Nuovi incendi in Sicilia – Burnout 57%

A seguito degli incendi dei giorni scorsi, un nuovo fronte di fuoco si è esteso alla Sicilia. L’incendio ha bruciato le zone montuose dei Nebrodi e delle Madonnie, nel palermitano maggiore. Nonostante gli sforzi dei Vigili del fuoco e della Protezione civile, gli incendi hanno minacciato zone residenziali e distrutto vaste aree forestali.

Le case della zona di Balestraté sono state evacuate e un denso fumo ha coperto il cielo nelle zone di Capo d’Orlando, Sant’Agata Militello e Milazzo. Continuavano a soffiare forti venti e le perdite subite da contadini e contadini della zona erano incalcolabili.

Canader ed elicotteri dei Vigili del fuoco italiani hanno effettuato continui gocciolamenti d’acqua in tutta l’area.

Intanto, le ricerche finora mostrano che il 57% degli incendi avvenuti nelle ultime due settimane in Sardegna, Sicilia e Pescara nel centro Italia sono stati il ​​risultato di un incendio doloso. Il 13% è dovuto a incuria o mancanza di manutenzione e solo il 2% può essere attribuito con certezza alle condizioni climatiche. Non è stato possibile determinare altre cause di incendio.

La stampa italiana, intanto, ha sottolineato oggi che i mezzi a terra utilizzati in Sicilia dai vigili del fuoco sono ormai superati, mentre le gare per l’acquisto di nuovi sono state bloccate per burocrazia e cattiva gestione.

Fonte: -ΜΠΕ

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.