Monkeypox: nuovi risultati, raccomandazioni dell’OMS e 7.594 casi

Shutterstock

Dal 1 gennaio, quando i primi casi di virus del vaiolo delle scimmie sono stati registrati al di fuori dei paesi dell’Africa occidentale e centrale, dove il virus è endemico da decenni, fino a venerdì 8 luglio, 7594 casi confermati di virus del vaiolo delle scimmie e 3 decessi sono stati registrati nel rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità.

I casi sono ora preoccupanti per 59 paesi e da quando il precedente rapporto dell’OMS è stato pubblicato il 27 giugno, 4.181 nuove diagnosi sono state aggiunte all’elenco dei casi fino a ieri, di cui 1.567 sono state registrate in 4 giorni dal 4 all’8 luglio. Tra il 27 giugno e l’8 luglio sono stati registrati 2 decessi su 3, con 9 nuovi paesi che hanno segnalato per la prima volta casi di vaiolo delle scimmie.

È allarmante l’aumento dei casi di virus del vaiolo delle scimmie negli ultimi giorni, in aumento del 77% tra il 27 giugno e il 4 luglio. Accanto. per la prima volta nei paesi in cui sono stati registrati per la prima volta casi di diffusione locale senza un legame epidemiologico con viaggi o contatti con viaggiatori che lo collegano a paesi dell’Africa occidentale o centrale dove il virus è endemico dal 1970.

Tra i lati positivi, 10 paesi con recenti focolai di virus del vaiolo delle scimmie non hanno finora segnalato nuovi casi durante il periodo di incubazione di 21 giorni del virus.

Disponibile la mappa globale aggiornata dell’epidemia di vaiolo delle scimmie qui.

Sulla base della mappa, i paesi con il maggior numero di casi includono il Regno Unito con 1351 casi, la Germania con 1385 casi, la Spagna con 1256 casi, gli Stati Uniti con 699 casi, la Francia con 577 casi, il Portogallo con 415 casi, i Paesi Bassi con 402 casi, Canada con 370 casi, Italia con 233 casi, Belgio con 168 casi, Svizzera con 135 casi e Israele con 59 casi. In Belgio, Paese con una popolazione simile alla Grecia (11,5 milioni di abitanti) dove, secondo il National Institutes of Health, sono stati rilevati 168 casi, è arrivato il primo lotto del vaccino contro il vaiolo delle scimmie di 3a generazione come annunciato dalla Commissione.

Il commissario per la Salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakidou ha sottolineato che, grazie alla rapida risposta dell’Autorità europea per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA), la prima spedizione di 3.040 vaccini contro il vaiolo delle scimmie è arrivata in Belgio per proteggere i belgi e affrontare questo problema. epidemico.

Secondo Stella Kyriakidou attraverso l’Autorità europea HERA, l’UE ha acquistato vaccini per tutti gli Stati membri che ne hanno bisogno. In due settimane, la Commissione ha finanziato la fornitura di circa 110.000 dosi e le consegne sono già iniziate nei paesi più colpiti, tra cui Spagna, Germania, Portogallo e Belgio. Ulteriori consegne verranno effettuate nelle prossime settimane.

Nel nostro Paese, a ieri, 7/07/22, sono stati confermati in laboratorio 11 casi di vaiolo delle scimmie. Secondo l’annuncio EODY, 6 di loro sono stati importati, 4 hanno segnalato contatti con casi sospetti di cittadini stranieri nel nostro Paese e 1 caso non ha segnalato viaggi all’estero o contatti con casi sospetti, cioè legati a diffusione locale senza un collegamento epidemiologico con paesi in cui il virus è endemico…

Tutti i casi registrati in Grecia sono guariti o si stanno riprendendo in condizioni cliniche generalmente buone. Il rischio di sviluppare la malattia rimane basso per la popolazione generale.

Nel quadro globale, i dati sul sesso dei pazienti e sulla loro età erano disponibili per il 73% dei casi, ovvero per 4406 individui affetti. Di questi, il 99,5% (4.385 persone) erano uomini e l’età media dei casi era di 37 anni. Gli uomini di età compresa tra 18 e 44 anni contraggono ancora il vaiolo delle scimmie in modo sproporzionato rispetto ad altri gruppi di età, rappresentando il 79% dei casi.

Fortunatamente i casi rimangono minimi tra i minori con solo 6 casi che coinvolgono persone fino a 17 anni di età (0,1% dei casi). Il quadro clinico del paziente è atipico in quanto molti casi di nuova diagnosi non mostrano i classici sintomi del vaiolo delle scimmie che includono febbre, ingrossamento dei linfonodi ed eruzioni cutanee.

Tra i casi che hanno segnalato almeno un sintomo al servizio sanitario, l’81% ha avuto un’eruzione cutanea diffusa sul corpo, il 50% ha avuto la febbre (solo uno su due) e il 41% ha avuto un’eruzione cutanea sui genitali e nella zona anale.

A causa della stagione estiva e dello svolgimento di un gran numero di eventi all’aperto ad alta densità, l’OMS ha emesso raccomandazioni per prevenire la diffusione e l’individuazione precoce dei casi, raccomandando che i sospettati di avere sintomi siano sottoposti a test molecolari sottolineando la necessità di accesso a test molecolari specifici per il virus del vaiolo delle scimmie in tutti i paesi membri.

Il vaiolo delle scimmie non è l’unica malattia del passato che bussa di nuovo alle nostre porte. I primi due casi del virus Marburg, che appartiene alla stessa famiglia del virus Ebola e provoca la febbre dengue, sono stati registrati in Ghana. Due dei pazienti colpiti sono morti e i campioni sono stati inviati per l’analisi di conferma all’Istituto Pasteur in Senegal, che è un partner dell’OMS. Il virus provoca diarrea, febbre, nausea e vomito e ha un tasso di mortalità molto più alto rispetto al coronavirus. Il tasso di mortalità del virus Ebola supera il 30%.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.