Napoli, se non ora, quando?

QUELLO Napoli questo è di nuovo il primo problema ovunque. Non solo in Italia. Ma anche in Europa in generale. “Partenopei” è una di quelle squadre che possono essere facilmente guardate e riempire felicemente due ore della propria vita.

Il club del sud Italia sta sviluppando il suo gioco più dell’anno scorso. Luciano Spalletti vede che l’ensemble che crea si unisce ogni giorno di più. Gioco per gioco. Non sono solo i giocatori a sapere come ottenere il risultato desiderato.

DA LEGGERE: Kvaratskelia vuole entrare nella storia del Napoli!

Ma la cosa più importante – in fondo si tratta della squadra italiana – è coniugare questo con il calcio offensivo. Con iniziativa calcio. Il Napoli è entrato in campo non per distruggere, ma per creare. Tuttavia, i problemi che si presentano sono diversi.

Sopravviverà fino alla fine? Non bisogna dimenticare che il campionato è una maratona e non una gara sprint. “Partenopei” e altre stagioni sono iniziate in modo impressionante. E altri anni hanno riempito i loro amici di sogni e speranze. Tuttavia, hanno finito per prestare attenzione alle spalle degli altri.

Quest’anno sembra tutto perfetto. Per quanto… sospetto. Quest’anno è una grande opportunità per il Napoli di tornare al vertice dell’Italia e andare il più lontano possibile in Champions League. Se non ce la fa anche in questa stagione, allora quando?

Estate di ricordi e… di partenza

Ogni ciclo ha un inizio, ma anche una fine. Al Napoli lo sanno bene. Dopotutto, gli aggiornamenti periodici dell’elenco lo confermano. L’estate scorsa l’Italia ha messo abbastanza soldi nelle proprie casse, grazie alle cessioni di Kalidou Koulibaly al Chelsea (38 milioni di euro) e di Fabian Ruith al Paris Saint-Germain (23 milioni di euro).

Tuttavia, anche il capocannoniere della sua storia ha lasciato le proprie fila. Il motivo, Dres Mertens che non ha mai ricevuto un’offerta per rinnovare la sua collaborazione con il Napoli. Così, è stato rilasciato e si è unito al Galatasaray. Importante anche la partenza di David Ospina.

Il napoletano intende cambiare radicalmente. Per dare a volti nuovi e ad altri la possibilità di scrivere la propria storia con la maglia del club. Sperimenta… sembra funzionare. E c’è la possibilità che dia il meglio di sé nei prossimi mesi. Il Napoli è cambiato molto in estate poiché la maggior parte dei migliori calciatori che hanno lasciato erano nelle file del club per anni. Ma per ora tutto mostra che tutte le parti sono soddisfatte del percorso che stanno seguendo.

L’identità di Spalletti

Ogni squadra è composta da più giocatori. Ognuno con la sua personalità. Al trainer viene chiesto di farli tutti… uno. Pensa allo stesso modo, muoviti allo stesso modo, mangia lo stesso. Luciano Spalletti, pur essendo italiano, conosce molto bene i vantaggi del calcio offensivo.

Soprattutto al Napoli, dove le cose scorrevano in attacco come la lava che sgorga dal cuore del Vesuvio, non ha cercato di limitare la natura dei suoi giocatori che lottano tra il centro e l’attacco. Invece, ha dato loro più libertà e alcuni… obblighi. Come nella corsa e nella marcatura dall’inizio alla fine. Affinché un allenatore lasci il segno nella squadra, non ha solo bisogno di soldi. Ma la maggior parte delle volte. È l’unico modo in cui può… farne uno dolce. Dopo la scorsa stagione, Spalletti ha visto un set che voleva e l’ha immaginato dal primo giorno in cui si è seduto sulla panchina dei “Partenopei”. Un progetto che porta la sua firma.

La … modalità “Quaradona”.

Come diceva HPO “c@mise fashion Diego Maradona aaaa…”. Kvitsa Kvaratskelia ha la reputazione di giocatore che può fare miracoli con la palla ai suoi piedi. Tuttavia, poiché molte squadre l’hanno visto da qualche parte… hanno resistito. L’Ajax lo ha quasi firmato. Ma pensa che i 16 milioni di euro che gli chiedono siano tanti.

Il Napoli ha rischiato. E ha ottenuto di più. Almeno per ora. Gli italiani hanno dato quello che era stato loro chiesto e i georgiani si sono messi al lavoro. Il resto si può vedere in campo. Tutto ciò che scriviamo o diciamo sui suoi dribbling, i suoi takedown, le sue mosse con o senza palla, le sue corse dalle fasce, è davvero poco. Non ha sputato.

Solo per chi non lo ha ancora ammirato, dovrebbe farlo subito. Il fatto che i tifosi della nazionale italiana abbiano e abbiano come Dio Diego Armando Maradona la dice lunga. Ma per Kvitsa Kvaratskelia soprannominato ‘Kvaradona’ la dice lunga sull’asso georgiano e su quanto abbia influenzato i ‘partenopei’.

Spettacolare significa efficace?

Se in tutti i paesi del mondo una partita finita 5-4 è stata… un miracolo in Italia, è un peccato e un motivo di pubblica condanna. Soprattutto per l’allenatore e i difensori. Meglio 1-0 che vincere con molti gol. Questo è il motto e non cambierà.

Tuttavia, il Napoli quest’anno sarà contrario… alla legge. Va controcorrente. La squadra di Luciano Spalletti ha combinato – nella maggior parte delle partite – spettacolo, ma anche efficienza. I “Partenopei” sono primi in Serie A, sono primi nel loro girone in Champions League, segnando più gol, mentre non hanno mai perso in nessuna competizione in cui si trovano.

Quindi sì… Nel caso del Napoli spettacolo significa anche risultati, perché come diceva Johan Cruyff anni fa: “Il calcio senza spettacolo è noioso. Il calcio senza risultati è… un circo”.

Per Diego (e non solo)

Brutta bugia. Ogni squadra che il Napoli ha costruito con fatica e sudore non deve solo affrontare le rivali. Non aveva solo se stesso da affrontare. Ma deve anche battere in modo informale… contro il fantasma di una squadra il cui leader è Diego Armando Maradona.

L’argentino era e rimane una leggenda per il club. “Dieguito” non è vivo. Non riusciva più a vedere la mazza del cuore del campione. Tuttavia, una cosa è certa. Che tutti hanno giocato anche per lui. Il Napoli ha giocatori che possono renderlo orgoglioso. Luciano Spalletti ha il DNA di un vincente. Il tecnico italiano sa benissimo cosa deve fare per portare i suoi giocatori a grandi traguardi.

Non solo per lui. Non solo per i napoletani. Ma ovviamente anche per il mitico Diego!

Segui sportsking.gr su Google News per essere il primo a conoscere le novità dei principali campionati europei.

Come in la nostra nuova pagina Facebook e sii il primo a conoscere le novità della tua squadra del cuore

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *