Netflix: miniserie “Scandal Anatomy”

Sarah Vaughn è un’interessante scrittrice inglese – il suo libro “Anatomy of a Scandal” edito in greco da Dioptra, tradotto da Violetta Zefki – che conosce bene il materiale narrativo: donne chiamate a prendere decisioni difficili nell’élite britannica. Questo è un tema della miniserie omonima: poiché Sarah Vaughn aveva studiato a Oxford e lavorato nel giornalismo politico per il Guardian, era in grado di descrivere con dettagli raccapriccianti cosa stava succedendo sotto la superficie scintillante. Nel romanzo “Anatomy of a Scandal” pubblicato nel 2018, affronta la questione dell’abuso di potere degli uomini privilegiati e l’omerta che copre la loro delinquenza – ma in realtà qualcosa di più ampio, su come vengono trattati male gli uomini in generale; come vengono trattati. la mamma insegnò loro a mentire ea galleggiare come un sughero; come amanti e partner tollerano il cattivo comportamento come se fosse qualcosa di naturale, a volte come se fosse qualcosa di quasi divertente.

Il creatore della serie Netflix è uno dei produttori televisivi di maggior successo, David E. Kelley, che oltre a sposare Michelle Pfeiffer, ha realizzato serie come “LA Law”, “Boston Public”, “Boston Legal”, “Harry’s Law” , “Goliath”, che mancano Il successo di “Big Little Lies”, “Mr Mercedes”, “Big Sky”, così come “Nine Perfect Strangers” con Nicole Kidman è peggiore che mai. Qui Kelley ha collaborato con Melissa James Gibson – conosciuta da “The American” e successivamente da “House of Cards” di Kevin Spacey – e ha scelto un cast avvincente di attori e amici della vita reale della famiglia dei film Sturridge.

La storia in “Anatomy of a Scandal” sembra essere tratta dal movimento #MeToo: il ministro 44enne James Whitehouse (un ruolo ingrato per L’amico di Ruperto visto in “Patria”) Laureato a Oxford ed ex collega Primo Ministro, che vive una vita perfetta con la moglie perfetta (Siena Miller), i loro figli perfetti, la casa perfetta e la tata perfetta. Fino a quando non si è diffusa la voce che non solo aveva una relazione con un’assistente molto più giovane, ma l’ex amante in questione l’aveva citata in giudizio perché, secondo lei, l’aveva violentata in un ascensore della Camera dei Comuni. La vita perfetta iniziò a sgretolarsi e nel giro di giorni, settimane e mesi vari scheletri uscirono dagli armadi degli uomini forti del dominio britannico. E sorgono domande: perché gli uomini non considerano disapprovare fare sesso? Qual è il confine tra lussuria e violenza? In che modo, anche nel 21° secolo, i detentori del potere pensano che tutto sia loro lecito e che nulla di riprovevole verrà mai alla luce? Come viene interpretata la misoginia delle donne che le coprono alzando gli occhi al cielo? E, a proposito, perché prestigiosi studenti universitari trascorrono i loro anni da studenti indulgendo in piccoli (o anche grandi) orrori quotidiani per i quali sono così facilmente perdonati?

Questa miniserie è facile da guardare, quasi come un normale orologio: cronache familiari, thriller politici, denunce sociali e drammi di corte, con un finale salvifico. E con attori soddisfacenti, anche se i contorni dei loro ruoli spesso sembrano un po’ stereotipati: per esempio, l’avvocato Kate Woodcroft (Michelle Dockery) è una di quelle donne in carriera con una vita personale limitata e occhiali grandi – i ragazzi non danno alle ragazze il permesso di indossare gli occhiali. Kelley, essendo americano, proietta le produzioni americane e le arrangia in Inghilterra: gli attori usano così tanto americanismo che sono pronto a sentire Dockery rivolgersi al giudice come vostro onore e non come mio maestro (non lo fa). C’era qualcosa che non andava nella serie, qualcosa che non era in linea con il luogo in cui si è svolta la storia. La falsità è amplificata dall’uso eccessivo di riprese angolate – la telecamera ruota per dare un senso di intensità – e dalle tante voci pompose: “Se il futuro non include te, Sophie Whitehouse, allora il futuro fa schifo”; “Pensate che i poeti politici abbiano bisogno di più poesia”, “Beh, cosa fare… anche i ragazzi!” (Questo, se non sbaglio, si dice due volte).

Anatomy of a Scandal tenta una seria esplorazione del consenso sessuale femminile, del volontarismo generale e del fatalismo: a qualcuno che ha appena iniziato a guardare film e serie TV, tutto può sembrare nuovo e rivoluzionario, ma nel 1959 Preminger lo aveva detto in “Anatomy of a Scandal Delitto”. Se c’è un argomento in questa serie Netflix, è che è una giusta accusa nei confronti delle famiglie maschili e dell’educazione accademica, specialmente all’interno del sistema di appartenenza d’élite della Gran Bretagna. La grande mamma britannica (eccellente nel ruolo di Phoebe Nicholls) alleva un ragazzo per raggiungere la vetta cliccando sui cadaveri. E si aspetta che il suo successore, sua moglie, continui il suo lavoro.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.