Regole sul disavanzo dell’UE: allentamento leggermente – Politica

Il patto di stabilità dell’UE con le sue rigide regole sul debito è ancora sospeso a causa della guerra in Ucraina. Ma il governo federale si sta già posizionando all’inizio del dibattito Ue su come riformare il patto. Se non solo secondo l’idea del ministro delle finanze Christian Lindner (FDP), ma anche dell’intero governo federale, le regole sul debito applicabili devono essere mantenute. In linea di principio, stabiliscono che il nuovo debito dei paesi dell’UE non dovrebbe superare il tre per cento della produzione economica e che il debito totale non dovrebbe superare il 60 per cento.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

C’è una comprensione “che il debito non può essere una soluzione ai problemi”, ha affermato venerdì il ministero delle Finanze. Nel dettaglio, la proposta di Lindner da un lato prevede un obiettivo di bilancio a medio termine più vincolante per i paesi dell’UE, ma dall’altro allenta anche la cifra del 60 per cento.

Pochissimi Stati membri rispettano il patto

La Commissione Ue non vuole attuare nuovamente le regole sul disavanzo fino al 2024. Tuttavia, da tempo si critica l’insieme delle regole, ritenute troppo complesse e seguite anche da pochissimi Stati membri. Pertanto, le autorità di Bruxelles vorrebbero presentare una proposta per riformare il patto entro il prossimo autunno.

L’Italia ha ora un debito pubblico del 150 per cento della produzione economica.Foto: Getty Images/iStockphoto

Dall’autunno è quindi prevedibile un ampio dibattito tra i paesi dell’UE. Tradizionalmente, i paesi del sud hanno adottato politiche del debito più flessibili, mentre Germania, Paesi Bassi e paesi scandinavi sono tra i fautori di una rapida riduzione del disavanzo. Il governo federale sta ora giocando nelle mani dell’attuale ciclo dei tassi di interesse: se i paesi membri come l’Italia devono pagare più interessi sui loro titoli di stato, la loro disponibilità a prendere prestiti si riduce.

Berlino insiste sulla parità di trattamento dei paesi dell’UE

Nel dibattito sulla riforma del Patto di stabilità, il governo federale vuole prestare particolare attenzione a garantire che i requisiti siano effettivamente rispettati. Nel 2016, l’allora presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha concesso al governo di Parigi un’eccezione alla regola del disavanzo “perché è la Francia”. D’altra parte, gli ambienti governativi di Berlino affermano che “la parità di trattamento degli Stati membri e valori di riferimento condivisi” sono “importanti” per l’efficacia di un insieme di regole.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.