Nuove sanzioni: il G7 accetta di lasciare il petrolio russo

Stato: 08.05.2022 20:40

Le sanzioni dei paesi del G7 contro la Russia saranno inasprite: tra l’altro, accettano di fermare le importazioni di petrolio russo. La mossa colpirebbe duramente “l’arteria principale” dell’economia russa.

I paesi del G7 hanno imposto nuove sanzioni alla Russia per la sua guerra di aggressione contro l’Ucraina. Lo ha annunciato la Casa Bianca a Washington. I capi di governo del G7 hanno già parlato con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy in una conferenza di transizione.

Secondo il governo statunitense, le misure punitive sono rivolte, tra l’altro, all’importante settore energetico russo. I paesi della NATO, gli Stati Uniti, il Canada, la Francia, la Gran Bretagna, l’Italia e la Germania, nonché il Giappone, sono tra le sette principali nazioni industriali democratiche. In una dichiarazione congiunta, i paesi del G7 hanno annunciato ulteriore sostegno all’Ucraina e condannato la Russia. “Siamo sconvolti dalla perdita di vite umane, dagli attacchi ai diritti umani e dalla devastazione causata dalle azioni della Russia in Ucraina”.

L'”arteria principale” dell’economia

La Casa Bianca ha annunciato che tutti i paesi del G7 avevano adottato misure per fermare o vietare le importazioni di petrolio russo: gli stessi Stati Uniti avevano imposto un relativo divieto di importazione. Uno stop alle importazioni colpirebbe duramente la “principale arteria economica” del presidente russo Vladimir Putin e priverebbe Mosca di un’importante fonte di reddito per finanziare la sua guerra in Ucraina.

A Bruxelles, anche i paesi dell’Unione Europea stanno negoziando un embargo petrolifero sulla Russia e altre misure punitive. Recentemente ci sono state controversie sulle esenzioni dal divieto di importazione per paesi come Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Bulgaria. Le discussioni su questo dovrebbero continuare la prossima settimana.

Sanzioni sui canali televisivi russi

Un funzionario statunitense ha anche annunciato il divieto di fornire servizi commerciali a società o individui in Russia. I servizi di contabilità, gestione, consulenza o marketing sono interessati. Gli Stati Uniti imporranno sanzioni anche a tre grandi canali televisivi che sono direttamente o indirettamente controllati dall’amministrazione del presidente Putin: Pervy Kanal. Rossiya-1 e NTV. Gli ordini pubblicitari dagli Stati Uniti potrebbero non essere effettuati con questi “imbuti del Cremlino” e la tecnologia statunitense potrebbe non essere fornita per la trasmissione.

Funzionari statunitensi affermano che gli Stati Uniti inaspriranno ulteriormente i controlli sulle esportazioni per minare lo sforzo bellico della Russia. Sono interessati i prodotti in legno, i macchinari industriali e i veicoli per lo sgombero. Inoltre, saranno imposte sanzioni ai gestori delle banche più grandi e terze della Russia, Sberbank e Gazprombank. “Il messaggio è che se l’invasione di Putin continua, non ci sarà un porto sicuro per l’economia russa”.

“Sanzioni senza precedenti hanno un pesante tributo”

Altri paesi del G7 hanno annunciato azioni simili nel campo dei servizi alle imprese e contro le banche russe, nonché contro la propaganda e la disinformazione russe. La Casa Bianca ha dichiarato: “Le nostre sanzioni senza precedenti hanno avuto un pesante tributo sull’economia russa”. I controlli sulle esportazioni taglierebbero la Russia alle tecnologie essenziali. “La guerra di Putin dovrebbe spazzare via i guadagni economici degli ultimi 15 anni in Russia”.

Due importanti fabbriche di carri armati russi hanno smesso di funzionare a causa della carenza di componenti stranieri. Quasi 1000 aziende hanno lasciato la Russia. “Putin non ha raggiunto il suo obiettivo militare originale di dominare l’Ucraina, ma ha reso la Russia un paria globale”.

A causa della guerra di aggressione della Russia, i paesi occidentali hanno imposto dure sanzioni alla Russia. La Germania detiene attualmente la presidenza del G7 e ospiterà il prossimo vertice del gruppo in Baviera a fine giugno.

Il G7 annuncia la fine delle importazioni di petrolio dalla Russia

Torsten Teichmann, ARD Washington, 8 maggio 2022 21:52

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.