Portare “il grano nel mondo”: il G7 vuole rompere il blocco delle forniture in Ucraina

portato “il grano nel mondo”.
Il G7 vuole rompere il blocco delle forniture in Ucraina

Diversi milioni di tonnellate di grano attualmente non possono essere esportate dall’Ucraina a causa della guerra di aggressione russa. Molti paesi fanno molto affidamento sulla spedizione. Il segretario di Stato Baerbock vuole trovare una soluzione insieme ai suoi omologhi del G7.

Il ministro degli Esteri federale Annalena Baerbock ha avvertito di una crisi alimentare globale causata dalla guerra in Ucraina e ha promesso il sostegno dei paesi più poveri del mondo dal G7. La “terribile guerra di aggressione” contro l’Ucraina, in violazione del diritto internazionale, è “non solo una crisi profonda per l’intera Europa” ma anche una crisi “globale”, ha affermato Baerbock all’inizio della riunione dei ministri degli Esteri del G7 a Wangels , Schleswig-Holstein. La guerra in Ucraina ostacola l’esportazione di milioni di tonnellate di grano essenziali per le popolazioni del Medio Oriente e dell’Africa.

La guerra di aggressione della Russia “è anche una guerra contro l’ordine internazionale, contro la cooperazione internazionale”, ha affermato il politico dei Verdi. L’obiettivo del presidente russo Vladimir Putin è usare la sua guerra di aggressione contro l’Ucraina per “dividere la comunità mondiale”. Ma il G7 non lo permetterà. Il gruppo delle principali nazioni industrializzate si assume la responsabilità e farà in modo che i 141 paesi che hanno condannato la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina alle Nazioni Unite “non siano ora abbandonati”, ha affermato Baerbock. Oltre a garantire la sicurezza alimentare, si tratta anche dell’approvvigionamento energetico dei paesi.

Il politico verde ha sottolineato l’importanza dell’Ucraina come paese esportatore di grano e ha fatto riferimento ai “25 milioni di tonnellate di grano” attualmente “bloccati” in particolare nel porto ucraino di Odessa. Con le sue controparti del G7, discuterà le soluzioni per “portare grano nel mondo”, ha affermato Baerbock.

I ministri degli esteri del G7 si incontreranno allo Schlossgut Weissenhaus di Wangels fino a sabato sotto la presidenza tedesca. Oltre alla Germania, il gruppo comprende Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Canada, Italia e Giappone. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha annullato la sua partecipazione alla riunione del G7 a causa dell’infezione da coronavirus ormai contenuta. Secondo il suo ministero, tuttavia, dovrebbe partecipare a una riunione dei ministri degli esteri della Nato a Berlino nel fine settimana.

Visita del Ministro degli Affari Esteri dell’Ucraina

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba e il suo omologo moldavo Nicu Popescu sono stati ospiti della riunione dei ministri degli Esteri del G7 a Wangels. Anche il ministro degli Esteri indonesiano Retno Lestari Priansari Marsudi, il cui Paese è attualmente presidente del G20, sarà collegato tramite video. Kuleba ha detto all’ARD quella mattina che voleva anche usare la sua visita in Germania per promuovere i colloqui sulla domanda di adesione del suo paese all’UE.

Con la domanda su come la comunità internazionale possa sostenere l’Ucraina di fronte alla “brutale guerra di aggressione” della Russia, il G7 si sta attualmente coordinando “giornalmente”, ha affermato Baerbock. Il ministro degli Esteri ha sottolineato che le “capacità di difesa” dell’Ucraina sono al centro di queste considerazioni. Il loro discorso più recente a Kiev riguardava anche come strutturare il sostegno all’Ucraina “senza contribuire alla partecipazione della NATO a questa guerra”.

La situazione nella Repubblica di Moldova, che confina con l’Ucraina, è stata anche il principale argomento di discussione dei ministri del G7. A livello internazionale, si teme che la guerra si estenderà al minuscolo stato orientale della Transnistria controllato dai separatisti russi. Baerbock ha affermato che il pericolo che la guerra possa estendersi alla Moldova era “molto, molto grande all’inizio di questa guerra”. Nel frattempo, la situazione “molto fragile” nel Paese potrebbe essere “stabilizzata un po’” con il sostegno internazionale. Baerbock ha lanciato a marzo una piattaforma di supporto per la Moldova, che mira a promuovere la resilienza e la stabilità del paese dell’Europa sudorientale.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.