“Persone indesiderate”: Mosca espelle più di 80 diplomatici

“Persona indesiderata”
Mosca espelle più di 80 diplomatici

Dopo l’attacco all’Ucraina, molti paesi hanno espulso i diplomatici russi. In ogni caso, Mosca ha annunciato un contraccolpo. Ora colpisce Francia, Spagna e Francia. Il Cremlino ha fissato una scadenza per i paesi per consentire ai loro rappresentanti di lasciare il paese.

La Russia ha nuovamente espulso dozzine di diplomatici per rappresaglia. L’ambasciatore francese Pierre Lévy ha ricevuto una nota in cui dichiarava 34 dipendenti delle missioni francesi all’estero come “persone indesiderate”, secondo il ministero degli Affari esteri di Mosca. Ora hai due settimane per lasciare il paese. Allo stesso modo, 27 dipendenti dell’ambasciata e dei consolati spagnoli hanno dovuto lasciare il Paese. Hai solo sette giorni per farlo. Secondo le agenzie di stampa russe, anche la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha annunciato l’espulsione di 24 diplomatici italiani. Secondo quanto riferito, mercoledì l’ambasciatore svedese è stato convocato anche al ministero degli Esteri.

Il governo francese ha condannato l’espulsione “con la massima fermezza”. Secondo il ministero degli Affari esteri di Parigi, la decisione è stata veicolata dal governo russo come una “risposta” all’espulsione di “agenti russi” dalla Francia. Diplomatici e personale dell’ambasciata francese in Russia, invece, rispettano “pienamente” le regole della Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche.

Ad aprile, la Francia ha espulso 41 diplomatici russi dal Paese in risposta alle operazioni militari russe in Ucraina. Secondo il ministero degli Affari esteri di Parigi, alcuni di loro avevano lavorato come agenti segreti in Francia “sotto copertura diplomatica”. La Russia ha protestato contro la “decisione provocatoria e infondata” di espellere i diplomatici russi, ha affermato il ministero degli Esteri. Con l’espulsione del diplomatico russo, la Francia ha fatto “seri danni alle relazioni franco-russe e alla costruttiva cooperazione bilaterale”.

In precedenza era noto che l’ambasciatore spagnolo a Mosca, Marcos Gómez, era stato convocato. Dopo l’espulsione di 27 dipendenti dell’ambasciata russa a Madrid il 5 aprile, in Spagna sono attese le contromisure appropriate.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha condannato l’espulsione e ha parlato di “atti ostili”. Ma è stata anche una “reazione” all’espulsione dei diplomatici russi dall’Italia, ha detto. Ha avvertito che i canali diplomatici devono rimanere aperti, poiché sono usati per lavorare per la pace in Ucraina.

Dall’inizio della guerra di aggressione della Russia in Ucraina, molti paesi europei hanno espulso collettivamente centinaia di diplomatici russi. Da parte sua, la Russia ha dichiarato non graditi molti diplomatici dei paesi occidentali, da ultimo circa 40 dipendenti delle missioni diplomatiche tedesche.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.