Lissoni, direttore della Haus der Kunst italiana e successore del defunto Okwui Enwezor, insieme alla curatrice berlinese Sarah Johanna Theurer, ha realizzato questo complesso, speciali pompe ad alta pressione e numerosi serbatoi d’acqua nel seminterrato e sul tetto avevano bisogno di uno spettacolo. Lissoni e Theurer vanno subito al dunque: “Il lavoro di Fujiko Nakaya offusca il confine tra scienza, arte e tecnologia”.

[Fujiko Nakaya: „Nebel Leben“, Haus der Kunst München bis 31. Juli]

Questo è ciò che fa oggi l’azienda di Monaco “Nebel Leben”, senza intelligenza artificiale o occhiali per realtà virtuale in gioco qui. Nakaya parla ancora del vecchio rapporto ritrovato tra arte, natura e scienze naturali allo stesso tempo, ma non di fantascienza.

L’artista è cresciuto in questa relazione fin dall’inizio, poiché suo padre era il famoso fisico e scienziato Ukichiro Nakaya, a cui è attribuita l’invenzione senza la quale oggi non c’è quasi nessun turismo di sci alpino o le Olimpiadi invernali in un luogo completamente vuoto. montagne marroni intorno a Pechino. Padre Nakaya sviluppa produzioni artificiali di fiocchi di neve e cristalli di ghiaccio e realizza documentari su argomenti scientifici con la sua compagnia cinematografica su larga scala.

Lavorarci ha ispirato la principessa. Ecco perché c’è una seconda parte della mostra all’ultimo piano della casa, dove, oltre ai campioni di pellicola, si può ammirare l’infinita varietà di forme dei cristalli di ghiaccio nelle foto in bianco e nero a raggi X che ricordano le costellazioni, UFO o strani fulmini.

L’artista giapponese Fujiko Nakaya.Foto: Fujiko Nakaya; Tate (fotografia di Brotherton Lock)

Ci sono due possibili ingressi al piano terra, poiché i cancelli sul retro degli adiacenti Giardini Inglesi e Monaco di Baviera Eisbach rimangono aperti per sfuggire alla nebbia. Con l’apertura di questo museo all’ambiente, Nakaya ha voluto sottolineare anche l’aspetto ecologico della sua arte naturale.

Quindi, se arrivi al momento giusto, entri nella casa sotto una “scultura” chiamata “Munich Fogfall #10865/II”, spruzzata dal tetto come pareti lisce e nuvole, prima di entrare nella sala centrale e nell’edificio artificiale. il lago con “Fog (Wave) Munich #10865/I”. Mentre l’aria si muove verso l’esterno, l’idea poetica di Fujiko Nakaya è di “cavalcare il vento” con la nebbia. Quando venivano aperti di notte, i fari contro l’oscurità discendente facevano sembrare una dichiarazione dal suo regno spirituale.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

L’ingresso principale, invece, conduce a un foyer con videoproiezioni di ragni alti fino alle pareti nelle loro ragnatele prima di aprirsi sulla grande piscina interna centrale. Si potrebbe vagamente pensare alla gigantesca scultura di ragno intitolata “Maman” di Louise Bourgeois, altra grande dama del mondo dell’arte moderna.

Tuttavia, l’insetto tessitore del 1973/2022, un tempo concepito come simbolo di significato biologico e grafico, ora si riferisce più all’intervallo tra il web e il mondo. Tra antico e high-tech. Fujiko Nakaya, che è entrato a far parte del gruppo interdisciplinare Experiments in Art and Technology (EAT) con Robert Rauschenberg e Bill Klüver negli anni ’70 e ha aperto la prima galleria d’arte giapponese SCAN nel 1980, è anche conosciuto come un maestro del minimalismo su larga scala . formato, ma non riconosce ancora i video incentrati sulla contemplazione. Due mani che cercano di fermare un uovo di gallina, che è sempre stato pensato come un gioco molto possibile ma estremamente difficile e qui è riuscito con pura grazia.

Di recente, il punto di vista degli organizzatori di mostre occidentali è principalmente da bellezza radicale arte cinese moderna. Ora, per vari motivi, il vecchio rapporto con il Giappone può essere rianimato con più forza. Il gruppo cyberpunk Dump Type di Kyoto presenterà anche alla Haus der Kunst di Monaco a maggio, oltre a una scultura sonora di ispirazione giapponese di Carsten Nicolai.

E a Berlino il Goethe Institute celebra a Tokyo i 60 anni dell’istituto e, con una mostra d’arte al CLB in Moritzplatz, i dieci anni di lavoro di Villa Kamogawa, nata a Kyoto come residenza per artisti interculturali.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.