Paese italiano dove nessuno degli abitanti parla… Italiano- Leggenda con fate e dialetto antico

Nascosto tra le montagne, conta solo 30 abitanti e una storia antica. scusa per Koumboskouros, un paesino in Italia dove gli abitanti non parlano nemmeno italiano!

Ha il soprannome italiano “Piccola Provenza”. In particolare, Sankto Lucio de Cuboscuro è un villaggio remoto sotto quasi tutti gli aspetti.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

La città si trova al confine tra Piemonte Italia e Francia e per visitarla bisogna volare fino a Torino e da lì prendere un treno e poi un autobus oppure visitarla guidando dalla Provenza.

Chi ci arriva si chiederà sicuramente se è nel paese giusto, visto che la gente del posto non li saluterà con i famosi “arrivederci” ma con “arveire”.

La lingua ufficiale di Kuboscuro è il provenzale, o l’antico dialetto neolatino medievale dell’occitano, la lingua parlata in tutta la regione occitana della Francia. Naturalmente nel villaggio vivono solo una trentina di persone e la vita non è affatto facile per la gente del posto. Kuboskouro è costituito principalmente da una famiglia di pastori, il cui bestiame viene spesso attaccato dai lupi nella zona.

Inoltre, l’elettricità spesso si interrompe per settimane durante l’inverno, mentre la connessione a Internet è minima. Ma i sereni prati di montagna e decine di acri di fiori di lavanda viola sono l’ideale per i visitatori che cercano un rifugio appartato, oltre a viste mozzafiato dalle cime alpine alla Costa Azzurra.
Certo, qui devi dimenticare bar, supermercati e ristoranti. L’unico “commosso” sociale è limitato agli occasionali eventi folcloristici che si svolgono nel villaggio o quando i viaggiatori iniziano la caccia ai funghi nei fine settimana.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Paesani in abiti tradizionali

Com’è la vita in questo piccolo villaggio

Come puoi vedere, la gente del posto aderisce a uno stile di vita più lento e semplice, in armonia con la natura. “Non abbiamo la televisione. Non ti manca davvero quello che non hai mai avuto in primo luogo. “Quando c’è un’interruzione di corrente per 15 giorni di seguito, non c’è bisogno di farsi prendere dal panico: riesumiamo l’olio vecchio dei nostri nonni lampada”, ha detto l’agricoltore. Agnes Garone, 25 anni, locale, ha detto alla CNN.

“Mi alzavo all’alba per accudire le pecore. Lavoro 365 giorni all’anno, senza giorni di riposo. Non lo so da Natale e Capodanno, perché anche nei giorni festivi il mio gregge deve mangiare. “È una vita di sacrificio, ma mi sento molto contento quando nasce un agnello».

L'unica pensione del villaggio
L’unica pensione del villaggio

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Garone gestisce “La Meiro di Choco”, un’antica fattoria che sembra essere l’unico B&B a Kuboskouro. Coloro che desiderano vivere lì dovrebbero sapere che dormiranno nelle tradizionali capanne di legno, assaggeranno i prodotti freschi dell’orto e avranno l’opportunità di acquistare lana di alta qualità da una pecora autoctona italiana chiamata Sabucana, nota anche come Demodina.

E mentre molti dei più giovani abitanti del villaggio sono andati a cercare un futuro migliore altrove molti anni fa, Garone ei suoi fratelli hanno deciso di rimanere e lavorare nella loro terra ancestrale. La loro madre, ad esempio, coltivava lino e altre erbe per scopi medicinali e ricavava sciroppo da foglie e denti di leone.

Risveglio culturale

“I visitatori sono invitati a venire a stare con noi, abbiamo bisogno che le persone scoprano il nostro mondo, non vogliamo essere dimenticati, abbiamo così tanto patrimonio da condividere”, ha detto Garone. Il pastore di 25 anni crede che il dialetto provenzale, caratterizzato da un misto di francese e italiano, sia la sua lingua madre e non l’italiano. Infatti, come dice lui, essere membro di una comunità che ha le sue radici nei secoli, fornisce un forte senso di identità e di appartenenza territoriale.

Questa zona del Piemonte, dove si trova Cuboscuro, è passata più volte nella storia sotto il dominio italiano e francese, il che spiega perché i locali come Garone non si sentono italiani o francesi, solo provenzali.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Un estratto dal pellegrinaggio spirituale intitolato
Estratto dal pellegrinaggio spirituale intitolato “Roumagie”

Circondato da un bosco di nocciole, è suddiviso in 21 piccoli insediamenti nell’incontaminata Vale Grana, ognuno dei quali ha diverse case in pietra e legno. I quartieri sono collegati da percorsi escursionistici e per mountain bike. Quanto al rione principale, si tratta di sole 8 belle case in legno con pareti affrescate, raccolte attorno ad un’antica cappella fondata nel 1018 da monaci francesi che bonificarono terreni ad uso agricolo.

Sebbene Kuboskouro si sia sviluppato nel corso degli anni, le cose iniziarono a cambiare nel 1400, quando un rigido inverno costrinse molte famiglie a trasferirsi in Provenza per la maggior parte dell’anno e a tornarvi solo in estate.

La popolazione del villaggio era diminuita nel corso degli anni, ma Kuboskouro si è ripresa negli anni ’50, quando il nonno di Garone, Sergio Arneonto, ha assunto l’incarico di insegnante presso la scuola del villaggio. Dopo aver studiato la lingua locale dei suoi antenati, ha contribuito a riconquistare le radici linguistiche e folcloristiche della lingua provenzale, dando alla comunità l’incoraggiamento di cui aveva bisogno.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Pellegrinaggio spirituale

Oggi nel paese si svolgono numerose attività ed eventi che celebrano le tradizioni provenzali, come il teatro in costumi tradizionali, concerti, feste, balli popolari, gare dialettali, laboratori di scrittura, o anche botteghe artigiane.

Museo Etnografico del Villaggio
Museo Etnografico del Villaggio

Coloro che desiderano saperne di più su questo particolare villaggio e sulla sua storia possono visitare il Centro di studi provenzali, che ospita corsi di lingua e scrittura provenzale per adulti e bambini, anche principianti.

Inoltre, ogni luglio, migliaia di provenzali vestiti con costumi tradizionali intraprendono la “Roumagie”, un pellegrinaggio spirituale che parte dalla Provenza, nel sud della Francia, lungo le Alpi fino al Koumboscuro. Il loro viaggio attraverso cime innevate, ripide gole e castagneti, facendo lo stesso percorso seguito dai loro antenati e commercianti nel Medioevo, ma anche dai contrabbandieri.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Una lingua in pericolo

“Dopo una rinascita culturale, i falegnami stanno ora vendendo pezzi della tradizione provenzale e l’agricoltura è tornata a fiorire, coltivando patate, sidro, castagne e bevande alle erbe”, ha affermato Davide Arnoedo, direttore del Museo Etnografico di Kuboskouro. “Studi, intellettuali e artisti si riuniscono qui per mostre d’arte e conferenze per discutere del nostro ricco patrimonio”.

Dopo una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica locale, l’Italia ha riconosciuto ufficialmente l’esistenza della minoranza occitana nel 1999 e la lingua provenzale è ora protetta dalla legge nazionale.

Vista sul villaggio innevato
Vista sul villaggio innevato

“È una delle poche valli al mondo in cui sopravvive la nostra lingua”, ha detto Arneonto, che è anche zio di Garone e figlio di Sergio Arneodo. “In passato era la lingua lirica, la letteratura parlata dai cortigiani erranti, che è stata poi dimenticata, ma qui, grazie agli sforzi di mio padre, abbiamo riacquistato la nostra eredità e molti hanno deciso di restare”.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

La leggenda vuole che le fate conoscano il loro segreto dagli abitanti del villaggio

Streghe e sciamani svolgono un ruolo importante nel mondo della Provenza, e il cibo alpino è meraviglioso e c’è sicuramente un’atmosfera magica a Kuboskouro. In effetti, la leggenda narra che molti locali avessero il potere di curare ossa e caviglie rotte. Alcuni, invece, ritengono che il bosco sia abitato da fate e pannolini detti “Sarvans”, che non solo avrebbero insegnato ai locali come fare il burro e il formaggio di Toma e Castelmagno, ma avrebbero anche ingannato i contadini rubandoli. latte fresco e un sacchetto pieno di noci.

Seguilo su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, a

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.