Nikolaou: “Vado a portare delle cose, l’ho visto farlo, l’ho fatto e loro hanno fatto me!” – Super Sport FM

Il giornalista veterano – scrittore sportivo Doros Nikolaou, che ha lavorato per diversi anni alla radio e alla televisione RIK, ha parlato martedì (05/10) su Super Sport FM 104.0 e sullo spettacolo “Dai un passaggio” con Stelios Papamousseos.

Analiticamente:

“Dopo tanti anni me ne sono andato, grazie per ricordarmi di me. Il mio primo lavoro che volevo fare era un agronomo, ma avevo bisogno di una certa conoscenza. Poi ho iniziato a fare sport. Lyras, che è la mia vicina, mi ha aiutato. ginnasta, ma portavo gli occhiali e non potevo fare la ginnasta in quel momento!Ho iniziato a scrivere i risultati delle partite sulla rivista “Mathitiki Estia”.Amo scrivere e ho deciso di diventare giornalista anche se la mia stessa gente ha reagito. Sono andato ad Atene e ho finito gli studi nel 1972. Sono tornato a Cipro e poi sono andato nell’esercito.Ho iniziato a cercare un lavoro, sono andato al RIK ma non c’era posto… Poi sono andato a Cyta e ho scritto un annuncio. Poi sono andato al RIK, ma gli eventi del 1974 sono iniziati Nel 1975 sono stato assunto dal quotidiano NEA come giornalista, non come scrittore sportivo e collaboratore del RIK.Nel 1977 ho ho iniziato ad allenarmi, ma prima ho fatto altre cose. In realtà ho iniziato lo sport nel 1979-80. Inizialmente, il decimo minuto è stato introdotto nel notiziario nonostante il contraccolpo. A volte più di un minuto, da mezz’ora a 45 minuti. Nel 1989 sono stato nominato giornalista, fino all’arrivo di Pak Drakos che ha assunto la direzione dell’Agenzia sportiva. Per farlo ho impostato le condizioni, creare RIK2 (canale sportivo) e creare una radio sportiva. Poi siamo stati accusati di avere il maggior numero di servizi, i nostri fondi non sono stati approvati. Sono andato nel ’12. Ha iniziato a perdere i servizi sportivi, c’erano i canali privati ​​e soprattutto gli abbonamenti, c’era molto da dire all’epoca… C’erano delle cose che avrei portato con me, dopo 40 anni mi sono visto farlo lo faccio e loro mi ha fatto. Il positivo che conservo”.

Quando è stata la prima trasmissione: “Hanno iniziato dopo che Dinos Konstantinidis si è ammalato. Ho fatto 2-3 trasmissioni, poi è arrivato Achilleas Georgiadis”.

Canale tv: “Era con la nazionale italiana nel 1983, ricordo che siccome fu un successo pareggiammo”.

Nocciola finale: “Non voglio ricordare…”

Cosa ti attrae di più? “Quello è un giornale, l’ho preso io stesso e ho scritto” Fos sta spor. I giornali di oggi hanno un altro ruolo da svolgere…. Un tempo erano i giornali, dopo la radio, i siti web di oggi”.

In qualità di capo del dipartimento sportivo: “Sono un duro, ma do una possibilità, ho delle pretese. Potrei non essere perfetto, ma ho dei requisiti che si manifestano molto bene. Oggi è impossibile “entrare” nelle case degli altri e non poter parlare. RIK paga per le lezioni di ortofonia, dobbiamo imparare il greco, ho sentito qualcosa per ore… L’errore del sistema dell’insegnante non lo fa Parli con le persone capisco che tutto può succederti… quando parli continuamente farai errori quando si ripetono , ma , allora stiamo parlando di semi-studio o ignoranza. Sono rimasto sbalordito nel vedere… La copertura televisiva non mi ha aiutato, il piano era che i ragazzi coinvolti nelle riprese dovevano essere professionisti e non un costoso prodotto part-time …”.

Qual è l’evento sportivo più importante per te? “Ho fatto atletica, era il mio preferito, sono anche un atleta…, non ricordo. Ho fatto la mia migliore descrizione all’Anderlecht con Omonia a Bruxelles, 1-0. Vedi, lo stadio è una teoria di sopra. Niente a che vedere con Makareio e Tsirio”.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.