Regno Unito NHS in “terapia intensiva” – Notizie – notizie

Quando il diciottenne Jamie Rees da Birmingham subendo un improvviso infarto alla vigilia di Capodanno, i suoi amici chiamarono di conseguenza il 166 Grecia. L’arrivo dell’ambulanza ha però impiegato troppo tempo, quasi il doppio del protocollo del Sistema Sanitario Nazionale per un’emergenza del genere. Jamie è morto in ospedale pochi giorni dopo. Sua madre Naomi Rees Ishit ha raccontato alla BBC la sua storia:

“Ci è stato detto che 32 ambulanze erano in servizio quella notte, ma 17 di loro hanno dovuto aspettare fuori dall’ospedale per consegnare i pazienti. Il primo minuto è il più importante. Jamie aveva bisogno di un defibrillatore e ossigeno veloce. Se gli altri pazienti fossero stati ricoverati in ospedale prima, Jamie sarebbe stato aiutato prima”.

Un circolo vizioso che pesa anche su chi vuole salvare vite umane, come Claire Palan, che lavora al pronto soccorso nel nord-ovest dell’Inghilterra. Rimase di fronte all’ospedale per ore prima di poter consegnare il paziente e ripartire per l’emergenza successiva.

Ore di attesa

“Molti devono aspettarci per ore. Quelli soli hanno paura e questo è un male anche per i parenti. Ma non possiamo farci niente. È terribile. Tutto quello che possiamo fare è scusarci mentre siamo lì, capisci?”

In caso di infarto o ictus, l’ambulanza deve raggiungere il paziente entro 18 minuti. Ma i dati pubblicati dallo stesso SSN suggeriscono che attualmente occorrono in media 40 minuti. Nel sud-ovest dell’Inghilterra la media è di quasi un’ora. In un sondaggio del sindacato GMB, che rappresenta i soccorritori, l’85% degli intervistati ha affermato di aver assistito a ritardi che hanno avuto conseguenze negative per i pazienti. Per Demi Light O’Leary, che ha ricevuto una telefonata di emergenza, questa è stata una vita quotidiana miserabile.

“Quando una persona anziana è sul pavimento tutta la notte e ci vogliono 12,5 ore prima che arrivi l’ambulanza, allora pensi che siano i suoi nonni. Abbiamo sentito che avevano difficoltà a respirare. Questo è molto spiacevole”.

Mancanza di struttura sociale

I due operatori sanitari parlano in un documentario di ITV. Nel documentario, i rappresentanti del SSN parlano ancora di quanto sia sovraccarica l’intera rete sanitaria. I pazienti aspettano per ore nei corridoi dell’ospedale e non ci sono letti disponibili. La ragione di ciò, secondo l’analista specialista Sarah Scobie della Nuffield Foundation, è che la metà potrebbe essere dimessa ma rimanere in ospedale a causa della carenza di posti nelle case di cura o nei servizi di assistenza sociale.

La pandemia e l’invecchiamento della popolazione stanno pesando sul sistema. Qualcosa che dovrebbe riguardare di più la politica. Ma nel duello interno dei conservatori per la carica di Primo Ministro e successore di Boris Johnson, i candidati Rishi Sunak e Liz Truss non hanno parlato di NHS ma soprattutto di agevolazioni fiscali.

Deutsche Welle

Aden Maraik

A cura di: Maria Rigoutsovoi

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.