Preoccupazione per la salute del presidente del Consiglio italiano dopo il suo improvviso ritorno a Roma mentre si profila una nuova crisi politica

L’improvviso ritorno a Roma del Presidente del Consiglio dei Ministri ha suscitato grande preoccupazione e pettegolezzi sullo stato di salute. Mario Draghi ha deciso di tornare prima di quanto previsto dal vertice Nato di Madrid. L’Italia sarà rappresentata dal Ministro della Difesa del Paese nei lavori di venerdì Lorenzo Guerini.

La sua recente apparizione mostra una figura molto stanca rispetto all’anno scorso e con il peso in più quando nelle foto e nei video di “famiglia” del Summit appare con un’andatura “esitante”. Ufficialmente, l’improvviso ritorno del Presidente del Consiglio nel suo Paese si unisce alle tensioni con il Movimento Cinque Stelle (M5S) e alla travagliata collaborazione con Giuseppe Conte. Quest’ultimo ha accusato il premier di “serio coinvolgimento” nel movimento.

Ex presidente della Banca centrale europea, ha prestato giuramento come primo ministro 11 mesi fa.

Il governo di unità nazionale ha iniziato ad attuare un programma a lungo termine di riforme economiche e investimenti, sostenuto da 190 miliardi di EUR dal Fondo per la ripresa dell’UE.

I problemi economici e sociali dell’Italia sono profondamente radicati. Alcuni interessi sono incorporati. Draghi, che non correrà mai nella Pilkada 2023, è la soluzione. Ma il premier riformista Draghi si è rivelato una delusione. Il motivo è il tumulto politico creato dal processo di selezione di un nuovo presidente la prossima settimana per sostituire Sergio Mattarella, il cui mandato di sette anni scade all’inizio di febbraio.

Mattarella ha escluso di rimanere in carica, esprimendo le sue obiezioni a una presidenza di due mandati. Draghi non ha fatto nulla per sfatare le voci sul suo interesse a diventare capo di Stato, dicendo che a dicembre era “in servizio di agenzia”. L’eccezionale servizio pubblico di Draghi e la capacità di influenzare dietro le quinte gli hanno dato una perfetta credibilità per il suo lavoro, osserva il FT.

Il problema è che i governi possono oscillare o addirittura cadere senza di loro, ei media italiani parlano già dei pericoli di un ritorno al governo populista che “potrebbe distruggere le finanze pubbliche italiane e la posizione dell’euro”.

Il secondo anno del piano di ripresa dell’Italia potrebbe rivelarsi più difficile del primo. Deve raggiungere 100 “traguardi”, comprese dure riforme fiscali, appalti pubblici e concorrenza, in cambio di rate di denaro dell’UE. I progetti devono essere approvati e i contratti firmati.Questo è un progetto gigantesco.

Il problema è che la caccia al nuovo presidente ha creato turbolenze politiche che hanno scosso il governo. Alcuni dei 1.009 legislatori, senatori e rappresentanti regionali che eleggeranno a scrutinio segreto il prossimo Capo dello Stato non vogliono Draghi perché temono che diventi autoritario nel ruolo o perché il suo trasferimento a Palazzo Quirinale possa innescare elezioni anticipate e far perdere potere . la loro selezione di posizioni. Ma la mancanza di alternative plausibili accettabili per tutti significa che altre opzioni potrebbero rivelarsi così divise da indebolire il governo di unità nazionale o rovesciarlo del tutto.

La candidatura dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è di particolare interesse per la struttura dell’euro in quanto è evidente che Silvio abbandonerà il contratto che hanno firmato con l’UE. Partiti italiani — fatta eccezione per i fratelli italiani di destra.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.