Rambo Amadeus si esibirà il 25 maggio davanti al Museo Jugoslavo

L’artwork di Rambo Amadeus sin dal suo inizio, il primo album, performance, ma anche attivismo, è in realtà una cronaca artistica della disintegrazione di SFRY e della sua eredità.


Il suo gioco ironico con il proprio culto della personalità ci mette in guardia e ci ricorda il carattere seducente della dittatura e dell’abuso di autorità nei tempi moderni.


Oggi, i principali argomenti di interesse di Rambo Amadeus, oltre alla musica e alla vela, sono complesse questioni ambientali, quindi il suo attivismo è in gran parte incentrato su questi argomenti. Al concerto del 25 maggio cercherà di riconsiderare questi temi in modo appropriato, e dove potrebbe fare meglio che davanti al Museo Jugoslavo.


Rambo Amadeus è una delle figure di culto più importanti della scena musicale jugoslava. Compositore, paroliere, chitarrista, performer, marinaio e attivista ambientale. Dan Zar. Le sue poesie descrivono la realtà da un’angolazione speciale e satirica, rivelando abilmente l’assurdità del mondo moderno ed esponendola brevemente ai riflettori colorati del palcoscenico.


La sua musica è un libero conglomerato di tutti gli stili musicali, che collega teoria e critica musicale a “Gordian Knot”. Ha anche coniato il termine “turbo folk”.


Ai concerti non riproduce mai letteralmente la versione in studio della canzone, ma improvvisa, usando molto umorismo, sia in conferenza che nell’espressione della musica stessa.


Accade spesso che inizi a suonare una canzone e finisca un’intera quinta canzone, giustificandosi con l’oblio.


Forse fu per la grande “dimenticanza” che il suo concerto fu ricordato a lungo.

Seguici su di noi Facebook io Instagram pagina e Indonesia Account.

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.