Non puoi prepararti per Lewandowski. Parlerò inglese con l’allenatore italiano in nazionale

3 ore fa, 17/09/2022 19:49
eFotbal/Sport.sk
foto: FC Viktoria Plzeň
All’estero

Il portiere della Slovacchia Matúš Kozáčik ha vissuto grandi momenti nel calcio ceco. Il più grande successo per lui è stato senza dubbio il suo tempo in Champions League, che ha preso Pilsen. Sebbene lavori ancora come allenatore dei portieri al Pilsen, ha svolto un lavoro aggiuntivo. Ha accettato l’offerta ed è diventato un membro della squadra nazionale slovacca. E ora sta rilasciando un’intervista al server slovacco port.sk.

È stata Viktoria Plzeň, con la quale Kozáčik si è divertito, che ora sta ripetendo il suo più grande successo: vincere un sesto titolo di campionato e passare all’ultima fase della Champions League.

“È un enorme successo perché non era abbastanza standard. Vediamo di persona quali sono i club nella fase a gironi della Champions League e il Pilsen si distingue sostanzialmente perché è probabilmente il club più piccolo ad arrivarci”. ha detto l’ex portiere 38enne. “Da questo punto di vista, è un enorme successo per l’intero club, i tifosi e ovviamente il calcio ceco. Allo stesso tempo, non è affatto facile, perché il Viktoria ha sopportato un viaggio difficile attraverso partite difficili per raggiungere il gruppo, e quando finalmente funziona, ne vale la pena”. credete al nativo Dolné Kubín.

“Certo è supportato anche dal fatto che la stagione precedente era molto possibile vincere il campionato, perché senza di esso non si sarebbe giocato il turno preliminare. È anche un grande successo, perché la nostra competizione coinvolge anche grandi club come Sparta, Slavia Praga e altri, contro i quali abbiamo giocato, quindi è più prezioso”. L’allenatore dei portieri Michala Bílek esulta.

“Rimango fedele a ciò che mi è sempre piaciuto, quindi questo mi appaga e mi rende felice, perché in questo modo posso sopravvivere non solo con il Pilsen, ma anche con il calcio. Ho fatto quello che ho fatto per tutto il mio tempo la vita e che più facile per me. Inoltre, in questo modo posso anche trasmettere le mie esperienze, “ clear Kozáčik per il server sportivo slovacco.

Come preparare un portiere per una stella come Lewandowski?

Tuttavia, è importante riconoscere che dopo il sorteggio di fine agosto, che ha assegnato giganti del calcio come Barcellona, ​​​​Bayern Monaco e Inter a Pilsen nel Gruppo C, Matúš Kozáčik non aspetta niente di facile. Come allenatore dei portieri, deve preparare i suoi uomini per ottenere giocatori come Robert Lewandowski, Ousmane Dembélé, Ferran Torres, Leroy Sané, Sadio Mané, Thomas Müller, Edin Džeko o Lautaro Martínez. “È molto difficile prepararsi per qualcosa del genere. Ci hanno anche battuto con un margine più alto e la qualità in quella squadra è enorme”. l’ex portiere ha alluso alla sconfitta per 5:1 di Pilsen al Barcellona, ​​dove Lewandowski ha segnato una tripletta.

“Vale anche la pena ricordare che Jindra Staněk è stato in grado di prendere più occasioni per loro, quindi si è mostrato bene contro le stelle del Barca. Questa è un’altra esperienza preziosa per lui che può spingerlo a prestazioni ancora migliori”. Lodate il portiere Victoria.

Lo stesso Kozáčik ora non si sta concentrando solo sul suo lavoro nel club della Boemia occidentale, ma è anche un membro della squadra nazionale slovacca. Il 53enne allenatore italiano Francesco Clzona ha scelto l’ex portiere della Boemia occidentale come collaboratore della sua squadra di implementazione. “Ci sono entrato perché volevo provarlo”, la confessione di un ventinove volte ex rappresentante della Slovacchia, che ha preso la decisione finale solo dopo aver consultato l’attuale tecnico dei portieri della nazionale slovacca, Seman.

“Quando mi ha detto di consigliarlo non ho avuto dubbi. Sono stato molto contento perché questa è la nazionale e ci sono altre grandi sfide. Potrò anche lavorare con i nostri migliori giocatori e, nel mio caso, con i portieri .” Kozáčik non vedeva l’ora.

È interessato anche alla collaborazione con Francesco Calzone: “Potrò arricchirmi con le nuove esperienze che mister Calzona e la sua squadra hanno maturato durante la sua carriera. Parlerò più da vicino con Francesco durante il raduno della nazionale”. ha aggiunto l’ex numero uno della nazionale slovacca. E come negoziate con il team di implementazione delle lingue straniere? “Parleremo in inglese. Non credo che sarà affatto un problema”, non era preoccupato insieme a.

Ousou: Saremo più preparati fisicamente e mentalmente per Pilsen rispetto all’ultima volta. Andremo per la vittoria

Tonio Vecellio

"Specialista di Internet. Zombieaholic. Evangelista del caffè. Guru dei viaggi. Lettore. Fanatico del web pluripremiato. Orgoglioso drogato di cibo. Amante della cultura pop."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.