Perché non nuotare con i delfini o visitare parchi di divertimento e acquari

I delfini sono animali intelligenti che godono di una struttura sociale altamente sviluppata e dietro ogni possibile stretto contatto con gli umani c’è un tremendo abuso di queste creature.

Vivono in grandi gruppi sociali in mare e le femmine di solito trascorrono l’intera vita con le madri e le sorelle nella capsula familiare. Possono nuotare fino a 80 chilometri al giorno e immergersi a profondità di quasi 500 metri.

Leggi di più: Perché la zucca fa bene ai CANI: benefici per la salute che rendono un must includere la zucca nella dieta del tuo animale domestico

Parco divertimenti con animali marini e piscina

In qualsiasi attrazione che offra un’esperienza di “nuoto con i delfini”, gli animali possono diventare ansiosi, frustrati, aggressivi e persino nevrotici dall’essere confinati in vasche di acque poco profonde, alcune delle quali sono profonde solo 1,8 metri. Questo è lontano da come appare il suo habitat naturale. Sono costretti a interagire con un flusso inevitabile di persone, che lo usano come strumento per i selfie. Quindi, un selfie vale l’ergastolo di un animale così nobile?

Vi siete mai chiesti come sono finiti i delfini nel parco marino?

Molti sono stati “rapiti” dalle loro case marine. Questo di solito comporta una barca che insegue i delfini e li spinge in acque poco profonde dove non possono sfuggire alla rete circostante. I delfini hanno forti legami familiari e viaggiano in branchi. Se uno di loro viene catturato, il resto del gruppo può provare a salvarlo. Inoltre, una volta catturati, i delfini ritenuti “meno attraenti” possono essere uccisi e il resto venduto ai parchi di tutto il mondo. I delfini indesiderati che vengono rilasciati nell’oceano possono morire per shock, stress o polmonite.

Ferite, malattie e morte

Molti programmi “nuota con i delfini” coinvolgono i delfini in cattività nei parchi marini di tutto il mondo. Abusati per divertimento, questi animali sensibili vengono regolarmente separati dalle loro famiglie e sottoposti al trauma sociale, fisico e psicologico della prigionia. Poiché la frustrazione del confinamento ravvicinato aumenta l’aggressività, i combattimenti tra i delfini sono frequenti. Gli animali mostrano segni di sofferenza, come piaghe cutanee, scottature solari e galleggiamento letargico, e molti soffrono di ferite, malattie e morte prematura. Inoltre, molti delfini vengono schiaffeggiati come parte del processo di addestramento, quindi sanno come comportarsi quando arrivano i turisti.

Sfruttamento pericoloso

I delfini sono potenti animali selvatici e costringerli a interagire con gli umani può essere pericoloso. Una bambina britannica di 10 anni è stata trascinata sott’acqua durante un’esperienza di “nuoto con i delfini”, lasciandola contusa e sanguinante. In passato è stato registrato che i delfini che sono stati maltrattati mordono i bambini, il che è improbabile se li trovi nel mare o nell’oceano, perché i delfini non sono animali aggressivi, tranne quando vengono maltrattati.

Cosa sai fare

Non sostenere mai le aziende che imprigionano animali selvatici a scopo di lucro e racconta ai tuoi amici la difficile situazione dei delfini e di molti altri animali. Rifiutati di visitare i parchi marini che tengono gli animali in cattività ed evita le strutture o i tour che promettono il contatto con gli animali. Invece, goditi attività amorevoli come le immersioni subacquee, il kayak, il nuoto o la visita a un parco di divertimenti, senza animali.

Seguici su INSTAGRAM e su Facebook

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.