Palamas House: il Ministero della Cultura insiste per rilevare l’intero edificio

La casa di Palamas a Plaka (Via Periandrou) è in cattive condizioni a causa del tempo e 99 terremoti hanno causato grossi problemi. Questo è ciò che il Ministero della Cultura e dello Sport vuole realizzare rilevandolo, riparandolo e proteggendolo. Tuttavia, il proprietario insisteva sul fatto che non vi fosse un’espropriazione totale, ma solo la parte in cui il poeta visse e dove morì.

Il Consiglio Centrale dei Monumenti Moderni discuterà oggi la questione, per decidere se accettare o meno le obiezioni del proprietario. La casa di K. Palamas ha una superficie di 307,91 m2. e il Consiglio di Stato ha ricevuto il primo ricorso della proprietà. La sua Sezione V ha deciso che ci dovrebbe essere una nuova riunione del consiglio e parere. Il ministero, secondo le informazioni di liberal.gr, chiederà l’esproprio dell’intero edificio.

In via Periandrou

Kostis Palamas è stato uno degli scrittori e intellettuali greci più prolifici con contributi significativi al rinnovamento della poesia greca moderna. Ha pubblicato un totale di quaranta raccolte di poesie, oltre a opere teatrali, saggi critici e storici, studi comparati e recensioni di libri. La sua carriera letteraria è durata dalla sua prima apparizione nel 1876 all’età di 17 anni fino alla sua morte nel 1943. Nella sua carriera letteraria ha vinto premi dai suoi contemporanei, greci e stranieri, e il suo lavoro diversificato gli ha dato una posizione dominante in tutti i campi. movimento intellettuale di stato.

Fu nominato per il Premio Nobel 14 volte (1926-1938, 1940) mentre ricevette l’Eccellenza statale in Lettere e Arti nel 1925. Nel 1926 fu uno dei membri fondatori dell’Accademia di Atene, da dove divenne Presidente nel 1930. .

Kostis Palamas è stato costretto a trasferirsi in questo edificio, dopo essere stato sfrattato dalla sua residenza per quarant’anni in Asklipiou Street 3, che ora è inesistente. Ha vissuto in uno dei due appartamenti al secondo piano di Periandros 5 con la moglie e la figlia per gli ultimi otto anni della sua vita (1935-1943).

Con la sua morte, avvenuta il 27 febbraio 1943, il suo funerale fu una delle più grandi manifestazioni contro l’occupazione, poiché il mondo spirituale del Paese e centinaia di migliaia di persone accompagnavano la salma del Poeta alla sua ultima residenza nel Primo Cimitero, cantando l’inno nazionale. , nonostante la presenza alla cerimonia del presidente del Consiglio dell’occupazione Logothetopoulos e delle autorità italiane e tedesche.

Il monumento in Periandrou 5 Street è un edificio allungato a due piani con elementi neoclassici, soprattutto al primo piano. L’ultimo piano è separato dal piano terra da un cornicione che ha una cornice a scomparsa. Anche le cornici più complesse con cornici a scomparsa e nastri frastagliati e acrokera costituiscono il coronamento dell’edificio. La pietra incisa sul pavimento, così come i resti dei pilastri, testimoniano che l’edificio aveva un tempo un’impronta imponente. Risulta aver subito alcune modifiche nell’aspetto, soprattutto al piano terra e al balcone del primo piano, da successivi interventi. Un cartello appeso all’ingresso dell’edificio testimonia che in questa casa il nostro poeta nazionale Kostis Palamas morì il 27 febbraio 1943.

Situazione attuale

L’edificio è ancora unico e quando è stato acquistato dagli attuali proprietari nel 2000, è stato designato monumento ed è stato colpito dal terremoto del 1999. Poi le sue condizioni si sono deteriorate, lasciando l’edificio semidistrutto. Finora non sono stati effettuati studi, anche se ci sono studi per riparare, rimodellare e mettere in luce edifici mediante demolizione di moderni lotti annessi, e studi architettonici per aumentare l’altezza, con conseguente realizzazione di parcheggi interrati.

I due studi sono stati separati nel tempo dalla proposta di acquisizione rispettivamente di 20 e 10 anni, un periodo di tempo sufficiente, come ritenuto dal Ministero della Cultura, per essere attuato. Nei 23 anni trascorsi dalla caratterizzazione dell’edificio ad oggi, nessuno sforzo è stato fatto per restaurarlo, ripararlo e metterlo in risalto. Pertanto, è necessario procedere al sequestro del monumento affinché possa essere efficacemente tutelato dal Ministero della Cultura.

Limite da prendere in consegna

La proposta iniziale per l’esproprio dell’immobile si determina come l’esproprio di parte del fabbricato e parte del cortile, con una superficie di 307,91 mq. L’importo della confisca si basa sul piano riportato nella dichiarazione di “Rumah Palamas” come monumento storico insieme al lotto appropriato perché sul retro dell’edificio dichiarato monumento c’è una finestra che si affaccia sul cortile del palazzo . . Nel cortile c’è anche una scala a C con una ringhiera in ferro decorata attraverso la quale si accede dal cortile al piano dell’edificio. Pertanto, al fine di proteggere adeguatamente il monumento, è necessario includere il cortile dove si trovano le scale di accesso al piano e dove vedono le aperture per illuminare l’edificio.

Proposta alternativa

Nella sua obiezione al CoC, il proprietario sostiene che è possibile espropriare solo l’appartamento dove abita il poeta, che è l’unico di valore storico. Allo stesso tempo, secondo la competente direzione del Ministero della Cultura, sostiene che il resto della sua proprietà è inutile in quanto non ha più facciate nelle parti comuni ed è diventato incompleto e edificabile, con conseguente sua impossibilità di sfruttare, provocando gravi conseguenze per i suoi beni.

L’esproprio dell’intero monumento si è reso necessario in quanto l’edificio è unico e in pessime condizioni ed è stato impossibile restaurare solo l’appartamento dove abitava Kostis Palamas in quanto necessitava di riparazione e restauro dell’edificio che era stato designato come monumento al suo posto. nel complesso, considerando il Ministero della Cultura.

Inoltre, il resto della proprietà non è vana se l’intero edificio e parte del cortile vengono confiscati, perché la superficie è di 785,59 m2.

La trama originariamente aveva un altro ingresso da 15 Daidalou Street, 2,34 metri di larghezza, che formava un corridoio che conduceva alla taverna. Un’autopsia ha mostrato che l’accesso al lotto da 13 Daidalou Street è di 6,52 metri e in base alle condizioni edilizie attuali della zona, è possibile costruire un nuovo edificio sul terreno rimanente in caso di esproprio proposto, a causa del fatto che la persona si sta dirigendo verso Daidalou Road a più di 4 metri.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.